Skin ADV
08 Febbraio 2016
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est

  • mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato


    » 18/10/2007, 00.00

    MYANMAR

    In ginocchio l‘economia birmana, ma non per le sanzioni



    Mentre la giunta non alleggerisce la repressione, entra in piena crisi l’industria del turismo; il caro benzina fa lievitare di settimana in settimana i prezzi dei beni alimentari e la popolazione è costretta a mangiare solo verdure. La International Trade Unions Conferderation avverte: inefficaci le sanzioni Ue che non colpiscono i settori di petrolio e gas.
    Yangon (AsiaNews) – Le sanzioni contro la giunta birmana non serviranno a niente, se non investiranno anche il campo delle risorse energetiche, linfa vitale del regime. L’avvertimento arriva dalla International Trade Unions Confederation (ITUC), a pochi giorni dalla decisione dell’Unione europea di ampliare le sanzioni contro il Myanmar. E ieri anche il primo ministro britannico Gordon Brown ha minacciato sanzioni finanziarie. Intanto nell’ex Birmania è piena crisi economica: l’industria del turismo è ai minimi termini, i prezzi dei beni alimentari sono saliti alle stelle e molte attività commerciali sono costrette a chiudere.
     
    Inefficaci le sanzioni Ue
    In un comunicato ufficiale Guy Rider, segretario generale della ITUC, accoglie con favore il provvedimento dell’Ue, ma sottolinea che si poteva fare di più: “I settori del gas e del petrolio sono la fonte singola di guadagno maggiore per il regime militare e siamo estremamente delusi che la Ue non abbia intaccato questo enorme flusso di entrate”. Le sanzioni Ue stabilite lo scorso 15 ottobre come risposta alla violenta repressione del movimento democratico in atto in Myanmar, includono il blocco dei visti e il congelamento degli asset dei generali, oltre al veto di importazione ed esportazione di pietre preziose, metalli e legno birmani e di nuovi investimenti in questi settori. Dato che le nuove sanzioni non comprendono petrolio e gas, compagnie come la francese Total potranno continuare la loro attività nei giacimenti di gas birmani a Yadana e Yetagun. Per assicurarsi gas e petrolio birmano sono in competizione anche potenze regionali come Cina e India, ritenute principali sostenitrici insieme alla Thailandia dei generali di Naypydaw.
     
    In Myanmar è crisi economica
    Mentre la giunta continua ad usare il pugno di ferro contro i manifestanti anti-governativi, nel Paese la gente lamenta una crescente povertà. Secondo quanto riferisce una fonte monastica, a Sittwe è stata emessa la prima condanna di un monaco per aver partecipato alle manifestazioni anti-governative di fine settembre: Eik Darea, 26 anni, dovrà scontare 7 anni e mezzo di carcere; è stato spogliato degli abiti religiosi e potrebbe finire in un campo di lavoro.
    È piena crisi per l’industria del turismo. Per mancanza di lavoro hanno chiuso i due più grandi alberghi di Yangon: il Kandawgyi Hotel e il Nikko Hotel. Lo riferisce il sito internet The Irrawaddy. Il caro benzina imposto dalla giunta ad agosto, scintilla che ha fatto scattare le manifestazioni, ha determinato un vertiginoso aumento dei costi dei mezzi di trasporto e dei beni di prima necessità. Secondo uno studio dell’Onu, la popolazione spende ormai il 70% dei suoi guadagni solo in cibo. “La carne aumenta di 200 kyat ogni settimana – racconta un abitante di Yangon – e così ora mangiamo solo verdure, più economiche”. I poveri non riescono a comprare neppure più il riso e in molte fabbriche sono i datori di lavoro a fornirne una ciotola giornaliera ai dipendenti. I taxisti non hanno più lavoro, i negozi di tè – tradizionali punti di incontro – non hanno più clienti e per le vie della città prostitute in cerca di clienti si vedono camminare persino in pieno giorno.
    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    19/10/2007 MYANMAR
    La giunta "verso la democrazia”: ancora arresti e accuse all’Occidente
    Dopo 14 anni di consultazioni, i generali annunciano la formazione di un Comitato per la stesura della nuova Costituzione. Ma secondo analisti è solo una mossa per allentare la pressione internazionale. Continuano raid ai monasteri lungo il confine al nord, con l’aiuto delle autorità cinesi.

    09/01/2008 INDONESIA - MYANMAR - UE
    Jakarta critica il Myanmar e prova a guadagnarsi il consenso dell’Ue
    In quello che appare un netto cambiamento nella linea verso la crisi birmana, il ministro degli Esteri indonesiano attacca i generali ed il fallimentare processo di democratizzazione. Poi promette di ottenere la cancellazione del bando sui voli indonesiani in Unione europea. La quale ha bisogno di nuovi alleati nella regione per premere con efficacia sui generali di Naypydaw.

    27/11/2007 MYANMAR
    Chiesa birmana: è ora il tempo di sperare in un cambiamento nel Paese
    AsiaNews raccoglie la testimonianza dei due presuli di Yangon e Mawlamyaing, che esprimono la loro “vicinanza”ai monaci buddisti scesi in piazza contro la giunta militare a settembre. I vescovi commentano gli sforzi internazionali per premere sul regime di Naypydaw: “Il governo sta prendendo tempo, ma il momento per agire è ora, o forse non ci sarà più occasione”. Il lavoro silenzioso della Chiesa a fianco di una popolazione stremata.

    18/01/2011 MYANMAR
    Nld: mantenere solo sanzioni “mirate” contro il regime militare birmano
    L’opposizione contraria a una generica rimozione, ma non esclude la “revisione” di alcune limitazioni al commercio che colpiscono la popolazione. Asean e rappresentanti etnici in Parlamento favorevoli alla fine dell’embargo. Fonti di AsiaNews: “le sanzioni hanno colpito soprattutto la popolazione”.

    22/11/2007 MYANMAR – ASEAN - UE
    Gli "stratagemmi militari" del Myanmar con la comunità internazionale
    Asean e Ue firmano una dichiarazione congiunta per il rilascio di tutti i detenuti politici arrestati dalla giunta e di apprezzamento al lavoro Onu nel Paese. Ma secondo analisti locali, anche a Sigapore ha vinto la tecnica da guerra del generale Than Shwe.



    In evidenza

    CINA-VATICANO
    Intervista al Papa sulla Cina: entusiasmo e scetticismo fra i cattolici cinesi. Alcuni sacerdoti sotto il torchio della polizia

    Maria Chen

    Giornali e radio di Stato hanno dato notizia dell’intervista di papa Francesco ad Asia Times. Vi è chi sogna che il pontefice possa visitare la Cina al più presto. Sacerdoti sotterranei sotto interrogatorio. Apprezzamenti per “il ramo d’ulivo” teso dal pontefice e per aver sottolineato il valore della cultura cinese. Ma si è scettici verso la risposta della leadership di Pechino. Il dialogo fra Cina e Vaticano non porta a risultati perché vi sono interessi diversi: politici e religiosi. Non avere fretta di stabilire relazioni diplomatiche per non sacrificare la libertà della Chiesa e il sacrificio dei suoi martiri. La Chiesa cinese è in crescita.


    VATICANO-CINA
    Papa Francesco ridice il suo amore alla Cina e a Xi Jinping



    Il pontefice elogia la “saggezza” e la “grandezza” della Cina e fa gli auguri a Xi Jinping per il Nuovo Anno cinese della Scimmia. Non bisogna “temere” la Cina, ma entrare in dialogo con essa per mantenere la pace nel mondo. Avere “misericordia” per il recente passato del Paese e “andare avanti” per cambiare la realtà. Nell’intervista, per scelta del giornalista, non si parla dei dialoghi fra Vaticano e Cina o di temi religiosi.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    Terra Santa Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®