7 Luglio 2015 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile





Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato
invia ad un amico visualizza per la stampa


» 06/07/2012
INDIA
India, presto medicine gratis per tutta la popolazione
Il governo ha annunciato un progetto da 5,4 miliardi di dollari. Il piano riguarda solo i farmaci generici. I medici che prescriveranno medicinali di marca rischiano di incorrere in multe. Critiche grandi case farmaceutiche: così affossano il mercato.

Mumbai (AsiaNews/Agenzie) - Oltre metà della popolazione indiana potrà presto curarsi in modo gratuito. Il governo centrale ha infatti avviato un progetto da 5,4 miliardi di dollari, che prevede la distribuzione di medicinali generici a costo zero. La decisione ha già attirato forti critiche da parte delle grandi case farmaceutiche straniere, che accusano le autorità di minare il mercato per attirare consensi in vista delle elezioni generali del 2014. Tuttavia, se dovesse rimanere inalterato, il progetto promette di cambiare la vita a milioni di persone, e il volto dell'intero sistema sanitario indiano.

Che lavorino in grandi ospedali cittadini o in piccoli ambulatori di aree rurali, i medici statali potranno prescrivere farmaci generici a tutti i pazienti. Secondo il piano del governo, se scoperto a rilasciare medicine "di marca", il dottore incorrerà in multe di varia entità. Tuttavia, i medici potranno spendere il 5% del loro budget complessivo (circa 50 milioni di dollari l'anno) in medicine di marca che non hanno l'equivalente generico. Resta invece invariata la situazione di chi lavora in cliniche e strutture private.

Il piano ha del rivoluzionario, soprattutto in un Paese come l'India dove la sanità è ancora considerata un bene di lusso: le cliniche private spendono in media quattro volte in più degli ospedali statali, nonostante il 40% della popolazione viva con appena 1,25 dollari al giorno.

Secondo il governo, nel giro di cinque anni almeno metà della popolazione indiana (circa 1,2 miliardi di persone) potrà usufruire di questo servizio. "La politica del governo - ha spiegato L.C. Goyal, segretario aggiuntivo del ministero della Salute - vuole promuovere un uso maggiore e più ragionato dei medicinali generici, che rispettano ogni standard qualitativo, ma costano molto meno di quelli di marca".

Case farmaceutiche di livello mondiale - come Pfizer, GlaxoSmithKline e Merck - saranno tra le più colpite da questo progetto. Ogni anno infatti spendono miliardi di dollari in ricerca, con l'obiettivo di distribuire in modo massiccio farmaci di marca nelle economie emergenti (come quella indiana), dove il 90% delle vendite di medicinali è rappresentata da medicinali generici.

In India, l'americana Abbott Laboratories e la GlaxoSmithKline sono i più grandi distributori di farmaci, sia di marca che generici. Nel 2010, la prima ha rilevato una società indiana di produzione di medicinali generici.

 


invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
29/04/2013 CAMBOGIA
In Cambogia nuovi ceppi di malaria resistenti ai farmaci
03/08/2004 cina
Minatori del carbone, condannati alla morte
23/08/2013 MYANMAR
Myanmar, farmaci scaduti e carenza di medici: è emergenza sanitaria
di Francis Khoo Thwe
22/09/2012 ONU
Onu, lotta contro la povertà: donazioni dai Paesi ricchi ridotte di oltre il 50 per cento
08/07/2008 GIAPPONE – G8
G8: tante promesse, ma poche risposte concrete per il Terzo mondo

In evidenza
IRAQ-EUROPA
Arcivescovo di Baghdad: Persecuzione dei cristiani, frutto del fondamentalismo e del calcolo politico internazionale
di Jean Benjamin Sleiman*Le persecuzioni hanno degli esecutori, ma vi sono pure dei mandanti e degli sponsor che non si vedono. Esse rispondono a progetti politici e non sono solo frutto della fiamma dell’intolleranza religiosa. Per mons. Sleiman, con le violenze contro i cristiani si sta attuando un programma di disgregazione dell’Iraq e del Medio oriente. Occorre fermare le violenze, ridare ai cristiani piena cittadinanza, riaffermare lo Stato come garante della convivenza. L’intervento dell’arcivescovo di Baghdad dei latini al Parlamento europeo.
ISLAM – M.ORIENTE
Al Azhar e il Vaticano sul terrorismo. Le ambiguità della comunità internazionale
di Bernardo CervelleraL’autorevole università sunnita denuncia le violenze “odiose” dello Stato islamico e domanda al mondo di sconfiggere questo gruppo “attraverso ogni modo possibile”. Vaticano: il terrorismo è una minaccia per l’umanità intera. La Francia dice di combattere il terrorismo, ma poi vende armi, aerei, elicotteri da guerra all’Arabia saudita, che sostiene il fondamentalismo islamico. Il Kuwait lascia vivere i salafiti che appoggiano al Nusra e lo Stato islamico. La Turchia contro i kurdi; gli Stati Uniti contro Iran, Russia e Cina.
TUNISIA - ISLAM
Tunisi, fermare il terrorismo chiudendo le moschee fondamentalistePer il presidente Essebsi, la sfida del terrore può essere affrontata solo con una strategia unitaria e globale. L’attentato a Sousse quasi in contemporanea con quelli in Francia, in Kuwait, in Somalia. Le rivendicazioni dello Stato islamico.

Dossier


Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate