30 Giugno 2016
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est

  • mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato


    » 12/07/2012, 00.00

    RUSSIA

    Inondazioni, opposizione organizza aiuti e rilancia proteste

    Nina Achmatova

    Le diverse fazioni politiche unite nell'emergenza a Krasnodar. Convocata manifestazione per metà luglio. Esperti: si vuole sfruttare l'indignazione per la tragedia e il malcontento per il recente aumento delle tariffe.

    Mosca (AsiaNews) - A Krymsk, la città più colpita dalle inondazioni del 6 luglio, l'opposizione e il partito di governo Russia Unita hanno messo da parte i dissidi e lavorano uniti nei soccorsi alla popolazione. Per gli analisti, però, si tratta solo di una tregua momentanea: il movimento anti-Putin sta cambiando agenda e proprio la tragedia di Krasnodar (la regione colpita) potrebbe dare nuova linfa alle proteste, trasformando luglio in un mese "caldo" per il Cremlino.

    I media russi notano con sorpresa la collaborazione tra il deputato d'opposizione, Serghei Pnomarev (Russia Giusta), in prima fila nelle manifestazioni anti-governative, e quello della maggioranza Robert Shlegel (Russia Unita), accorsi sul luogo della tragedia a distribuire aiuti fianco a fianco. Entrambi hanno sottolineato l'esigenza di mettere da parte le differenze politiche e collaborare davanti a una emergenza nazionale.

    Il bilancio della tragedia intanto è salito a 172 morti, anche se le cifre ufficiali ancora oscillano tra autorità che includono i dispersi e chi no. Al momento i volontari sul posto sono 2.500, ma molti si stanno organizzando in queste ore per partire dalle più diverse regioni russe. Sul web c'è chi azzarda e parla "del più grande movimento volontario d'iniziativa privata" nella storia del Paese. Per molti dei russi che sono in partenza per Krymsk si tratta della prima esperienza di volontariato, in un Paese dove la società civile si sta lentamente formando e dove i sociologi fino a un anno fa individuano nel cinismo e nel disimpegno sociale la caratteristica fondamentale delle nuove generazioni. Il sito Lenta.ru fa notare che lo slancio dei volontari verso la regione prostrata dalle inondazioni ricorda quello che ha dato vita, a dicembre scorso, al movimento di piazza "per elezioni oneste".

    Un volontario intervistato dal Moscow Times ha auspicato che lo "spirito di collaborazione rimanga vivo anche quando saranno finite le operazioni di soccorso". Ma l'armonia tra fazioni politiche sembra più funzionale a raccogliere consensi in vista delle elezioni locali previste a Krymsk in autunno, come ha denunciato Ilya Yashin, del movimento Solidarnost e già detenuto più volte per la sua partecipazione alle manifestazioni di questo inverno.

    Le immagini viste in questi giorni di collaborazione tra diversi schieramenti potrebbero essere le ultime. Una parte dell'opposizione ha annunciato per metà mese la protesta "Luglio caldo", intenzionata a non rispettare la pausa estiva invocata dai membri di spicco del movimento anti-Putin, come il blogger Alexei Navalny. L'idea è cavalcare l'indignazione popolare per la tragedia, che a quanto pare sarebbe stata provocata dalla rapida apertura di una diga vicino Krymsk per salvare la più grande e strategicamente importante Novorossisk. Gli analisti avvertono che gli organizzatori non riusciranno a raccogliere più di 10mila persone a Mosca, il 14 luglio, dato il periodo estivo, ma sottolineano che l'agenda della protesta sta cambiando e potrebbe fare proseliti in autunno. Secondo il vicerettore dell'Università di Economia russa, Serghei Markov, gli oppositori iniziano a scendere in piazza dietro slogan legati ai problemi sociali, quelli che interessano di più le persone: case, risarcimenti per le vittime dell'alluvione, pensioni, crisi economica, aumento delle tariffe. Il caro bolletta, scattato il 1° luglio, si farà sentire proprio dopo l'estate. Quando si prevede una nuova ondata di proteste. 

     

     

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    10/08/2010 RUSSIA
    Ortodossi, cattolici, musulmani pregano per la pioggia. A Mosca si muore per lo smog
    Gli obitori della città sono pieni; ospedali al completo, nelle farmacie non si trovano maschere anti-gas adeguate e il tasso di mortalità è raddoppiato. Chieste le dimissioni del sindaco della capitale. Campagne di preghiera e di aiuto per le persone colpite dagli incendi. Danni pari all’1% del Pil.

    21/08/2010 RUSSIA
    L’impegno dei cattolici nella Russia degli incendi
    La Caritas locale offre acqua pulizia, cibo telefoni cellulari. In collaborazione con la Caritas tedesca, si affronteranno i bisogni a media scadenza nell’inverno. Intanto Putin fa dimettere il capo della forestale.

    02/03/2012 RUSSIA
    Elezioni presidenziali in Russia: le più nervose degli ultimi 15 anni
    Sono 109 milioni i cittadini aventi diritto e 96mila i seggi allestiti in tutto il Paese. Scontata la vittoria del premier Putin sui quattro sfidanti. Le incognite del post-elezioni.

    12/12/2011 RUSSIA
    Russia contro Putin, la Chiesa ortodossa invita a non provocare “altre rivoluzioni”
    Il potere centrale teme rivoluzioni colorate in stile ucraino, ma la gente vuole solo vedere rispettato il proprio diritto a un voto trasparente. Medvedev apre un'inchiesta sui possibili brogli elettorali. Il movimento anti-Putin programma una nuova manifestazione per il 24 dicembre.

    30/04/2015 RUSSIA
    I colossi dell'energia scrivono a Putin: Con il 'made in Russia' non possiamo lavorare
    A rivelarlo è il quotidiano Kommersant, che cita la lettera firmata, tra gli altri, da Gazpromneft e Rosneft. Le compagnie sono contrarie a un disegno di legge che punta a scoraggiare l’acquisto di macchinari e ingegneria straniera e ad aumentare il controllo dello Stato nel settore sullo sfondo della più ampia campagna di “sostituzione delle importazioni”.



    In evidenza

    CINA - VATICANO
    Confusione e polemiche per il silenzio del Vaticano sul caso di mons. Ma Daqin di Shanghai

    Bernardo Cervellera

    Per alcuni l’articolo di mons. Ma con cui elogia l’Associazione patriottica, riconoscendo i suoi “errori”, è solo “fango”. Per altri egli si è umiliato “per il bene della sua diocesi”. Molti esprimono perplessità per il silenzio della Santa Sede: silenzio sul contenuto dell’articolo; silenzio sulla persecuzione subita dal vescovo di Shanghai. Il sospetto che in Vaticano si vede bene lo svolgimento del “caso” Ma Daqin che però fa emergere un problema: la Lettera di Benedetto XVI (con cui dichiara l’AP non compatibile con la dottrina cattolica) è abolita? E chi l’ha abolita? Il rischio di una strada di compromessi senza verità.


    CINA - VATICANO
    Mons. Ma Daqin: il testo della sua “confessione”

    Mons. Taddeo Ma Daqin

    Con un articolo pubblicato sul suo blog, il vescovo di Shanghai, dimessosi dall’Associazione patriottica quattro anni fa, sembra “confessare” il suo errore e esalta l’organismo di controllo della Chiesa. Riportiamo qui il testo quasi integrale del suo intervento. Traduzioni dal cinese a cura di AsiaNews.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®