29 Marzo 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  •    - Afghanistan
  •    - Bangladesh
  •    - Bhutan
  •    - India
  •    - Nepal
  •    - Pakistan
  •    - Sri Lanka
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 30/09/2015, 00.00

    INDIA

    India, ucciso a bastonate dalla folla: era "sospettato" di aver mangiato carne di mucca



    L’annuncio dato in un tempio indù locale. L’uomo era in casa con la famiglia e ora il figlio 22enne è in ospedale in condizioni critiche. Fondamentalisti dell'hindutva vogliono il bando della carne di manzo in tutto il Paese. La mucca è considerata sacra per l’induismo. Mons. Mascarenhas: “La vita umana è meno preziosa di quella degli animali? La maggioranza indù è tollerante. Faccio appello ad essa, affinchè condanni l’estremismo delle frange nazionaliste”.

    Lucknow (AsiaNews) – Un uomo indiano di 50 anni, Mohammad Akhlaq, residente nel villaggio di Bisara (nello Stato indiano dell’Uttar Pradesh), è stato aggredito e ucciso a bastonate con la presunta accusa di aver allevato e macellato in casa carne di manzo. Il figlio di 22 anni, Danish, lotta in ospedale tra la vita e la morte. La furia degli aggressori, circa 100 persone armate di spranghe e bastoni, è stata scatenata da un annuncio fatto in un tempio indù locale, nel quale si dichiarava che nell’abitazione dell’uomo si consumava carne di manzo. Ad AsiaNews mons. Theodore Mascarenhas, vescovo ausiliare di Ranchi, commenta: "Quando accaduto sembra suggerire che gli animali sono diventati più importanti della vita umana". Ma la maggioranza dei fedeli indù è tollerante, per questo lancia “un appello alla maggioranza, affinchè condanni l’estremismo delle frange nazionaliste”.

    Il fatto è avvenuto verso le 10 di sera (ora locale) del 28 settembre, quando l’uomo è stato aggredito da una folla inferocita. I malviventi hanno tentato anche di molestare la figlia di 18 anni, Sajida, e hanno colpito al volto la nonna 70enne. Giunta sul luogo, la polizia ha prelevato campioni di carne presenti nel frigorifero dell’abitazione, e li ha invitati al dipartimento di medicina legale per ulteriori esami. Sajida però ha dichiarato ai media che la carne rinvenuta è di muflone e non di mucca, come era stato annunciato nel tempio.

    Nell’induismo la vacca è venerata come manifestazione del divino: per questo ucciderla o mangiarla è considerato un peccato, e i bramini (sacerdoti, la casta più alta – ndr) si astengono dal farlo. Solo i dalit (i fuoricasta) – considerati impuri e per questo chiamati anche “intoccabili” – la consumano e la toccano, lavorandone la pelle. Nei mesi scorsi lo Stato indiano del Maharashtra ha bandito la carne di mucca, e negli ultimi giorni un leader nazionalista indù dello Stato di Jharkhand ha minacciato nuovi attacchi contro le minoranze, soprattutto cristiane, se il governo locale non attuerà il bando totale del bestiame. Entrambi gli Stati sono guidati dai nazionalisti indù del Bjp (Bharatiya Janata Party, al potere in tutta l’Unione con Modi).

    Kiran S, sovrintendente di polizia locale del distretto di Gautam Buddh Nagar, riferisce: “Le indagini preliminari hanno accertato che nel tempio locale di Bisara un gruppo di persone ha preso il microfono e informato che nella casa di Akhlaq si consumava carne di mucca”. La presunta accusa ha scatenato la rabbia dei presenti, sei dei quali sono stati arrestati. Tra questi anche il sacerdote del tempio e un suo aiutante, rilasciati dopo l’interrogatorio. Non appena si è diffusa la notizia dell’arresto è esplosa la protesta di circa 500 residenti, che hanno costretto la polizia ad aprire il fuoco. Un proiettile ha colpito all’addome un ragazzo di 20 anni, che lavora in un impianto termico della zona.

    N P Singh, magistrato distrettuale, riferisce che ora la situazione è tornata alla normalità e sul posto sono stati schierati 800 agenti. Mons. Mascarenhas dichiara: “Quanto sta accadendo nel nostro amato Paese è davvero preoccupante. Forze disgregatrici sembrano prendere il sopravvento. Il governo dell’India è sceso al livello più basso. Il mondo intero ci deride. Ci sono grandi problemi che il Paese deve affrontare. Lasciate che il governo e le cosiddette organizzazioni patriottiche lavorino per costruire il paese, non per dividerlo e distruggerlo. Questo era ed è un Paese tollerante e libero. Siamo orgogliosi di essere indiani perché la maggioranza dei fratelli indù sono tolleranti. Non lasciamo che queste frange minoritarie oscurino la maggioranza degli indù che sono ospitali. Io faccio appello alla maggioranza dei fratelli indù affinchè condannino questi fondamentalisti”. E conclude: "L'omicidio di un essere umano e la violenza crudele nei confronti di suo figlio, solo perchè qualcuno 'sospettava' che avessero mangiato carne di mucca, solleva molte questioni: il governo è incapace di far rispettare le leggi o permette attacchi simili in base ad un programma ben definito? la vita umana è meno preziosa di quella degli animali? Incidenti come questo oscurano il buon nome del nostro Paese e della nostra amata maggioranza tollerante". 

    (Ha collaborato Nirmala Carvalho)

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    29/09/2015 INDIA
    India, estremisti indù: "Nuovi attacchi se non passa il bando sul manzo"
    La minaccia proviene dal leader locale del gruppo ultranazionalista indù Vishwa Hindu Parishad. La mucca è considerata manifestazione del divino nella religione induista. Una rissa violenta per un pezzo di manzo ritrovato. Cristiani minacciati di espulsione dal villaggio, se non rinnegare la propria fede. Presidente Gcic: “Rispettare le opinioni altrui è fondamentale in una democrazia pluralistica”.

    11/03/2017 10:41:00 INDIA
    Modi verso la vittoria in Uttar Pradesh

    Lo spoglio dei voti è iniziato questa mattina. Gli ultimi aggiornamenti riportano la vittoria di 305 seggi su 403. La tornata elettorale rappresenta un referendum sulle politiche del premier, dopo il bando delle rupie. Leader cristiano esprime preoccupazione per le politiche aggressive dei nazionalisti indù.



    21/05/2015 INDIA
    Maharashtra: il bando sulla carne di vacca “sottomette cristiani, musulmani e dalit”
    Lo afferma una fonte di AsiaNews, anonima per motivi di sicurezza. Nello Stato contadini, conciatori e altri lavoratori del settore chiedono di abrogare la legge che vieta consumo e vendita di manzo. Il bando ha colpito circa 10,5 milioni di persone che dipendono da questo commercio.

    27/10/2015 INDIA
    Delhi, la polizia irrompe nella residenza di Stato del Kerala in cerca di carne di vacca. È incidente politico
    Il leader di un gruppo fondamentalista indù ha sporto denuncia contro la vendita di carne di vacca nella mensa della residenza di Stato. Ma la carne è di bufalo. Gli agenti sono accusati di aver violato il territorio del Kerala, che controlla la residenza. Chief minister dello Stato indiano chiede al ministro dell’Interno di riferire sull’incidente.

    26/09/2007 INDIA
    Nazionalisti indù: no alla visita degli inglesi, eredi dei colonizzatori
    Centinaia di manifestanti hanno ottenuto la cancellazione della visita, almeno in forma ufficiale, di un gruppo del Rgno Unito. Questi intendono rendere omaggio ai loro antenati morti durante la rivolta dell’Uttar Pradesh del 1857, da molti considerata il “primo seme dell’indipendenza indiana”.



    In evidenza

    VATICANO
    Il Papa ai giovani: Memoria del passato, coraggio nel presente, speranza per il futuro



    Diffuso oggi il Messaggio per la 32ma Giornata mondiale della gioventù sul tema “Grandi cose ha fatto per me l’Onnipotente”. Il modello di Maria nel suo incontro con Elisabetta. Rifiutare l’immobilità del “divano” dove starsene comodi e sicuri. Vivere l’esperienza della Chiesa non come una “flashmob” istantanea. Riscoprire il rapporto con gli anziani. Vivere il futuro in modo costruttivo non svalutando “le istituzioni del matrimonio, della vita consacrata, della missione sacerdotale”.


    AFGHANISTAN
    P. Moretti: Le Piccole sorelle di Gesù, per 60 anni “afghane fra gli afghani”



    Hanno vissuto 60 anni al servizio dei bisognosi. Sono rimaste a Kabul sotto l’occupazione sovietica, il controllo dei talebani e i bombardamenti Nato. Rispettate da tutti, anche dai talebani. Questo febbraio è finita la loro esperienza, secondo p. Moretti “una a cui guardare”.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®