19 Gennaio 2018
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  •    - Afghanistan
  •    - Bangladesh
  •    - Bhutan
  •    - India
  •    - Nepal
  •    - Pakistan
  •    - Sri Lanka
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 20/07/2017, 09.12

    CINA – INDIA

    Il nazionalismo indù di Modi potrebbe scatenare un’altra guerra: parola del Global Times



    Un bellicoso editoriale del quotidiano del Partito comunista cinese chiarisce la posizione di Pechino. Tra Cina e India la tensione si è riaccesa al confine con il Bhutan, sull’altopiano di Doklam rivendicato dai cinesi. Gli eserciti sono schierati faccia a faccia da circa un mese. “L’India si sente ancora accerchiata”.

    Pechino (AsiaNews/News18) – Il quotidiano del Partito comunista cinese ha innalzato il livello della sua retorica contro l’India fin dall’inizio del faccia a faccia militare [sull’altopiano] di Doklam quattro settimane fa. Il suo ultimo attacco è contro il primo ministro indiano Narendra Modi e “l’aumento del nazionalismo indù”. Paventando la minaccia di un conflitto armato, un editoriale del Global Times ha detto che il “nazionalismo religioso” rischia di spingere India e Cina verso un’altra guerra.

    Nell’editoriale si afferma: “Il fervore nazionalista che chiede vendetta contro la Cina affonda le sue radici in India fin dalla guerra per il confine. L’elezione del primo ministro indiano Narendra Modi ha alimentato i sentimenti nazionalisti del Paese. Per giungere al potere, Modi ha sfruttato la crescita del nazionalismo indù… Questa volta la disputa sul confine è un’azione diretta contro la Cina, che soddisfa la domanda dei nazionalisti religiosi dell’India”.

    L’articolo sostiene che la guerra del 1962 ha portato ad un “radicato sospetto verso la strategia cinese”. “L’India cova un profondo sospetto strategico nei confronti della Cina…Per lungo tempo essa ha instillato l’idea che la Cina stesse perseguendo quella che veniva chiamata la ‘Collana di perle’, con l’obiettivo di accerchiare l’India. Nonostante la buona volontà cinese di invitare l’India a prender parte all’iniziativa ‘One belt, One road’, Delhi insiste nell’interpretare il progetto come parte del contenimento strategico e dell’accerchiamento cinese”.

    L’iniziativa “One belt, One road” viene vista come il progetto prediletto del presidente cinese Xi Jinping. New Delhi si è opposta al progetto che passa attraverso il territorio del Kashmir occupato dal Pakistan e non ha partecipato al suo grande lancio a Pechino all’inizio di quest’anno. Nelle ultime settimane la Cina ha stretto la morsa della retorica contro l’India in seguito al confronto tra i due eserciti nazionali nella zona di giuntura dei due Paesi con il Bhutan. Il faccia a faccia si è innescato quando le truppe indiane [l’Indian Army, ndr] hanno impedito all’esercito cinese [il People's Liberation Army, ndr] di costruire una strada nell’area. La Cina ha reclamato che il suo esercito stava costruendo la strada all’interno del proprio territorio e ha chiesto un’immediata ritirata delle truppe indiane dal conteso altopiano di Doklam. New Delhi ha espresso preoccupazione per la costruzione della strada, contestando che essa avrebbe consentito all’esercito cinese di tagliare l’accesso dell’India ai suoi Stati del nord-est.

    L’India ha comunicato al governo cinese che la costruzione della strada avrebbe comportato un significativo cambiamento dello status quo, con serie implicazioni per la sicurezza.

    Doka La è il nome indiano per la regione che il Bhutan riconosce come Doklam, mentre la Cina la considera come parte della sua regione del Donglang. Della frontiera che divide India e Cina, lunga 3.488 chilometri e che va dal Jammu e Kashmir fino all’Arunachal Pradesh, una sezione di 220 chilometri ricade [nello Stato indiano di] Sikkim.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    18/05/2015 INDIA
    Un anno di governo Modi: il “Discorso dell’Odio” per eliminare le minoranze religiose
    Esponenti nazionalisti e radicali indù utilizzano la propaganda del “love jihad” e della “Ghar wapsi” per dividere la società. Essi si sentono “legittimati” perché al governo c’è il Bharatiya Janata Party. Nazionalista indù: “Le moschee devono essere convertite in tane per i maiali”. L’analisi di Ram Puniyani, presidente del Center for Study of Society and Secularism di Mumbai, su come si è radicalizzata la politica indiana, a un anno dall’elezione di Narendra Modi. Traduzione a cura di AsiaNews.

    29/07/2013 INDIA
    Amartya Sen: Narendra Modi non può diventare primo ministro dell’India
    Continuano le polemiche scatenate dalle critiche del Nobel per l’economia sul chief minister del Gujarat e membro del partito ultranazionalista indù (Bharatiya Janata Party, Bjp). Per l’economista, Modi “non ha fatto abbastanza per far sentire le minoranze al sicuro” dopo i massacri del 2002. Esponenti del Bjp gli chiedono di restituire un’onorificenza civile.

    18/07/2013 INDIA
    Narendra Modi va fermato, o distruggerà la democrazia in India
    Per il direttore di Prashant – centro gesuita per i diritti umani, la giustizia e la pace – il chief minister del Gujarat sta diventando “sempre più rabbioso e instabile”. Se non verrà fermato prima delle prossime elezioni “potrebbe davvero essere la fine dell’India come Paese laico”.

    29/08/2017 08:55:00 INDIA – CINA
    Pace ritrovata tra India e Cina: rientra la minaccia di uno scontro militare

    Delhi ha ordinato il ritiro delle sue truppe dall’altopiano di Doklam. La Cina ha bloccato la costruzione di una strada. La vittoria è a metà tra i due Paesi. Per oltre tre mesi si è temuto lo scoppio di una guerra regionale.



    02/07/2015 CINA
    Pechino, la nuova legge sulla sicurezza nazionale dà enormi poteri all’esercito
    La Cina vuole sfruttare le sue risorse “nei mari, nello spazio e nelle regioni polari”. Il Libro Bianco sul Ministero della difesa prevede un cambio di strategia della Marina cinese, da forza di “difesa in alto mare” a una di “protezione in mare aperto”. Rafforzati i controlli su settori chiave come internet, investimenti stranieri e sistemi di informazione.



    In evidenza

    COREA
    La Corea del Nord invierà una delegazione olimpica di alto livello a Pyeongchang



    Dopo due anni di tensioni, il primo incontro fra delegazioni di Nord e Sud Corea. Seoul propone che gli atleti di Nord e Sud marcino fianco a fianco nelle cerimonie di apertura e chiusura dei Giochi (9-25 febbraio 2018).


    VATICANO
    Papa: il rispetto dei diritti di persone e nazioni essenziale per la pace



    Nel discorso ai diplomatici Francesco ha chiesto la soluzione di conflitti – a partire dalla Siria – e tensioni – dalla Corea a Ucraina, Yemen , Sud Sudan e Venezuela – e auspicato accoglienza per i migranti e per gli “scartati”, come i bambini non nati o gli anziani e rispetto per i diritti alla libertà religiosa e di opinione, al lavoro.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

     









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®