24 Marzo 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 13/11/2006, 00.00

    MALAYSIA

    Il mufti di Perak accusa una donna per i falsi Sms sul battesimo di musulmani



    La catena di messaggi sul cellulare aveva portato centinaia di persone davanti ad una chiesa per protestare, ma si trattava solo di Prime comunioni di ragazzi cattolici. Il mufti Harussani Zakaria dichiara: una donna mi ha avvertito dell'imminente cerimonia, io ho solo fatto il mio dovere di ricordare ai musulmani le minacce che oggi affronta l'islam.

    Kuala Lumpur (AsiaNews) – Il mufti di Perak, lo Stato malaysiano dove si è verificato l'assedio ad una chiesa cattolica accusata ingiustamente di battezzare musulmani, si difende accusando per l'accaduto una donna che avrebbe messo in giro il falso allarme. Unica colpa del leader musulmano sarebbe, a suo dire, quella di aver fatto semplicemente il suo dovere: avvertire i responsabili della comunità locale delle "minacce che oggi affronta l'islam". Secondo quanto riporta stamattina il quotidiano The Star, il mufti Harussani Zakaria ha raccontato in questi termini alla stampa il contenuto del suo incontro con il sultano di Perak, che voleva spiegazioni sull'accaduto.

    Il 5 novembre scorso, nella chiesa di Nostra Signora di Lourdes a Ipoh si stava celebrando la Prima comunione di 110 ragazzi cattolici, quando circa 300 persone hanno circondato l'edificio, istigati da una serie di falsi Sms, che annunciavano il battesimo di un gruppo di musulmani.

    Harussani sostiene che già il 21 ottobre una donna – ex studentessa dell'Università al-Ahzar al Cairo, convertita al cristianesimo e ora di nuovo all'islam – gli aveva inviato un Sms con la data e il luogo del presunto battesimo di gruppo. Subito dopo il mufti le ha chiesto di incontrarsi. In quell'occasione la donna gli ha consegnato del materiale, con il quale provava l'imminente battesimo di centinaia di studenti di etnia malay. A questo punto Harussani ha ritenuto doveroso riferire le informazioni in suo possesso ai rappresentanti delle Ong musulmane, in un incontro svoltosi il 2 novembre alla moschea di Perak. Ora il mufti ha consegnato il materiale alla polizia, che indaga sul caso.

    "Pensavo che le mie parole rimanessero nell'ambito dell'incontro – dice Harussani – non pensavo che qualcuno dei presenti le avrebbe fatte circolare". "Non era mia intenzione creare il caos – aggiunge – come mufti però ho la responsabilità di ricordare ai musulmani le minacce che l'islam affronta oggi".

    Harussani ha rilasciato la sua deposizione sui fatti del 5 novembre alla polizia. L'uomo nega di essere stato l'autore dei falsi Sms. Gli inquirenti in queste ore stanno verificando le sue dichiarazioni.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    30/05/2007 MALAYSIA
    Kuala Lumpur non riconosce la conversione della cristiana Lina Joy
    Oggi la Corte federale ha rimesso al tribunale islamico il caso di Lina Joy, la donna che da anni chiede il riconoscimento legale della sua conversione dall’islam. Diventa lampante la contraddizione interna al Paese: la libertà religiosa garantita dalla Costituzione non può convivere con la legge islamica, che viene imposta sempre più anche a cittadini non musulmani. Fuori dal tribunale centinaia di manifestanti gridano “Allah-o-Akbar”.

    22/08/2006 malaysia
    Malaysia: volantini invocano la morte di un avvocato legato a Lina Joy

    La campagna intimidatoria è contro Malik Imtiaz Sarwar, membro del Consiglio degli avvocati, che ha sostenuto l'appello alla Corte federale della musulmana convertita al Cristianesimo. Già a luglio il Consiglio è stato oggetto di critiche da parte di estremisti intenzionati a "difender l'Islam" nei tribunali civili.



    29/08/2006 MALAYSIA
    Minacce di morte a Lina Joy, che combatte per la libertà religiosa e per la vita

    Minacce di morte a lei e al suo fidanzato costringono la coppia a nascondersi. Intimidazioni anche all'avvocato, che la difende nell'appello per il riconoscimento della sua conversione al Cristianesimo.



    15/07/2009 MALAYSIA
    Arrestati nove cristiani accusati di proselitismo
    Studenti musulmani della University Putra Malaysia (Upm) affermano che il gruppo distribuiva volantini sul cristianesimo. La vicenda sembra legata alla polemica per un articolo di due giornalisti musulmani che si sono finti cattolici, partecipato a due messe e fatto la comunione, per verificare se nelle funzioni avvengono conversioni forzate.

    28/06/2006 MALAYSIA
    Malaysia: premi per chi sposa e converte all'Islam gli indigeni animisti

    Lo Stato del Kelantan, retto da estremisti islamici, prevede denaro, auto e abitazione gratuita ai musulmani che portano all'Islam gli Orang Asli, animisti. In molti definiscono il provvedimento una violazione dei diritti umani, ma i leader politici spiegano: "È  solo un modo per aiutare le giovani coppie".





    In evidenza

    VATICANO
    Il Papa ai giovani: Memoria del passato, coraggio nel presente, speranza per il futuro



    Diffuso oggi il Messaggio per la 32ma Giornata mondiale della gioventù sul tema “Grandi cose ha fatto per me l’Onnipotente”. Il modello di Maria nel suo incontro con Elisabetta. Rifiutare l’immobilità del “divano” dove starsene comodi e sicuri. Vivere l’esperienza della Chiesa non come una “flashmob” istantanea. Riscoprire il rapporto con gli anziani. Vivere il futuro in modo costruttivo non svalutando “le istituzioni del matrimonio, della vita consacrata, della missione sacerdotale”.


    AFGHANISTAN
    P. Moretti: Le Piccole sorelle di Gesù, per 60 anni “afghane fra gli afghani”



    Hanno vissuto 60 anni al servizio dei bisognosi. Sono rimaste a Kabul sotto l’occupazione sovietica, il controllo dei talebani e i bombardamenti Nato. Rispettate da tutti, anche dai talebani. Questo febbraio è finita la loro esperienza, secondo p. Moretti “una a cui guardare”.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®