26 Luglio 2016
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est

  • mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato


    » 20/07/2007, 00.00

    ITALIA – FILIPPINE

    Il "grazie" del Pime a quanti hanno contribuito alla liberazione di p. Bossi



    Un comunicato del Pontificio Istituto Missioni Estere

    Roma (AsiaNews) – Il Pontificio Istituto Missioni Estere, “appresa con gioia la liberazione di P.Giancarlo Bossi”, in un comunicato “vuole esprimere la sua gratitudine anzitutto a Dio, per aver fatto ritornare a casa, sano e salvo, il suo confratello. Il Signore ha ascoltato veramente la preghiera intensa di tante persone, cristiane, mussulmane e di altre fedi religiose, che si sono unite alla nostra preghiera, in primo luogo il Santo Padre che ancora questa notte ha pregato per il nostro P.Giancarlo.

    Molte sono state le iniziative di solidarietà sorte a sostegno della liberazione di P.Giancarlo. Sappiamo che altre sono ancora in corso. Che queste iniziative diventino occasione di festa, come è stato per i famigliari e in particolare la mamma Amalia che lo ha sentito al telefono il giorno del suo compleanno.

    Il PIME  ringrazia tutti coloro che hanno collaborato alla liberazione di P.Bossi, in particolare il Governo italiano, il Ministero degli esteri e l’Unità di crisi, il Governo filippino, la polizia e i leader locali.

    Vogliamo ringraziare tutti di cuore e per tutti chiediamo al Signore la Sua benedizione e il dono della pace”.

    P.Gian Battista Zanchi, PIME - Superiore Generale

     

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    25/07/2007 FILIPPINE – ITALIA
    Payao, grande festa per il ritorno di p. Bossi
    Ad accogliere il missionario del PIME cristiani e musulmani che, uniti, hanno manifestato la loro gioia. Egli ha celebrato una messa nella sua parrocchia, poi ha ringraziato quanti hanno pregato per lui durante il sequestro.

    20/07/2007 FILIPPINE – ITALIA
    P. Bossi: “Tornerò fra la mia gente”
    Il missionario italiano ripercorre i drammatici giorni del sequestro. Gli mancano il calore della gente e l’affetto “dei bambini”, perché il suo cuore “è e resta sempre a Payao”. Si moltiplicano i messaggi di felicitazioni per il suo rilascio.

    10/08/2007 FILIPPINE – ITALIA
    Missionari PIME: Con p. Bossi, alla logica della violenza rispondiamo con la grazia del perdono
    Il missionario rientrerà in Italia domenica a mezzogiorno, con un volo di linea proveniente da Dubai. A Manila il PIME e la Chiesa locale hanno discusso sul futuro della missione nelle Filippine: resta alto il pericolo sequestri, ma la loro presenza è “fondamentale”.

    19/07/2007 FILIPPINE
    P. Bossi: “Sto bene, vorrei tornare a salutare i miei parrocchiani”
    Il missionario racconta che in questi giorni ha mangiato riso e sale e ha detto che smetterà di fumare. Portato a un campo militare, a Manila lo aspetta il presidente delle Filippine.

    16/10/2007 ITALIA-FILIPPINE
    “Rapito da Cristo e dai poveri”: padre Bossi si racconta in un libro
    Il missionario parla dell’esperienza del suo sequestro che, sottolinea il superiore generale del Pime “prende significato alla luce della vocazione missionaria che ha portato Giancarlo nelle Filippine”.



    In evidenza

    ASIA-GMG
    Card. Gracias: Alla Gmg di Cracovia i giovani asiatici portano i valori asiatici

    Nirmala Carvalho

    I nostri pellegrini asiatici non portano solo la grandezza, la vitalità e la bellezza dell’Asia, ma anche la diversità multi-culturale, il pluralismo e i valori asiatici dell'ospitalità, la famiglia e, naturalmente, la Chiesa dei giovani. Alla scoperta di Cracovia e del carisma di Giovanni Paolo II, iniziatore della Gmg.


    SIRIA
    Orrore ad Aleppo: gruppo ribelle “moderato” decapita un bambino palestinese



    Il movimento Nur Eddin Zanki ha sgozzato l’11enne Abdallah Issa al grido di “Allah Akhbar”. Il bambino è stato giustiziato per aver collaborato con l’esercito governativo. Prima di morire egli è stato vittima di torture. Il comando generale, prende una (timida) distanza dalla barbara uccisione. Il gruppo è sostenuto da Turchia, Usa, Qatar e Arabia saudita.

     


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®