19 Aprile 2015 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile





Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato
invia ad un amico visualizza per la stampa


» 12/07/2012
RUSSIA
Inondazioni, opposizione organizza aiuti e rilancia proteste
di Nina Achmatova
Le diverse fazioni politiche unite nell'emergenza a Krasnodar. Convocata manifestazione per metà luglio. Esperti: si vuole sfruttare l'indignazione per la tragedia e il malcontento per il recente aumento delle tariffe.

Mosca (AsiaNews) - A Krymsk, la città più colpita dalle inondazioni del 6 luglio, l'opposizione e il partito di governo Russia Unita hanno messo da parte i dissidi e lavorano uniti nei soccorsi alla popolazione. Per gli analisti, però, si tratta solo di una tregua momentanea: il movimento anti-Putin sta cambiando agenda e proprio la tragedia di Krasnodar (la regione colpita) potrebbe dare nuova linfa alle proteste, trasformando luglio in un mese "caldo" per il Cremlino.

I media russi notano con sorpresa la collaborazione tra il deputato d'opposizione, Serghei Pnomarev (Russia Giusta), in prima fila nelle manifestazioni anti-governative, e quello della maggioranza Robert Shlegel (Russia Unita), accorsi sul luogo della tragedia a distribuire aiuti fianco a fianco. Entrambi hanno sottolineato l'esigenza di mettere da parte le differenze politiche e collaborare davanti a una emergenza nazionale.

Il bilancio della tragedia intanto è salito a 172 morti, anche se le cifre ufficiali ancora oscillano tra autorità che includono i dispersi e chi no. Al momento i volontari sul posto sono 2.500, ma molti si stanno organizzando in queste ore per partire dalle più diverse regioni russe. Sul web c'è chi azzarda e parla "del più grande movimento volontario d'iniziativa privata" nella storia del Paese. Per molti dei russi che sono in partenza per Krymsk si tratta della prima esperienza di volontariato, in un Paese dove la società civile si sta lentamente formando e dove i sociologi fino a un anno fa individuano nel cinismo e nel disimpegno sociale la caratteristica fondamentale delle nuove generazioni. Il sito Lenta.ru fa notare che lo slancio dei volontari verso la regione prostrata dalle inondazioni ricorda quello che ha dato vita, a dicembre scorso, al movimento di piazza "per elezioni oneste".

Un volontario intervistato dal Moscow Times ha auspicato che lo "spirito di collaborazione rimanga vivo anche quando saranno finite le operazioni di soccorso". Ma l'armonia tra fazioni politiche sembra più funzionale a raccogliere consensi in vista delle elezioni locali previste a Krymsk in autunno, come ha denunciato Ilya Yashin, del movimento Solidarnost e già detenuto più volte per la sua partecipazione alle manifestazioni di questo inverno.

Le immagini viste in questi giorni di collaborazione tra diversi schieramenti potrebbero essere le ultime. Una parte dell'opposizione ha annunciato per metà mese la protesta "Luglio caldo", intenzionata a non rispettare la pausa estiva invocata dai membri di spicco del movimento anti-Putin, come il blogger Alexei Navalny. L'idea è cavalcare l'indignazione popolare per la tragedia, che a quanto pare sarebbe stata provocata dalla rapida apertura di una diga vicino Krymsk per salvare la più grande e strategicamente importante Novorossisk. Gli analisti avvertono che gli organizzatori non riusciranno a raccogliere più di 10mila persone a Mosca, il 14 luglio, dato il periodo estivo, ma sottolineano che l'agenda della protesta sta cambiando e potrebbe fare proseliti in autunno. Secondo il vicerettore dell'Università di Economia russa, Serghei Markov, gli oppositori iniziano a scendere in piazza dietro slogan legati ai problemi sociali, quelli che interessano di più le persone: case, risarcimenti per le vittime dell'alluvione, pensioni, crisi economica, aumento delle tariffe. Il caro bolletta, scattato il 1° luglio, si farà sentire proprio dopo l'estate. Quando si prevede una nuova ondata di proteste. 

 

 


invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
10/08/2010 RUSSIA
Ortodossi, cattolici, musulmani pregano per la pioggia. A Mosca si muore per lo smog
di Nina Achmatova
21/08/2010 RUSSIA
L’impegno dei cattolici nella Russia degli incendi
02/03/2012 RUSSIA
Elezioni presidenziali in Russia: le più nervose degli ultimi 15 anni
di Nina Achmatova
12/12/2011 RUSSIA
Russia contro Putin, la Chiesa ortodossa invita a non provocare “altre rivoluzioni”
di Nina Achmatova
06/03/2012 RUSSIA
Arresti e tafferugli, il primo giorno di Putin da neoeletto presidente
di Nina Achmatova

In evidenza
VATICANO
Papa: Sulle persecuzioni dei cristiani, la comunità internazionale “non assista muta e inerte”, non “rivolga il suo sguardo da un’altra parte”Al Regina Caeli (la preghiera mariana nel tempo di Pasqua), per la sesta volta in una settimana, papa Francesco ricorda il martirio dei cristiani e denuncia l’indifferenza della comunità internazionale verso questa “preoccupante deriva dei diritti umani più elementari”. I martiri di oggi “sono tanti e possiamo dire che siano più numerosi che nei primi secoli”. “La fede nella risurrezione di Gesù - ha continuato - e la speranza che Egli ci ha portato è il dono più bello che il cristiano può e deve offrire ai fratelli. A tutti e a ciascuno, dunque, non stanchiamoci di ripetere: Cristo è risorto!”
ASIA
Pasqua: il silenzio degli innocenti e il bavaglio
di Bernardo CervelleraLe violazioni alla libertà religiosa e l'atteggiamento ipocrita dell'Occidente su questo argomento rischiano di trascinare il mondo in un caos mai visto prima. Ma anche nel silenzio – della morte accettata per amore o inflitta dal potere – Dio opera. Una speranza indistruttibile sorge al mattino di Pasqua e una piccola apertura del cuore basta per invadere in un attimo tutta la vita. Buona Pasqua.
IRAN
E’ ora di giungere all’accordo con Teheran, partner affidabile nella lotta contro lo Stato islamico
di Bernardo CervelleraUna bozza di accordo sul nucleare iraniano dovrebbe essere pronta per il 31 marzo. Ma i repubblicani Usa, Israele e l’Arabia saudita sono nettamente contrari. I motivi “secondari” della loro opposizione. Con Hassan Rouhani l’Iran vuole tornare nell’alveo della comunità internazionale. La funzione mediatrice di Teheran in Medio oriente. Il nunzio vaticano: “Non vi è una sola prova che l’Iran stia preparando una bomba nucleare”.

Dossier


by Giulio Aleni / (a cura di) Gianni Criveller
pp. 176
Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate