22 Maggio 2015 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile





Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato
invia ad un amico visualizza per la stampa


» 28/05/2006
Indonesia
Indonesia, raccolta fondi e messa all'aperto per i cattolici di Java
di Mathias Hariyadi

Nonostante la situazione drammatica, i fedeli delle parrocchie della zona distrutta dal terremoto sono andati a messa per seguire l'invito del Papa e "pregare per le vittime, le loro famiglie e per i sopravvissuti". Le funzioni celebrate all'aperto per paura di nuovi crolli.



Semarang (AsiaNews) – Tutte le parrocchie cattoliche indonesiane, in particolar modo quelle dell'arcidiocesi di Semarang, stanno unendo i loro sforzi per raccogliere fondi e distribuire aiuti di prima necessità alle vittime del disastroso terremoto che ieri, 27 maggio, ha colpito l'isola di Java.

I parroci ed i sacerdoti nel Paese hanno invitato tutti i fedeli a "seguire il Papa e pregare per le vittime, per le loro famiglie e per i sopravvissuti", ma l'arcidiocesi di Jakarta, così come quella di Semarang, ha anche aperto numerose sottoscrizioni per trovare fondi da donare alle vittime, che hanno raggiunto quota 3.400.

La zona più colpita dal disastro è Bantul, dove si trovano la parrocchia del Sacro Cuore di Gesù e la cappella dedicata alla Beata vergine, madre di Dio. I cattolici che pregano qui hanno perso le loro case e molti anche uno o più parenti.

Parlando con AsiaNews, la signora Prawoto, parrocchiana del Sacro Cuore a Ganjuran, spiega che "la messa oggi è stata celebrata all'esterno dell'edificio, anche questo colpito dalla scossa. Il muro portante, dietro all'altare, è gravemente danneggiato mentre sono crollate diverse mura divisorie: al parroco è stato detto di non celebrare alcuna messa all'interno della chiesa, che rischia di crollare". "Sfortunatamente – continua – sono pochi coloro che hanno assistito alla celebrazione, perché molti sono ancora in cerca dei loro familiari".

La parrocchia è molto conosciuta per il modo in cui celebra la messa unendo al rito romano la tradizione e la lingua di Java. Nel complesso parrocchiale si trova anche il convento delle suore di San Carlo Borromeo, un orfanotrofio e l'ospedale Bernadette. "A parte la chiesa stessa – conclude la parrocchiana – gli altri edifici sono stati risparmiati dal terremoto".

Messe all'aperto sono state celebrate anche al santuario di Sendang Sriningsih di Jali, la "Lourdes indonesiana", nella chiesa di S. Antonio a Yogyakarta e nella parrocchia del Signore Gesù a Baciro.


invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
28/05/2006 Indonesia
Indonesia, continua a crescere il numero delle vittime del terremoto
di Mathias Hariyadi
27/05/2006 INDONESIA
Terremoto a Java: migliaia di morti e feriti
di Mathias Hariyadi
27/05/2006 INDONESIA
Terremoto a Java: difficili i soccorsi, mobilitato l'esercito
27/05/2006 INDONESIA
Terremoto a Java, il dramma dei sopravvissuti
di Benteng Reges
09/06/2006 INDONESIA
Chiesa indonesiana: oltre 100 mila dollari per i terremotati di Java
Articoli del dossier
INDONESIA
Terremoto a Java: migliaia di morti e feriti
INDONESIA
Chiesa indonesiana: oltre 100 mila dollari per i terremotati di Java
INDONESIA
Java: il terremoto costringe a ripartire da zero
INDONESIA
Terremoto: il pianto dell'Indonesia
INDONESIA
Java: la devastazione di Klaten, dimenticata da soccorritori, media e governo
INDONESIA
Sisma: come aiutare la Chiesa indonesiana
INDONESIA
Java, terremoto: oltre 5800 morti, c'è bisogno di materiale ortopedico
INDONESIA
Sisma a Java, Chiesa indonesiana: "Aiutare chi aiuta"
INDONESIA
Terremoto a Java, le vittime più dimenticate: neonati e bambini
INDONESIA
Terremoto a Java: oltre 5 mila morti, preoccupa anche il patrimonio artistico
indonesia
Sisma a Java: oltre 4 mila le vittime; piove sui sopravvissuti rimasti senza cibo e medicine
INDONESIA
Terremoto a Java, il dramma dei sopravvissuti
INDONESIA
Terremoto a Java: difficili i soccorsi, mobilitato l'esercito

In evidenza
ASIA
La Veglia per i cristiani perseguitati, nostri maestri nella missione in occidente
di Bernardo CervelleraIl “muro dell’indifferenza e del cinismo”, il mutismo e l’inerzia tante volte denunciati da papa Francesco sono divenuti quasi una fortezza. Davanti alle persecuzioni vi è un strumentalizzazione “confessionale”, che tende a bollare l’islam e tutto l’islam, e una strumentalizzazione “ideologica”, che “dimentica” ciò che accade in Corea del nord o in Cina. E all’Europa sempre più post-cristiana sembra non interessare i cristiani.
RUSSIA - CINA
Patriarcato di Mosca: la Cina autorizza l’ordinazione di sacerdoti ortodossi cinesi sul suo territorio
di Marta AllevatoIl metropolita Hilarion, ‘ministro degli Esteri del Patriarcato’, lo ha riferito al termine della sua visita in Cina, dove ha incontrato i vertici dell’amministrazione statale per gli affari religiosi. Il primo sacerdote dovrebbe servire ad Harbin e in futuro potrebbero avvenire altre due ordinazioni. L’alleanza strategica tra Mosca e Pechino - sullo sfondo della nuova Guerra Fredda con l’Occidente - passa anche per la Chiesa ortodossa, di cui la Repubblica popolare riconosce il ruolo ‘politico’ in Russia.
VATICANO
Papa: Noi e le quattro nuove sante, testimoni della resurrezione “dove più forte è l’oblio di Dio e lo smarrimento dell’uomo”Francesco proclama sante quattro suore, una francese, una italiana, due palestinesi: Maria Alfonsina Danil Ghattas, fondatrice delle Suore del Rosario, e la carmelitana Maria di Gesù Crocifisso (al secolo: Maria Bawardy). Presente Mahmoud Abbas, presidente dell’Autorità palestinese. “Rimanere in Cristo” e coltivare “l’unità fra di noi” sono segni essenziali della testimonianza. Maria Bawardy, “strumento di incontro e di comunione con il mondo musulmano”.

Dossier


by Giulio Aleni / (a cura di) Gianni Criveller
pp. 176
Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate