10/09/2019, 11.59
VIETNAM
Invia ad un amico

Il tifone Kajiki devasta il Vietnam centrale. Cattolici in aiuto della popolazione

di Thanh Thao

La depressione tropicale ha causato gravi inondazioni e frane: le vittime sono sei, dieci i dispersi. Colpite più di 4.500 famiglie nelle sole province di Hà Tĩnh e Quảng Bình. I padri redentoristi rispondono all’appello della Caritas locale. I volontari distribuiscono beni di prima necessità nei distretti di Hương Khê e Bố Trạch.

Hanoi (AsiaNews) – Volontari cattolici sono impegnati nelle operazioni di soccorso ed assistenza alle popolazioni del Vietnam centrale, su cui nei giorni scorsi si è abbattuta una violenta depressione tropicale. Lo scorso 3 settembre, il tifone Kajiki ha colpito prima una zona compresa tra le province di Thừa Thiên-Huế e Quảng Nam; si è quindi spostato verso nord-est, in direzione del mare. Pur indebolendosi, in tre giorni la tempesta ha scaricato al suolo precipitazioni fino a 530 mm, causando gravi inondazioni e frane.

Il Comitato direttivo centrale per la prevenzione e il controllo delle catastrofi naturali afferma che il fenomeno atmosferico ha causato la morte di sei persone; altre dieci sono ancora disperse. Nella provincia di Hà Tĩnh hanno perso la vita in tre; in quella di Quảng Bình, una persona è morta e una è dispersa; un residente di Thừa Thiên-Huế è stato spazzato via dalle inondazioni; tre sono cittadini scomparsi a Quảng Nam; nella provincia di Nghệ An il bilancio delle vittime è di un morto e cinque dispersi dopo il naufragio di un’imbarcazione. In totale, circa 15mila case sono allagate e le autorità hanno provveduto ad evacuare oltre 3.700 persone.

Al momento, le alluvioni hanno colpito più di 4.500 famiglie residenti nelle sole province di Hà Tĩnh e Quảng Bình, che insieme formano il territorio della diocesi di Hà Tĩnh. Il capo della Caritas locale, p. Jean Baptiste Nguyễn Huy Tuấn, ha invitato organizzazioni sociali, persone e aziende ad assistere la popolazione in difficoltà. Tra i primi a rispondere vi sono i volontari di Truyền thông Tin Mừng Cho Người Nghèo (GNsP), il “Gruppo per l’annuncio della Buona Novella ai poveri” dei padri redentoristi. Questi hanno trasportato diversi beni di prima necessità presso la parrocchia di Tri Bản, nel distretto di Hương Khê (Hà Tĩnh) – al confine tra le due province.

Qui è in corso un’altra emergenza monitorata dai volontari. Lungo il fiume Ngàn Sâu opera la diga Hố Hô Hydroelectricity. Per costruire l’impianto, le autorità hanno distrutto 1.000 ettari di foresta. Ogni anno, durante la stagione delle piogge, la diga apre le paratoie e rilascia sui terreni circostanti ingenti quantità di acqua. A queste si sono aggiunte le forti precipitazioni dei giorni scorsi, causando l’allagamento di oltre 3mila abitazioni in 18 comuni del distretto. GNsP collabora con organizzazioni e persone locali per raggiungere in modo tempestivo le popolazioni colpite dalle alluvioni. I volontari pregano ed invitano sempre più persone ad aderire ai loro programmi sociali e di assistenza.

Ieri, il personale di GNsP ha provveduto anche ad inviare parte del materiale nel distretto di Bố Trạch (Quảng Bình). Qui, la popolazione ha urgente bisogno di acqua pulita. Le falde acquifere della zona sono contaminate da tempo e l’alluvione ha distrutto uno dei due pozzi costruiti su indicazione di p. Joseph Nguyễn Xuân Vinh, sacerdote della parrocchia locale. A due chilometri dalla chiesa si trova l’unica cisterna in funzione. Tuttavia, questa basterà solo per la stagione delle piogge e sarà vuota entro la fine dell’estate.

(Photo credit: Truyền thông Tin Mừng Cho Người Nghèo).

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Da Nang, sacerdote redentorista per l’assistenza sanitaria di 400 reduci del sud
02/05/2018 12:15
Natale, volontari cattolici al servizio di poveri e bambini tribali
27/12/2017 12:18
Nuovo anno lunare: i redentoristi per i reduci senzatetto
16/02/2018 08:36
Direttore Caritas India: L’umanità è la migliore forma di carità (Foto)
06/09/2019 12:57
Papua, ‘sotto controllo’ l’emergenza umanitaria nel distretto di Asmat
06/02/2018 12:44