20 Febbraio 2018
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  •    - Arabia Saudita
  •    - Bahrain
  •    - Emirati Arabi Uniti
  •    - Giordania
  •    - Iran
  •    - Iraq
  •    - Israele
  •    - Kuwait
  •    - Libano
  •    - Oman
  •    - Palestina
  •    - Qatar
  •    - Siria
  •    - Turchia
  •    - Yemen
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 04/05/2016, 08.58

    ARABIA SAUDITA

    In crisi il colosso saudita Binladen Group, licenziati 77mila operai stranieri



    Ma 50mila lavoratori rifiutano di lasciare il Paese rivendicando stipendi in arretrato. A rischio anche 12mila contratti con operai e dipendenti sauditi. Il tasso di disoccupazione ufficiale saudita è dell’11,5%, ma il dato reale potrebbe essere di molto superiore. Piano del governo per sganciare l’economia nazionale dal petrolio. 

    Riyadh (AsiaNews) - Il gigante dell’edilizia saudita Binladen Group ha licenziato 77mila lavoratori stranieri e, nel prossimo futuro, potrebbe stracciare anche i contratti sottoscritti con 12mila operai e dipendenti locali. A riferirlo è il quotidiano Al-Watan, secondo cui circa 50mila migranti rifiutano di lasciare il Paese perché in arretrato con il pagamento dei salari, che non vengono versati da almeno quattro mesi. L’azienda attraverso un portavoce conferma i licenziamenti ma tace sulle cifre e afferma che tutti gli ex dipendenti hanno ricevuto per intero il loro stipendio in conformità alla legge. 

    Dopo decenni di crescita ed espansione, grazie anche ai numerosi appalti pubblici, anche il Binladen Group - 5 miliardi di dollari di capitale e decine di migliaia di lavoratori - segna il passo a causa della crisi economica e del ribasso del prezzo del petrolio.

    Come rivela il nome, la multinazionale araba è di proprietà della famiglia Bin Laden e lo stesso Osama - leader di al Qaeda e a lungo il ricercato numero uno del terrorismo islamico internazionale - era uno dei 52 figli del fondatore Mohammed bin Laden. Fra i vari incarichi ottenuti dal capostipite, il restauro della celebre moschea di al Aqsa, a Gerusalemme. 

    Tuttavia, oggi il gruppo ha conosciuto la crisi e non ha certo contribuito a rilanciarne l’immagine il crollo di una gru nel settembre 2015 alla grande moschea della Mecca, che ha causato la morte di 109 persone. In risposta, il re Salman in persona aveva deciso il taglio di una serie di contratti di appalto che avevano causato un periodo di crisi e incertezze alla multinazionale. 

    Secondo una fonte anonima di Al-Watan, negli ultimi tre giorni Binladen Group ha licenziato 77mila operai stranieri a contratto, che hanno ricevuto già il foglio di via da parte delle autorità saudite (il lavoro è condizione necessaria per il soggiorno). La stessa fonte ha precisato che la società avrebbe impiegato in passato fino a 200mila stranieri nei vari cantieri del Paese, con un’incidenza maggiore di egiziani. 

    Dei lavoratori rimasti senza lavoro nei giorni scorsi, almeno 50mila si sono opposti al decreto di espulsione, denunciando salari arretrati per quattro mensilità. Di licenziamenti “massicci” parla anche il quotidiano saudita Arab News, secondo cui un gruppo di lavoratori avrebbe dato fuoco a sette camion della compagnia alla Mecca per protesta. 

    Fonti ufficiali parlano di un tasso di disoccupazione dell’11,5% in Arabia Saudita, ma il dato reale potrebbe essere di gran lunga superiore. Colpito dalla crisi, a fine aprile il governo del Paese ha annunciato la vendita in borsa di parte delle azioni del gigante petrolifero Aramco e di dotarsi di un fondo sovrano di 2mila miliardi di dollari, il più grande del mondo. Un piano per diversificare l’economia nazionale - la prima del mondo arabo - che finora è dipesa per il 70% dal petrolio. 

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    04/01/2017 07:50:00 ARABIA SAUDITA
    Riyadh, scioperano contro il mancato pagamento di stipendi: immigrati arrestati e fustigati

    Un tribunale saudita ha inflitto quattro mesi di carcere e 300 frustate per danneggiamento di beni pubblici. Sconosciuta la nazionalità degli immigrati condannati. I lavoratori erano dipendenti della Binladin Group e di Saudi Oger, giganti nel settore dell’edilizia. Dietro la crisi il crollo delle entrate nel settore petrolifero, che ha influito sul bilancio dello Stato.

     



    13/11/2004 MEDIO ORIENTE
    La difficile situazione dei lavoratori domestici nel Golfo

    Sono asiatici e cristiani: soprusi, mancanza di protezione legale e violenze all'ordine del giorno.



    10/07/2012 NEPAL - ARABIA SAUDITA
    Arabia Saudita, migliaia di lavoratori uccisi da sfruttamento, torture e alcolismo
    Lo rivela una ricerca dell'ambasciata nepalese a Riyad. Dal 2000 sono morti oltre 3mila lavoratori migranti nepalesi. La media è di uno ogni 162 persone.

    03/02/2010 ARABIA SAUDITA
    Riyadh: corruzione ed estremismo religioso le sfide chiave per i sauditi
    È quanto emerge da un sondaggio compiuto da un istituto Usa su un campione di mille abitanti. Essi manifestano preoccupazioni anche per la crisi economica. Maggiore ottimismo fra i giovani, che guardano con maggiore fiducia al futuro. Poco interesse per la democrazia; aperture a riforme “moderate”.

    30/06/2009 ARABIA SAUDITA
    Campagna saudita: smetti di fumare, vincerai un matrimonio da favola
    Centinaia di giovani interessati all’iniziativa. Il vincitore si aggiudicherà un matrimonio tutto pagato, dalla cerimonia alla dote, dalla casa ai mobili. Le donne denunciano una “mercificazione del corpo femminile”. Altri dubitano che avrà successo senza il benestare degli esperti di legge islamica.



    In evidenza

    CINA-VATICANO
    Le lacrime dei vescovi cinesi. Un ritratto di mons. Zhuang, vescovo di Shantou

    Padre Pietro

    Un sacerdote della Chiesa ufficiale, ricorda il vescovo 88enne che il Vaticano vuole sostituire con un vescovo illecito, gradito al regime. Mons. Zhuang Jianjian è diventato vescovo sotterraneo per volere del Vaticano nel 2006. Il card. Zen e mons. Zhuang, immagine della Chiesa fedele, “che fa provare un’immensa tristezza e un senso di impotenza”. Le speranze del card. Parolin di consolare “le sofferenze passate e presenti dei cattolici cinesi”.


    CINA-VATICANO-HONG KONG
    Il card. Zen sui vescovi di Shantou e Mindong

    Card. Joseph Zen

    Il vescovo emerito di Hong Kong conferma le informazioni pubblicate nei giorni scorsi da AsiaNews e rivela particolari del suo colloquio con papa Francesco su questi argomenti: “Non creare un altro caso Mindszenty”, il primate d’Ungheria che il Vaticano obbligò a lasciare il Paese, nominando un successore a Budapest, a piacimento del governo comunista del tempo.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

     









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®