27/10/2010, 00.00
IRAN
Invia ad un amico

In aumento i casi di amputazione delle mani in Iran

Negli ultimi mesi sette persone sono state vittime di tale pratica, per “dare l’esempio” agli altri detenuti. A un anno dall’annuncio da parte del parlamento di una legge per eliminare le condanne all’amputazione e alla lapidazione.

Teheran (AsiaNews/Agenzie) – Aumentano i casi di amputazione delle mani in Iran: negli ultimi mesi sette persone sono state sottoposte alla pena per “dare l’esempio”. E questo nonostante lo scorso anno Ali Shahrokhi, direttore del comitato giudiziario del Majlis [il parlamento iraniano, ndR], abbia annunciato l’approvazione di una legge per eliminare le condanne alla lapidazione e all’amputazione.

I dati, secondo quanto riporta l’agenzia di stampa Mehr – affiliata con l’organizzazione di propaganda islamica – sono allarmanti: a un ladro del carcere di Yazd è stata amputata la mano in base a un ordine del tribunale confermato dalla Corte suprema. La pena è stata eseguita, riporta sempre Mehr, in seguito all’annuncio del tribunale di Yazd di attuare “pene più dure e severe” per reati come il furto. L’uomo era ricorso in appello, senza successo.

Akbar Biglari, procuratore capo della provincia, ha difeso la decisione di praticare amputazioni all’interno delle prigioni: “La nazione sciita è sempre stata oggetto di oppressione nella storia. L’imperialismo globale criticherà l’esecuzione di questa pena e sosterrà che l’Iran non rispetta i diritti umani”.

La scorsa settimana a un giovane di 21 anni è stata amputata la mano per aver rubato degli oggetti da un panificio. Due settimane fa, il tribunale di Mashhad ha annunciato che la mano di un detenuto condannato per furto è stata amputata in carcere davanti ad altri prigionieri, come “monito” per il futuro. Circa tre mesi fa, in provincia di Hamedan, cinque giovani sui 25 anni hanno subìto l’amputazione delle mani per aver rubato bestiame e automobili. All’inizio di quest’anno, un ladro è stato giustiziato in pubblico nella città di Mahshahr; al suo complice, una volta tradotto in carcere, ad entrambi sono stati amputati una mano un piede. L’accusa per i due era di aver preso dei camion dal porto di Imam, rubato il loro carico e abbandonato poi i mezzi.
Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Legge sulla blasfemia e discriminazione religiosa: attentato al futuro del Pakistan
10/11/2009
Introdurre la sharia “distruggerà immagine internazionale ed economia”
20/04/2007
Palestina, i cristiani temono che divenga uno Stato islamico
07/12/2004
Coronavirus, la Chiesa maronita offre due alloggi per la degenza dei malati
19/03/2020 12:01
Coronavirus, la Chiesa maronita attacca una minoranza contraria alla comunione in mano
17/03/2020 12:22