20/08/2013, 00.00
INDIA
Invia ad un amico

India, missionari cattolici aggrediti. Gesuita: Li perdono, fomentati dai fondamentalisti

di Nirmala Carvalho
Circa 150 persone hanno aggredito sacerdoti e suore che lavorano con i tribali Santal nel Jharkhand. La morte di un bambino che viveva nell’ostello della missione avrebbe scatenato la collera del gruppo. Ma secondo i missionari, gruppi estremisti indù hanno fomentato i genitori, facendo leva sul loro dolore.

Mumbai (AsiaNews) - Aggrediti, insultati e picchiati da circa 150 persone: è accaduto a un sacerdote gesuita e a due suore che lavorano con i tribali Santal in una missione cattolica a Karon (Jharkhand). L'attacco è avvenuto due giorni fa. A scatenare la collera del gruppo sembra sia stata la morte di un bambino di 7 anni, che alloggiava nell'ostello gestito dai religiosi cattolici. Tuttavia, i gesuiti della provincia di Dumka-Raiganj - che gestiscono la missione - sospettano il coinvolgimento dei gruppi radicali indù Rashtriya Sawayamsevak Sangh (Rss) e Bajrang Dal.

Il 2 agosto scorso un bambino ha iniziato ad accusare forti dolori allo stomaco. Preoccupati, i membri della missione lo hanno portato di corsa all'ospedale locale, dove purtroppo è deceduto. I medici hanno stabilità che si è trattato di arresto cardiaco. Sacerdoti e suore hanno riportato il corpo nel villaggio natale del piccolo, che si trova nel distretto di Chittaranjan (West Bengal). Arrabbiati per quanto accaduto, gli abitanti hanno dapprima trattenuto i cattolici, per poi lasciarli tornare.

"Avevamo però chiesto loro un nuovo incontro - racconta ad AsiaNews p. Michael Panimegam sj, il direttore della missione - e il 18 agosto si sono presentate circa 150 persone, inclusi i genitori del bambino. Poco dopo aver iniziato il padre si è avvicinato e mi ha schiaffeggiato. Da lì altri hanno iniziato a rompere i vetri delle finestre, distruggere suppellettili, e la madre ha preso a picchiarmi".

Le donne del gruppo - circa 60 - hanno attaccato suor Sahaya, che è la preside della scuola della missione. "Le hanno tirato i capelli - ricorda il sacerdote - e i vestiti, poi l'hanno picchiata". Con lei, anche un'altra sorella.

L'intervento della polizia ha disperso le centinaia di persone. Uno dei sacerdoti presenti al momento dell'aggressione, p. Salomon, ha riportato ferite alla testa. Prima di andarsene, il gruppo ha chiesto un risarcimento di 1 milione di rupie, ma i missionari non hanno accettato.

L'incidente ha sconvolto i sacerdoti e le suore della missione. Tuttavia, restano convinti che sono stati dei fondamentalisti indù a fomentare la comunità, facendo leva sul dolore dei genitori per la perdita del bambino. "Perdono i miei aggressori - dice ad AsiaNews p. Panimegam - e con la grazia di Dio e del Suo Spirito continuerò a servire questa comunità santal attraverso la missione educativa dei gesuiti".

Fondato nel 2004, il centro missionario si chiama Deepshikha ("Torcia") e comprende anche un ostello e una scuola. Nel 2005 sono arrivate alcune suore della Congregazione dell'Immacolata Concezione (Cic), che hanno preso in mano la gestione dell'istituto. 

 

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Jharkhand, radicali indù devastano un college dei gesuiti. 'Tutto distrutto'
12/09/2019 09:16
Jharkhand, radicali indù contro una scuola cattolica: Deve chiudere subito
22/04/2015
Jharkhand, radicali indù attaccano la famiglia di un pastore cristiano: la moglie è in coma (Foto)
14/11/2019 15:02
Bihar, chiesa pentecostale attaccata con la ‘falsa accusa di conversioni forzate’
14/08/2018 10:37
Chhattisgarh, 300 radicali indù assaltano una chiesa protestante: due feriti in modo grave
19/10/2017 08:57