22 Gennaio 2018
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  •    - Afghanistan
  •    - Bangladesh
  •    - Bhutan
  •    - India
  •    - Nepal
  •    - Pakistan
  •    - Sri Lanka
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 25/02/2011, 00.00

    PAKISTAN

    Il governo vuole rivedere i programmi delle scuole religiose islamiche



    Le madrasse (scuole religiose) adesso insegnano quasi soltanto studi coranici. Il governo vuole introdurre letteratura araba e inglese, matematica e computer. Ma incontra l’opposizione di molti leader religiosi. Milioni di studenti non possono pagare la scuola statale e frequentano solo questi istituti.
     Islamabad (AsiaNews/Agenzie) – Il governo indica alle scuole religiose islamiche (madrasse) di fornire agli studenti una preparazione di base in materie come matematica, lingua inglese e anche informatica e uso del computer. Ma incontra l’opposizione delle scuole, molte delle quali si preoccupano soltanto di insegnare il libro sacro islamico, il Corano.

    Le madrasse sono fondamentali nel sistema scolastico pakistano. Uno studio del Dipartimento scuola e letteratura di Khyber Pakhtunkhwa, una delle 4 province pakistane, osserva che nella regione ci sono circa 10.887 madrasse ufficiali con non meno di 2 milioni di studenti nel 2010 (erano 201 nel 1947). Circa l’85% di queste scuole sono dirette da sunniti, mentre le altre da sciite.

    Peraltro solo il 25% delle scuole ha chiesto la registrazione statale e la gran parte dei circa 4mila insegnanti uomini e 900 donne hanno a loro volta studiato presso scuole religiose.

    Sardar Hussain Babak, ministro per l’Istruzione di Khyber Pakhtunkhwa, spiega all’agenzia InterPressService che “molti di questi insegnanti non sono in grado di svolgere un vero insegnamento. Non hanno ricevuto un’istruzione moderna. Il governo offre loro assistenza finanziaria e tecnica, ma non la vogliono”. Il governo, infatti, vuole che agli studenti sia fornita un’istruzione completa, ma i leader delle scuole religiose considerano queste iniziative come un’indebita interferenza.

    “Circa il 99% degli studenti – prosegue Babak – vengono da famiglie povere che non potrebbero pagare i costi di una moderna scuola statale e li mandano in una scuola religiosa dove non sono chieste tasse”. Anzi, molte scuole provvedono anche all’alloggio e al vitto degli studenti.

    Muhammad Asif insegna alla scuola Uma Hatul Mamineen. Dice che “le scuole religiose sono ottime perché insegnano il vero significato dell’Islam. Ma devono dare un’istruzione moderna, con matematica, inglese, computer eccetera”. Osserva che molti studenti delle scuole religiose sono analfabeti.

    Le madrasse sono state anche accusate di promuovere il terrorismo, fornendo un’istruzione estremista e operando una sorta di “reclutamento” per i gruppi radicali. Gli Stati Uniti hanno più volte chiesto al Pakistan di controllarle e introdurre un insegnamento moderno.

    Accuse respinte con forza dai responsabili delle scuole. Maulana Samiul Haq, cancelliere di Darul Uloom Haqqania, il maggiore seminario religioso del Paese, dice che “nella nostra scuola ci sono oltre 4.500 studenti. Sono tutti pacifici e apolitici. Hanno partecipato alla lotta contro i leader Mujahideen solo per salvaguardare l’Afghanistan contro il governo Mujahideen diviso e corrotto a Kabul”.

    Ma Babak insiste e osserva che secondo il programma del governo, continueranno ad essere insegnati Nazirah-e- Koran (recitazione del Corano), Tahfeez-ul-Koran (imparare a memoria il Corano), Tajweed (pronuncia corretta), darse-e-nizami (il sillabo dei seminari religiosi), tafseer (analisi e interpretazione coranica), hadith (i detti del profeta Maometto) e Fiqah (giurisprudenza islamica). Ma saranno pure introdotti letteratura araba, urdu, inglese, scienza, matematica, computer e informazione tecnologica, insegnamento di un mestiere.

     

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    30/06/2016 12:30:00 PAKISTAN
    Chiesa pakistana contro il taglio dei fondi alle minoranze per finanziare una madrassa talebana

    La decisione del governatore Imran Khan ha suscitato critiche da più parti. La scuola islamica che riceverà i fondi delle minoranze istruisce terroristi che agiscono in patria e in Afghanistan. Tra i suoi studenti anche gli assassini dell’ex premier Benazir Bhutto. Leader islamici difendono la decisione.



    23/12/2014 PAKISTAN
    Karachi, 13 talebani uccisi in una sparatoria. Islamabad pronta a giustiziare 500 terroristi
    I miliziani morti nello scontro a fuoco appartengono al Tehreek-e-Taliban Pakistan, autore della strage alla scuola militare di Peshawar. I terroristi indossavano “divise della polizia”. Il governo pakistano annuncia centinaia di impiccagioni nelle prossime settimane. Critiche da Onu e attivisti pro diritti umani.

    22/12/2014 PAKISTAN
    Strage alla scuola di Peshawar: la polizia pakistana arresta un gruppo di sospetti
    I fermati sono sospettati di “favoreggiamento”. Per il ministro degli Interni le indagini proseguono “nella giusta direzione”. Fonti dell’intelligence: pronti nuovo attentati. Migliaia di cittadini hanno reso omaggio alle 148 vittime del massacro alla scuola militare, di cui 132 bambini.

    18/12/2014 PAKISTAN
    Arcivescovo di Karachi: Preghiera e silenzio nelle scuole cattoliche per le vittime della strage di Peshawar
    Mons. Coutts ricorda le “vittime innocenti di una violenza senza senso”. Il prelato esorta i fedeli a essere fonte di “pace e riconciliazione”. Le divisioni fra gruppi talebani acuiscono le violenze; la guerra di potere fra governo e vertici militari favoriscono il terrorismo islamista. Attivista musulmano: è l’11 settembre del Pakistan. Sacerdote cristiano: attacco al futuro di un Paese civile.

    17/12/2014 PAKISTAN
    Vescovo di Islamabad: Paese sotto shock per il martirio di Peshawar, uniti contro il terrorismo
    Mons. Rufin Anthony ha guidato una veglia di preghiera per ricordare le vittime dell’attacco talebano alla scuola militare. Nell’assalto sono morti 132 studenti, poco più che bambini, e nove insegnanti. Le drammatiche testimonianze dei sopravvissuti. Condanna unanime di leader religiosi cristiani e musulmani, politici e società civile. Il premier pakistano reintroduce la pena di morte per terrorismo.



    In evidenza

    EGITTO-LIBANO
    Al Cairo, musulmani e cristiani si incontrano per Gerusalemme, ‘la causa delle cause’

    Fady Noun

    Si è tenuta il 16 e 17 gennaio all’istituto sunnita al-Azhar. Hanno preso parte molte personalità del Libano, fra cui il patriarca maronita Bechara Raï. I mondo arabo diviso fra “complice passività” e “discorsi rumorosi ma inefficaci”. Ex-premier libanese: coordinare le azioni per una maggiore efficienza al servizio di una “identità pluralistica di Gerusalemme” e della “libertà religiosa”. Card. Raï: serve preghiera congiunta, la solidarietà interreligiosa islamico-cristiana in tutto il mondo arabo e sostenere i palestinesi.


    CINA
    Yunnan: fino a 13 anni di prigione per i cristiani accusati di appartenere a una setta apocalittica



    Le setta in questione è quella dei Tre gradi del Servizio, un gruppo pseudo-protestante sotterraneo fondato nell’Henan e diffuso soprattutto nelle campagne. I condannati rivendicano di essere solo cristiani e di non sapere nulla della setta. Gli avvocati difensori minacciati della revoca della loro licenza.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

     









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®