23 Ottobre 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 09/10/2017, 15.57

    ISRAELE - PALESTINA

    Il 'grido' per la pace delle donne palestinesi ed israeliane



    Hanno partecipato in 30mila alla marcia partita a settembre da Sderot fino a Gerusalemme. Sobhy Makhoul: sono donne ferite nel cuore, la loro voce vera e sincera in un mondo quasi sordo. 

    Gerusalemme (AsiaNews) – “Un grido vero e sincero” in un mondo “che è quasi sordo”. Così Sobhy Makhoul, diacono del Patriarcato maronita di Gerusalemme, commenta il corteo per la pace che si è tenuto ieri a Gerusalemme. Circa 30mila donne hanno marciato per la città, dichiarando a voce unisona: “Non ci fermeremo fino a quando otterremo un accordo di pace”.

    L’iniziativa, promossa dall’ong “Women Wage Peace” (Wwp), è partita il 24 settembre (capodanno ebraico) da Sderot, nel deserto del Negev, per poi procedere nei Territori e in Israele. Essa ha incluso attività diverse, fra marce e momenti di incontro, dialogo e preghiera, e si concluderà domani a Gerusalemme. Le partecipanti chiedono un accordo politico per la pace e l’inclusione delle donne nei negoziati.

    Fra le relatrici vi era l’ex-parlamentare Shakib Shanan, madre di una delle vittime dell’attacco alla Spanata delle Moschee dello scorso luglio: “Nel nome di questo grande pubblico e di centinaia di migliaia di israeliani, mi rivolgo ad Abu Mazen [il presidente palestinese Mahmoud Abbas] e al [primo ministro Benjamin] Netanyahu – Basta! Mettetevi a tavolino! Vogliamo la pace.”

    Per Makhoul simili iniziative “dal basso verso l’alto” sono importanti perché “esprimono una parte del popolo israeliano, il quale non vuole la guerra, l’occupazione, che continui questa situazione”. La  voce di queste donne riempie il vuoto lasciato dall’assenza di partiti politici che si impegnino davvero per la pace, in un momento di “ristagno politico” dovuto al disinteresse della comunità internazionale verso la questione palestinese.

    “Queste donne sono sincere in quello che dicono, cercano di far valere la loro voce in un mondo che è quasi sordo – afferma Makhoul – Hanno sofferto molto, sia israeliane che palestinesi. I loro figli sono stati soldati, forse sono stati feriti, forse sono stati ammazzati o sono morti in guerra. Questa gente che chiama e che grida, sono donne ferite nel cuore. È un grido vero e sincero che speriamo porti frutto”.

    Wwp è nata tre anni fa, come reazione al conflitto a Gaza, e conta al momento 24mila membri, fra cui “migliaia di donne di destra, centro e sinistra, arabe ed ebree, religiose e laiche – tutte unite per chiedere un accordo politico per porre fine al conflitto israelo-palestinese”.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    22/07/2017 08:50:00 ISRAELE – PALESTINA
    Proteste a Gerusalemme: centinaia di palestinesi feriti e tre morti

    La tensione era stata alta sin dalla mattina. Gli scontri sono esplosi dopo la preghiera, scatenati dal lancio di granate stordenti da parte della polizia per separare i gruppi di manifestanti. Le vittime avevano fra i 18 e i 20 anni. In serata, un palestinese ha accoltellato a morte tre coloni perché “non c’è vita dopo quello che ho visto ad al-Aqsa”.



    04/05/2017 15:30:00 USA - PALESTINA
    La ‘pace facile’ di Trump non convince i palestinesi

    Il presidente degli Stati Uniti incontra il presidente dell’Autorità nazionale palestinese Mahmoud Abbas. Bernard Sabella, rappresentante cattolico di Fatah, e l’attivista Adel Misk commentano: troppe ambiguità da Washington e inflessibilità di Israele su punti importanti come i profughi e gli insediamenti. Abbas parla di speranza, ma essi vedono “una strada senza uscita”. La “caramella” per i palestinesi.



    26/07/2017 12:16:00 PALESTINA - ISRAELE
    Autorità palestinesi religiose e politiche continuano il boicottaggio della Spianata

    Israele ha rimosso i metal detector, ma ha annunciato nuove misure di controllo. Per Mahmoud Abbas si deve tornare a prima del 14 luglio per “tornare alla normalità” e riaprire il dialogo. La Corte suprema israeliana accorda la richiesta di un’Ong per i diritti umani alla restituzione dei corpi degli assalitori del 14 luglio.



    23/05/2017 14:38:00 ISRAELE - PALESTINA - USA
    Mahmoud Abbas: ‘non è un conflitto di religioni. Il problema è l’occupazione’.

    Oggi l’incontro fra Abbas e il presidente Usa Donald Trump. Il presidente dell’Autorità palestinese chiede la fine dell’occupazione e degli insediamenti. Per Trump, il problema è il terrorismo. La Cisgiordania sciopera a sostegno dei prigionieri in digiuno da più di un mese. Bernard Sabella: serve leadership politica, non armi, e capire le cause del terrorismo per sconfiggerlo.



    18/05/2017 13:01:00 TERRA SANTA
    Ordinari cattolici di Terra santa: Israele e Palestina sono una ferita aperta e infetta. Rifiutare le ingiustizie come ‘normali’

    La Commissione Giustizia e pace dell’Assemblea degli ordinari cattolici di Terra Santa si scaglia contro la “normalizzazione” della situazione israelo-palestinese. Il conflitto influisce sulla vita di tutti i giorni in Palestina e Israele: i palestinesi subiscono discriminazioni e occupazione. Ignorare la situazione “anormale” significa collaborare alle ingiustizie e alla mancanza di pace. L’appello alla Chiesa universale: ha il dovere naturale di denunciare le ingiustizie.





    In evidenza

    VATICANO
    Papa: Lettera per i 100 anni della Maximum Illud sull’attività svolta dai missionari nel mondo



    Per l’ottobre 2019, papa Francesco lancia un Mese Missionario Straordinario per risvegliare l’impegno della missione ad gentes e per trasformare in modo missionario la pastorale ordinaria, sfuggendo alla stanchezza, al formalismo e all’autopreservazione. Il “compito imprescindibile della missione ad gentes da Benedetto XV al Concilio Vaticano II, a papa Giovanni Paolo II, fino all’Evangelii Gaudium.


    CINA-VATICANO
    Wang Zuoan: Papa Francesco è sincero, ma deve sottostare a due condizioni

    Li Yuan

    In un’intervista alla Commercial Radio, il direttore dell’Amministrazione statale per gli affari religiosi ribadisce l’urgenza di tagliare i rapporti con Taiwan e di non interferire negli affari interni della Cina, nemmeno quelli religiosi. Grandi elogi al discorso di Xi Jinping da parte dei due vescovi ospiti del Congresso del Partito, Fang Xinyao e Ma Yinglin. “Falsi pastori, ma reali schiavi”. I timori di un cattolico sotterraneo.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®