31 Luglio 2015 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile





Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato
invia ad un amico visualizza per la stampa


» 18/10/2007
MYANMAR
In ginocchio l‘economia birmana, ma non per le sanzioni
Mentre la giunta non alleggerisce la repressione, entra in piena crisi l’industria del turismo; il caro benzina fa lievitare di settimana in settimana i prezzi dei beni alimentari e la popolazione è costretta a mangiare solo verdure. La International Trade Unions Conferderation avverte: inefficaci le sanzioni Ue che non colpiscono i settori di petrolio e gas.

Yangon (AsiaNews) – Le sanzioni contro la giunta birmana non serviranno a niente, se non investiranno anche il campo delle risorse energetiche, linfa vitale del regime. L’avvertimento arriva dalla International Trade Unions Confederation (ITUC), a pochi giorni dalla decisione dell’Unione europea di ampliare le sanzioni contro il Myanmar. E ieri anche il primo ministro britannico Gordon Brown ha minacciato sanzioni finanziarie. Intanto nell’ex Birmania è piena crisi economica: l’industria del turismo è ai minimi termini, i prezzi dei beni alimentari sono saliti alle stelle e molte attività commerciali sono costrette a chiudere.
 
Inefficaci le sanzioni Ue
In un comunicato ufficiale Guy Rider, segretario generale della ITUC, accoglie con favore il provvedimento dell’Ue, ma sottolinea che si poteva fare di più: “I settori del gas e del petrolio sono la fonte singola di guadagno maggiore per il regime militare e siamo estremamente delusi che la Ue non abbia intaccato questo enorme flusso di entrate”. Le sanzioni Ue stabilite lo scorso 15 ottobre come risposta alla violenta repressione del movimento democratico in atto in Myanmar, includono il blocco dei visti e il congelamento degli asset dei generali, oltre al veto di importazione ed esportazione di pietre preziose, metalli e legno birmani e di nuovi investimenti in questi settori. Dato che le nuove sanzioni non comprendono petrolio e gas, compagnie come la francese Total potranno continuare la loro attività nei giacimenti di gas birmani a Yadana e Yetagun. Per assicurarsi gas e petrolio birmano sono in competizione anche potenze regionali come Cina e India, ritenute principali sostenitrici insieme alla Thailandia dei generali di Naypydaw.
 
In Myanmar è crisi economica
Mentre la giunta continua ad usare il pugno di ferro contro i manifestanti anti-governativi, nel Paese la gente lamenta una crescente povertà. Secondo quanto riferisce una fonte monastica, a Sittwe è stata emessa la prima condanna di un monaco per aver partecipato alle manifestazioni anti-governative di fine settembre: Eik Darea, 26 anni, dovrà scontare 7 anni e mezzo di carcere; è stato spogliato degli abiti religiosi e potrebbe finire in un campo di lavoro.
È piena crisi per l’industria del turismo. Per mancanza di lavoro hanno chiuso i due più grandi alberghi di Yangon: il Kandawgyi Hotel e il Nikko Hotel. Lo riferisce il sito internet The Irrawaddy. Il caro benzina imposto dalla giunta ad agosto, scintilla che ha fatto scattare le manifestazioni, ha determinato un vertiginoso aumento dei costi dei mezzi di trasporto e dei beni di prima necessità. Secondo uno studio dell’Onu, la popolazione spende ormai il 70% dei suoi guadagni solo in cibo. “La carne aumenta di 200 kyat ogni settimana – racconta un abitante di Yangon – e così ora mangiamo solo verdure, più economiche”. I poveri non riescono a comprare neppure più il riso e in molte fabbriche sono i datori di lavoro a fornirne una ciotola giornaliera ai dipendenti. I taxisti non hanno più lavoro, i negozi di tè – tradizionali punti di incontro – non hanno più clienti e per le vie della città prostitute in cerca di clienti si vedono camminare persino in pieno giorno.

invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
19/10/2007 MYANMAR
La giunta "verso la democrazia”: ancora arresti e accuse all’Occidente
09/01/2008 INDONESIA - MYANMAR - UE
Jakarta critica il Myanmar e prova a guadagnarsi il consenso dell’Ue
27/11/2007 MYANMAR
Chiesa birmana: è ora il tempo di sperare in un cambiamento nel Paese
di Marta Allevato
18/01/2011 MYANMAR
Nld: mantenere solo sanzioni “mirate” contro il regime militare birmano
22/11/2007 MYANMAR – ASEAN - UE
Gli "stratagemmi militari" del Myanmar con la comunità internazionale

In evidenza
CINA
Wenzhou, anche la Chiesa non ufficiale contro le demolizioni. La diocesi in digiuno
di Joseph YuanDopo la marcia del 90enne vescovo ufficiale mons. Vincent Zhu Weifang, il coadiutore mons. Peter Shao Zhumin e tutto il clero non ufficiale pubblicano una lettera aperta in cui chiedono di fermare la campagna di demolizione delle croci. Un appello ai cattolici “della Cina e del mondo intero” affinché si uniscano alla protesta, a sostegno della Chiesa cinese. Persino un vescovo illecito manifesta solidarietà con il clero del Zhejiang, contro gli atti del governo.
CINA
Wenzhou: Vescovo 90enne e 26 preti manifestano contro la demolizione delle croci
di Joseph YuanNon è la prima volta che l'anziano vescovo e i suoi sacerdoti si esprimono contro la campagna di demolizione di croci e chiese, che ha colpito oltre 400 edifici. La polizia ha cercato di disperderli e il gruppo ha presentato una petizione. La coroncina della Divina Misericordia a sostegno della Chiesa cinese. Entro il 31 agosto verranno abbattute le croci delle chiese nella zona di Lishui.
ISRAELE-IRAN
Dopo l’accordo sul nucleare, Israele dovrebbe diventare il miglior alleato dell’Iran
di Uri AvneryE’ la tesi del grande statista e pacifista Uri Avnery, leader del gruppo Gush Shalom, sostenitore della pace fra israeliani e palestinesi. Secondo Avnery, l’Iran desidera solo essere una potenza regionale e del mondo islamico, capace di commerciare con tutti, grazie alla sua raffinata e millenaria esperienza. Di fronte, rivolti al passato, vi sono le monarchie e gli emirati del Golfo. L’Iran può essere un ottimo alleato contro Daesh. Gli abbagli di Netanyahu e dei politici e media israeliani. (Traduzione dall’inglese di AsiaNews).

Dossier


Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate