30 Agosto 2016
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est

  • mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato


    » 22/07/2014, 00.00

    INDONESIA

    Indonesia, più di mille sostenitori dell'Isis "pronti a combattere" in Siria e in Iraq

    Mathias Hariyadi

    I sostenitori hanno partecipato a una "cerimonia d'iniziazione", per dichiarare il loro sostegno ai miliziani dello Stato Islamico dell'Iraq e del Levante. Per il momento la polizia non può fare nulla, ma promette che "non tollererà alcuna violenza di matrice religiosa".

    Jakarta (AsiaNews) - Le forze di sicurezza indonesiano "non resteranno in silenzio" e reagiranno al crescente numero di sostenitori del gruppo radicale sunnita conosciuto come Stato Islamico dell'Iraq e del Levante (Isis). È così che il brigadiere Gen. Boy Rafli Amar, vice portavoce della polizia del Paese, risponde oggi alla "cerimonia d'iniziazione di massa" organizzata la scorsa settimana a Solo (Surakarta, Central Java) da circa un migliaio di simpatizzanti dell'Isis.

    "Come sancito dalla legge - ha sottolineato il generale Amar - ogni cittadino indonesiano ha il diritto di radunarsi in uno spazio pubblico per esprimere le proprie convinzioni e opinioni, ma non tollereremo alcuna violenza di matrice religiosa".

    La scorsa settimana più di mille persone si sono riunite in una moschea di Solo Baru (reggenza di Sukoharjo) per partecipare a un incontro di preghiera ospitato dall'Islamic Daulah Support Forum. Dopo la preghiera, i presenti hanno dichiarato il loro sostegno all'Isis in modo pubblico, affermando di essere pronti a partire per l'Iraq e la Siria.

    Afif Abdul Majid, organizzatore dell'incontro, ha spiegato che "non tutti hanno accettato di essere 'iniziati', ma almeno la metà ha chiesto di essere 'battezzata' per sostenere la missione". L'uomo ha aggiunto che nelle prossime settimane un simile "battesimo" verrà celebrato anche a Malang (East Java).

    La nascita di simpatizzanti dell'Isis in Indonesia è stata svelata quando il Gen. Ansyaad Mbai - a capo del desk anti-terrorismo del ministero per la Sicurezza e gli Affari legali ed esteri - ha confermato che decine di cittadini hanno già lasciato il Paese per combattere il jihad lanciato dalle milizie sunnite in Siria e in Iraq per la creazione di un califfato islamico in Medio Oriente. Quelli che sono poi tornati a casa, ha spiegato il poliziotto, hanno fondato un gruppo analogo nelle province di Jakarta e East Nusa Tenggara (Ntb).

    Secondo l'ufficio almeno 30 indonesiani hanno già lasciato il Paese per unirsi all'Isis, e altre 56 persone hanno chiesto il visto per la Siria.

     

     

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    11/08/2014 MALAYSIA - INDONESIA
    Il sogno del Califfato si estende all’Asia, timori di violenze in Indonesia e Malaysia
    Kuala Lumpur e Jakarta avvertono: i seguaci dello Stato islamico pronti a colpire nei Paesi di origine. Nel mirino i governi, locali pubblici e altri obiettivi sensibili. Vogliono cancellare le costituzioni laiche e pluraliste, per introdurre norme ispirate alla sharia. Almeno 20 cittadini malaysiani in Siria per combattere il jihad, prime adesioni anche dalle Filippine.

    20/08/2014 MALAYSIA
    Kuala Lumpur: pronti a colpire pub, disco e birrerie sognando il califfato islamico
    La polizia malaysiana ha arrestato 19 sospetti miliziani, che stavano preparando un’ondata di attentati nel Paese. Nel mirino pub, discoteche e una birreria. L’obiettivo ultimo era la creazione di uno Stato islamico, sul modello nato in Siria e Iraq. In programma viaggi in Medio oriente per apprendere tecniche di battaglia.

    20/08/2014 IRAQ - SIRIA - STATI UNITI
    Islamisti decapitano un reporter Usa rapito in Siria, in risposta ai raid aerei di Obama
    I miliziani dello Stato islamico hanno diffuso un filmato che mostra l’esecuzione del giornalista James Foley, scomparso nel novembre 2012. Il video, intitolato “Messaggio all’America”, sarebbe autentico e annuncia l’uccisione di un secondo ostaggio se non si fermerà l’operazione militare. Il jihadista si rivolge al presidente Obama e parla con un marcato accento britannico.

    20/03/2015 IRAQ - ONU - ISIS
    L'Onu accusa l'Isis di "genocidio" contro gli Yazidi
    Una indagine del Consiglio per i diritti umani parla di "evidenti tracce di attacchi" dell'Isis contro Yazidi, cristiani e altre minoranze, di donne e bambini catturati e trattati come "bottino di guerra" e spesso sottoposti a violenze e schiavitù sessuale. Human Rights Watch soldati iracheni e i volontari che li affiancano stanno distruggendo volontariamente proprietà di civili sunniti nella città di Amerli dopo averne cacciato l'Isis.

    20/06/2014 ASIA - IRAQ - SIRIA
    Jakarta, allarme terrorismo: I nostri cittadini per il jihad in Siria e Iraq
    Sempre più abitanti di Indonesia, Malaysia e Australia vanno in Medio Oriente per combattere la "guerra santa". Il timore dei governi è che possano tornare e dar vita a nuove cellule estremiste interne, pronte a colpire. A Kuala Lumpur decine di arresti, Canberra pronta a ritirare passaporti e revocare la cittadinanza.



    In evidenza

    CINA - VATICANO
    Nei dialoghi Cina-Santa Sede c’è silenzio sul destino dei preti sotterranei

    Zhao Nanxiong

    Entro la fine dell’anno, tutti i sacerdoti devono registrarsi per ricevere un certificato che permetta loro di esercitare il ministero. Ma la richiesta deve passare attraverso l’Associazione patriottica, i cui statuti sono “incompatibili” con la dottrina cattolica. Molti sacerdoti, ufficiali e non ufficiali, sono in un grande dilemma.


    IRAQ
    Alqosh, nonostante l'Isis la Chiesa festeggia la prima comunione di cento bambini



    Nella festa dell’Assunta l’intera comunità ha partecipato alla funzione, celebrata da Mar Sako. Vicario patriarcale: momento storico per una cittadina di frontiera a lungo minacciata dai jihadisti. Il primate caldeo invita i bambini a “contribuire alla vita della comunità”. A Kirkuk sua beatitudine ha inaugurato una grotta dedicata alla Madonna. 


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®