05/03/2018, 12.25
BRUNEI-CINA
Invia ad un amico

Il sultanato in crisi cerca l'aiuto di Pechino

Le riserve di gas e petrolio, da cui il Brunei dipende, sono destinate ad esaurirsi entro 20 anni. Gli istituti di credito occidentali lasciano il Paese. Al momento, il totale degli investimenti cinesi ammonta a 4,1 miliardi di dollari Usa. Fondi cinesi per 3,4 miliardi dietro la costruzione di una raffineria ed un complesso petrolchimico, oltre ad un ponte che li collegherà alla capitale. In arrivo altri 12 miliardi per l’espansione.

Bandar Seri Begawan (AsiaNews/Agenzie) – Per contrastare la crisi economica che investe il Paese, in recessione per il terzo anno di fila, il Brunei guarda con sempre maggiore interesse agli investimenti cinesi, che conferiscono al sultanato un importante ruolo all’interno della “Belt and Road inititive” (Bri), la nuova via della seta voluta da Pechino.

A Muara Besar, piccola isola nel Mar Cinese meridionale a largo della punta settentrionale del Brunei, migliaia di lavoratori cinesi stanno costruendo una raffineria ed un complesso petrolchimico, oltre ad un ponte che li collegherà alla capitale, Bandar Seri Begawan. Completata la prima fase della costruzione del complesso, dal valore di 3,4 miliardi di dollari Usa e gestito dal gruppo cinese Hengyi, esso sarà il più grande investimento straniero nel Paese ed arriverà nel momento in cui la nazione ne ha più bisogno. Gli esperti dichiarano infatti che le riserve di gas e petrolio, da cui il Brunei dipende, sono destinate ad esaurirsi entro 20 anni.

Analisti del settore affermano che con il crollo della produzione, le compagnie petrolifere non investiranno molto nelle strutture esistenti. Di conseguenza, le entrate provenienti dal petrolio, che provvedono in pratica a tutta la spesa pubblica del Brunei, sono in costante declino. Con la disoccupazione giovanile in aumento (15%), il sultano Hassanal Bolkiah cerca di riformare in fretta l'economia e diversificare le fonti di reddito, combattendo la corruzione e reprimendo il dissenso.

Le mutevoli fortune del Brunei si sono riflesse anche nella sua industria finanziaria. L'istituto bancario britannico Hsbc ha chiuso le sue filiali nel sultanato l'anno scorso, mentre l’americana Citibank ha lasciato il Paese nel 2014, dopo 41 anni di attività. Bank of China, nel frattempo, ha aperto la sua prima filiale a dicembre 2016.

La chiusura della prima fase del progetto di Muara Besar, prevista dai costruttori per la fine dell’anno, ne aprirà una seconda da 12 miliardi di dollari Usa. Secondo la Hengyi, essa espanderà la capacità della raffineria a 281.150 barili al giorno e permetterà l’installazione di unità per produrre 1,5 milioni di tonnellate all'anno (tpy) di etilene e 2 milioni di tonnellate di paraxilene.

Secondo quanto riporta il China Global Investment Tracker dell'American Enterprise Institute, al momento il totale degli investimenti di Pechino in Brunei ammonta a 4,1 miliardi di dollari Usa. L’istituto dichiara che tra il 2010 ed il 2017, sono 205 i miliardi che la Cina ha riversato nell’Asia dell’est in porti, strade, ferrovie ed impianti industriali. Gli esperi sottolineano come Pechino abbia incrementato i fondi destinati ai progetti nel mezzo delle tensioni con altre quattro nazioni del sud-est asiatico, tra cui il Brunei, per via delle rivendicazioni territoriali cinesi su isolotti ed atolli nel Mar Cinese meridionale.

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Jakarta offre a Pechino progetti per 60mld, ma avverte: con noi nessuna trappola
07/12/2018 12:26
Il Pakistan costruirà la diga senza Pechino. Scricchiola la Belt and Road Initiative
20/11/2017 15:30
Con 'One belt, one road', la Nuova Via della Seta, la Cina dimostra la sua forza. Ma ne è capace?
13/05/2017 08:50
Naypyitaw, crescono gli scambi commerciali con la Cina
04/01/2018 11:50
Vientiane, necessari gli aiuti cinesi per lo sviluppo economico e sanitario
23/12/2017 09:18