23 Giugno 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  •    - Afghanistan
  •    - Bangladesh
  •    - Bhutan
  •    - India
  •    - Nepal
  •    - Pakistan
  •    - Sri Lanka
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 03/03/2017, 12.54

    NEPAL

    Investitori internazionali a Kathmandu: Fondi in cambio di stabilità politica

    Christopher Sharma

    È in corso il “Nepal Investment Summit 2017”, iniziativa fortemente voluta dal governo locale. Più di 250 investitori da tutto il mondo stanno discutendo di lotta alla povertà, controllo del crimine e del crescente terrorismo islamico. Continui cambi al vertice non creano condizioni favorevoli per i finanziamenti; sacche di povertà sono bacino per il reclutamento degli estremisti.

    Kathmandu (AsiaNews) – L’economia ha bisogno di stabilità politica. È il messaggio lanciato alle autorità di Kathmandu da oltre 250 investitori internazionali riuniti per discutere di investimenti, riduzione della povertà e controllo del crimine e del crescente terrorismo islamico. Nella capitale nepalese è in corso la due giorni di “Nepal Investment Summit 2017”, iniziativa fortemente voluta dal governo locale che termina oggi. Tra i partecipanti all’incontro molti esponenti di primo piano dell’economia mondiale, come Arun Jailey, ministo indiano delle Finanze, e Jin Liqun, presidente dell’Asian Infrastructure Investment Bank. Tutti hanno sottolineato che la condizione necessaria per i finanziamenti economici è una leadership forte e stabile. Per il Nepal questo non è così scontato: dopo secoli di monarchia indù, a fatica le forze politiche stanno tentando di costruire un Paese democratico, mentre continuano a succedersi gabinetti deboli che ritardano la ripresa e lo sviluppo dopo il terremoto del 25 aprile 2015.

    Gli investitori – aziende e privati – provengono da India, Cina, Bangladesh, Sri Lanka, Singapore, Hong Kong, Malaysia, Stati Uniti, Russia e Canada. Il Summit è stato inaugurato dal primo ministro Pushpa Kamal Dahal, che ha parlato di lotta alla povertà e di come questa possa diventare terreno fertile per il reclutamento di giovani senza speranze da parte dei terroristi. “La povertà – ha affermato – getta semi per il fondamentalismo e il terrorismo. Il Nepal ha tante risorse, ma poche capacità di investire su di esse”. Perciò, ha aggiunto, “è inevitabile ricercare il sostegno degli investimenti diretti esteri che creino prosperità economica e garantiscano pace e solidarietà sociale”. Da parte sua, ha assicurato, “il governo farà ogni sforzo per creare un ambiente favorevole agli investitori”.

    Il ministro indiano Jaitley ha ammesso che il Paese himalayano “ha enormi possibilità economiche, risorse naturali e siti turistici che potrebbero attrarre numerosi investimenti”. Però, ha sottolineato, “servono riforme e stabilità. Vogliamo vedere un Nepal forte, che abbia un impatto positivo anche sull’India e sull’intera regione. Gli stranieri saranno attratti da una politica fiscale duratura, migliori infrastrutture e certezza nella politica”. Il riferimento è ai continui cambi al vertice avvenuti nell’ultimo anno, dopo che le autorità hanno approvato la prima Costituzione laica e democratica, e ai ritardi nella ricostruzione dopo il violento sisma che ha causato oltre 8mila vittime.

    Leader delle opposizioni si sono impegnati nel creare un clima di collaborazione. Sher Bahadur Deuba, presidente del Nepali Congress, è certo che il territorio nepalese possa offrire potenziali aree di sviluppo. Khadga Prasad Sharma Oli, ex premier e capo del Communist Party of Nepal (Unified Marxist–Leninist), si è impegnato a favorire un “ambiente disponibile ai finanziamenti”. Infine Ram Sharan Mahat, ex ministro delle Finanze, ha sottolineato che il governo ha già applicato delle liberalizzazioni economiche grazie alla restaurazione di un regime democratico. “Aiutateci a migliorare la vita delle persone – ha detto – perché in questo modo la povertà sono sarà più bacino di attrazione per il terrorismo”.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    21/07/2006 Nepal
    Nepal: delegazione europea invita il governo alla stabilità, chiave per l'economia

    Sette deputati dell'Europarlamento hanno visitato il Paese ed hanno invitato il governo a fare il possibile per il rientro degli investitori stranieri evitando che accada come in Sri Lanka, dove una guerriglia locale si è trasformata in un conflitto nazionale.



    01/05/2015 NEPAL
    Kathmandu, non arrivano gli aiuti: si sopravvive mangiando animali morti e leggendo la Bibbia
    Molte zone lontane dalla capitale non ricevono aiuti da sette giorni. La testimonianza di Ram Bhujel: “Io ho tre bambini e una moglie incinta. Tutti loro hanno cominciato a urlare per la fame. E allora abbiamo deciso di mangiare la carne di un bufalo morto”. Il pericolo di epidemie. Il governo ammette la mancanza di risorse. Una sopravvissuta convertita al cristianesimo: “Dio mi ha salvato la vita, la spenderò per far conoscere la Sua grazia”.

    30/04/2015 NEPAL
    Nepal, migliaia di terremotati tra la vita e la morte: Governo inetto e corrotto (VIDEO)
    L’ultimo bilancio è di oltre 5.500 morti; circa 12mila feriti; 70mila case distrutte e altre 530mila danneggiate, in 39 dei 75 distretti del Nepal. Da cinque giorni uomini, donne e bambini sopravvissuti vivono all’aperto e sotto la pioggia. Un uomo: “Solo i cristiani mi hanno aiutato, senza pregiudizi, dandomi tenda e coperte”.

    06/03/2010 NEPAL
    Omicidi e minacce di morte mettono a tacere la stampa nepalese
    Il governo nepalese ammette il coinvolgimento di alcuni poliziotti dietro gli omicidi di Jamin Shaha, ucciso lo scorso 7 febbraio e Arun Singhaniaya, freddato da un colpo di pistola il 1 marzo. Entrambi erano esponenti di spicco del mondo dei media nepalesi. In segno di protesta i giornalisti hanno donato al Primo ministro una penna e una pistola come simbolo delle violenze subite.

    22/04/2016 12:48:00 NEPAL
    A un anno dal sisma, il Nepal è ancora terremotato

    Il 25 aprile segna l’anniversario del disastro che fece 9mila vittime e oltre 5 milioni di sfollati. Per la ricostruzione servono 8miliardi di dollari: quattro sono già nelle casse del governo, che non li spende per paura di corruzione e malversazione. Intanto 4 milioni di persone non hanno una casa, mancano elettricità e materiali da costruzione. Le Ong “sperano” di potere iniziare presto i progetti di sviluppo.





    In evidenza

    VATICANO
    Papa: le Chiese d’Oriente, vivaci malgrado persecuzioni e terrorismo



    Ricevendo i partecipanti all’assemblea della “Riunione delle Opere per l’Aiuto alle Chiese Orientali” Francesco raccomanda la formazione del clero. “Non dimentichiamo che in Oriente anche ai giorni nostri, i cristiani – non importa se cattolici, ortodossi o protestanti – versano il loro sangue come sigillo della loro testimonianza”.


    CINA-GERMANIA
    L’ambasciatore tedesco chiede alla Cina la liberazione di mons. Shao Zhumin



    In una dichiarazione ufficiale sul sito dell’ambasciata, Michael Clauss chiede che al vescovo di Wenzhou, sequestrato, sia data piena libertà di movimento. Preoccupazioni espresse anche per le bozze dei nuovi regolamenti sulle attività religiose, che decretano la fine delle comunità sotterranee. E’ la prima volta dopo un decennio che un ambasciatore europeo chiede la liberazione di un vescovo.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®