21 Agosto 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 18/03/2017, 11.50

    CINA-USA

    Il segretario di Stato Usa giunge in Cina, dopo le minacce di opzioni militari contro Pyongyang

    Wang Zhicheng

    Oggi l’incontro col ministro degli esteri Wang Yi; domani quello con Xi Jinping. La pazienza Usa verso la Corea del Nord “è finita”. Allo studio il boicottaggio di banche e ditte cinesi che commerciano con Pyongyang.

    Pechino (AsiaNews) – Rex Tillerson, segretario di Stato Usa è giunto stamane in Cina, accolto da Wang Yi, ministro cinese degli esteri e domani vedrà il presidente Xi Jinping. A tema vi è la preparazione di un incontro fra i leader delle due potenze, Donald Trump e Xi Jinping, ma quasi senz’altro vi è un altro tema da affrontare: la minaccia nucleare della Corea del Nord e le opzioni per disinnescarla.

    Per quanto riguarda l’incontro fra Xi e Trump, i media americani da tempo diffondono la voce che essi si vedranno il mese prossimo in Florida. In una telefonata lo scorso mese, i due leader si sono promessi a vicenda di plasmare rapporti bilaterali costruttivi per entrambe le parti. Nella telefonata Trump ha anche ribadito l’adesione degli Stati Uniti al principio dell’unica Cina, messo in dubbio settimane prima.

    Ma è probabile che in questa visita a prendere tutta la scena saranno la Corea del Nord e la minaccia del suo programma nucleare.

    Tillerson giunge a Pechino dopo aver visitato Giappone e Corea del Sud. Proprio a Seoul ieri, in una conferenza stampa, egli ha dichiarato che se la tensione militare e la minaccia nucleare crescono nella penisola, gli Stati Uniti non escludono un’operazione militare contro Pyongyang, dato che la “pazienza strategica” è ormai “finita”. Lo stesso Trump, ieri ha twittato che la Cina fa troppo poco per risolvere la crisi nucleare nordcoreana.

    Per bocca del premier Li Keqiang, lo scorso fine settimana la Cina ha ribadito che è necessario fermare il programma nucleare del Nord, ma anche evitare provocazioni da parte del Sud e degli Stati Uniti, soprattutto tenendo esercitazioni militari congiunte. In un editoriale pubblicato oggi dalla Xinhua, si suggerisce a Washington di aprire un dialogo con la Corea del Nord piuttosto che terrorizzarla con minacce.

    Dietro il problema della Corea del Nord si nascondono tensioni fra le due potenze. La Reuters, raccogliendo dichiarazioni di un non ben definito rappresentante Usa, ha detto che gli Stati Uniti vorrebbero sanzionare le banche e le ditte cinesi che operano con Pyongyang. Da parte sua, Pechino accusa gli Stati Uniti di aver venduto un sistema antimissilistico alla Corea del Sud, il Thaad, che serve non solo a fermare possibili missili lanciati da Pyongyang, ma anche a spiare le istallazioni militari della Cina.

    In ogni modo, come afferma l’editoriale di Xinhua, “le due più grandi economie del mondo hanno tutte le ragioni per rimanere decisi a una forte relazione, dato che condividono un ampio raggio di interessi, specie nel commercio”. La Cina è il primo partner commerciale degli Usa e questi sono il secondo partner commerciale di Pechino. Il volume degli scambi dello scorso anno è stato di 519, 6 miliardi di dollari.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    05/04/2017 08:29:00 COREA DEL NORD
    Nuovo test missilistico di Pyongyang, alla vigilia dell’incontro fra Xi Jinping e Donald Trump

    Il lancio di stamattina sembra voler provocare maggior disaccordo fra Cina e Stati Uniti. Il missile di medio raggio è partito da Sinpo ed è finito nel mar del Giappone. Pechino non vuole la caduta di Kim Jong-un e nemmeno l’unificazione delle due Coree.



    08/06/2017 08:37:00 COREA
    Pyongyang lancia nuovi missili. Moon frena lo sviluppo del Thaad

    I missili lanciati oggi non sono sottoposti al divieto Onu. Essi potrebbero colpire delle “grandi navi”. Bloccato ogni ulteriore spiegamento del sistema anti-missilistico Usa per motivi ecologici. Manifestazioni anti-Thaad a Seongju. Seoul è disposto a continuare i rapporti intercoreani con le ong e le organizzazioni caritative e religiose, ma Pyongyang le rifiuta.



    03/02/2017 10:22:00 COREA-USA
    Seoul e Washington per lo scudo spaziale che non piace a Pechino, Mosca e alla Chiesa coreana

    Mattis e il presidente coreano ad interim hanno ribadito la necessità del sistema anti-missilistico Thaad. Per i cinesi, Trump sta potenziando la presenza Usa nel Nordest dell’Asia. Chiesa cattolica: No alla penisola coreana come al centro di una nuova guerra fredda.



    17/08/2017 08:29:00 COREA-USA
    Moon: Non ci sarà una nuova guerra nella penisola coreana

    A 100 giorni dall’entrata in carica, il presidente sudcoreano ribadisce la sua linea verso la Nordcorea di apertura al dialogo e di sanzioni. Ogni opzione militare (degli Usa) avrà bisogno del consenso di Seoul. Pyongyang deve fermare la produzione di armamenti nucleari. I rapporti col Giappone.



    07/08/2017 09:00:00 COREA
    Manila, i ministri degli esteri di Sudcorea, Usa e Giappone valutano la posizione di Pyongyang

    La proposta di mediazione del presidente sudcoreano Moon Jae-in è sostenuta dalla Cina e in parte dagli Usa. Prima stretta di mano fra i ministri degli esteri del Nord e del Sud nell'epoca Moon. La risoluzione Onu dà fiato alle diplomazie nel tentativo di scongiurare la guerra. Moon e Trump a colloquio telefonico.





    In evidenza

    LIBANO-M. ORIENTE-VATICANO
    Patriarchi cattolici d’Oriente: Il genocidio dei cristiani, un affronto contro tutta l’umanità

    Fady Noun

    Colpite da guerre, emigrazione e insicurezza, le comunità cristiane si sono ridotte ormai a un “piccolo gregge” nell’indifferenza internazionale. Un appello a papa Francesco e alla comunità internazionale. Cattolici e ortodossi condividono gli stessi problemi. La fine dei cristiani in Oriente sarebbe “uno stigma di vergogna per tutto il XXI secolo”.


    COREA
    Vescovi coreani: No alle ‘provocazioni imprudenti’. Fermiamo l’escalation nucleare lavorando per la ‘coesistenza dell’umanità’



    I vescovi coreani hanno diffuso oggi un’Esortazione sulle tensioni crescenti attorno alla penisola coreana. La Corea del Nord, ma anche i “Paesi limitrofi” rischiano di compiere “azioni precipitose, senza freni”, che potrebbero portare alla “morte di innumerevoli persone” e a “piaghe profonde per l’intera l’umanità”. Ridurre le spese militari e potenziare le spese per lo sviluppo umano e culturale. L’appello a usare “la coscienza, l’intelligenza, la solidarietà, la pietà e il mutuo rispetto”. La preghiera nel giorno dell’Assunta, festa dell’indipendenza coreana.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®