18 Novembre 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  •    - Afghanistan
  •    - Bangladesh
  •    - Bhutan
  •    - India
  •    - Nepal
  •    - Pakistan
  •    - Sri Lanka
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 17/09/2015, 00.00

    NEPAL

    Approvata la prima Costituzione democratica nella storia del Nepal

    Christopher Sharma

    Il Paese diventa una Repubblica democratica federale laica. Il testo passato in Assemblea costituente con 507 voti a favore e 25 contrari. Partiti delle minoranze boicottano la votazione, gli indù si schierano contro. La vittoria arriva dopo settimane di scontri tra la popolazione. Primo ministro: “Momento di grande orgoglio, dobbiamo festeggiare tutti insieme”.

    Kathmandu (AsiaNews) - Siamo “di fronte ad un evento storico: abbiamo approvato la prima Costituzione del Paese. Il Nepal ora è una Repubblica democratica federale laica”. Con queste parole Pushpa Kamal Dahal, presidente dell’Ucpn (M) [Unified Communist Party of Nepal (Maoist), terzo partito del Paese - ndr], ha salutato ieri sera lo storico passaggio della prima carta costituzionale del Paese asiatico, approvata dopo anni di discussioni e rinvii. Con 507 voti a favore e 25 contrari l’Assemblea costituente (Ca) ha approvato il testo, il primo ad essere stato scritto da rappresentanti eletti dal popolo.

    È quasi arrivato alla conclusione il lungo processo costituente, iniziato nel 2006 con l’accordo di pace - Comprehensive Peace Agreement, firmato davanti alle Nazioni Unite - che ha messo fine alla decennale guerra civile che ha contrapposto l’esercito e i guerriglieri maoisti. La prima Ca è stata eletta nel 2007 - dopo 240 anni di monarchia assoluta indù - ma è stata sciolta nel 2012 con un nulla di fatto. L’attuale seconda Assemblea creata nel novembre 2013 ha avuto numerose difficoltà iniziali, non riuscendo a trovare l’accordo entro gennaio 2015, come previsto.

    Il tragico terremoto del 25 aprile (che ha provocato oltre 8mila morti) ha dato una spinta al processo riformatore, che si concluderà sabato 19 settembre con la promulgazione del testo da parte di Ram Baran Yadav, presidente del Nepal. A seguire, le autorità di Kathmandu hanno indetto festeggiamenti per due giorni (domenica e lunedì), con celebrazioni che si svolgeranno su tutto il territorio nazionale.

    La nuova Costituzione è divisa in 37 parti, 302 articoli e 9 indici. Gli aspetti chiave del testo sono i seguenti: forma repubblicana dello Stato, federalismo, laicità, inclusione e rappresentazione proporzionale delle minoranze svantaggiate, politiche di giustizia sociale.

    Sushil Koirala, primo ministro del Nepal e presidente del Nepali Congress, ha affermato: “Questo è un momento di grande orgoglio, è il giorno più felice della mia carriera politica. Abbiamo realizzato il nostro sogno. Dobbiamo festeggiare tutti insieme, ulteriori insoddisfazioni verranno risolte attraverso il dialogo e nuovi emendamenti”. I partiti che rappresentano le minoranze madhese e tharu hanno boicottato la votazione di ieri, mentre il Rastriya Prajatantra Party-Nepal (partito induista) si è opposto, domandando che venga restaurata la monarchia e il regno indù.

    L’approvazione della prima Costituzione giunge al termine di diverse settimane di discussioni, incentrate sul contenuto della bozza costituzionale approvata a fine giugno. Da subito le minoranze madhese e tharu hanno lamentato di essere state ignorate nella carta. Gli scontri con l’esercito hanno causato circa 40 morti, tra cui un bambino rimasto schiacciato dalla folla. Solo pochi giorni fa questo clima di insicurezza ha portato le autorità di governo a chiedere alla Santa Sede di annullare la visita del card. Filoni, che avrebbe dovuto visitare i sopravvissuti al terremoto del 25 aprile. L’escalation è culminata nella notte di martedì, quando sono esplose delle bombe di fronte a tre chiese protestanti nella regione del Terai, provocando tre feriti tra i poliziotti.

    Bijaya Kumar Gachchhadar, leader della minoranza madhese, uno di quelli che hanno boicottato il voto, afferma: “Le nostre richieste non sono state ascoltate. La nuova Costituzione non migliorerà fino a quando non verranno incorporate le voci dei gruppi minoritari”. Al contrario Subas Nembang, presidente della Ca, ha tenuto a sottolineare l’importanza dell’evento per il Paese, che ha visto il succedersi di sei Costituzioni dagli anni ’50, “ma solo questa è stata approvata in modo democratico”.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    10/06/2015 NEPAL
    Nepal, accordo politico fra maggioranza e opposizione: otto province per uno Stato federale
    Dopo quattro anni di stallo, i principali partiti trovano la quadra: 16 punti e una nuova Commissione per presentare “entro giugno” la Costituzione (laica) del Paese. Cambia la legge elettorale e l’ordinamento: sistema parlamentare con il premier capo dell’esecutivo e il presidente della Repubblica come garante. Analisti politici: “E’ un miracolo nato dal terremoto”.

    19/08/2014 INDIA
    Ultranazionalisti: L'India è indù e il suo popolo non può essere laico
    Nuove dichiarazioni da parte di personalità della Rashtriya Swayamsevak Sangh (Rss). Il presidente del gruppo paramilitare dichiara di voler portare "uguaglianza" tra la popolazione. Il leader del Global Council of Indian Christians (Gcic): "È ironico che la Rss parli di uguaglianza, quando da sempre si oppone alle lotte per i diritti delle minoranze".

    24/11/2014 NEPAL
    Kathmandu, il vescovo ai giovani della Prima Comunione: Illuminate la vita di chi cerca Dio
    Oltre 3mila persone partecipano alla processione per la festa di Cristo Re, che si chiude nella cattedrale dell'Assunzione con il sacramento dell'eucarestia. Mons. Simick sprona i giovani: "Raggiungete chi aspetta il messaggio di Dio, siate guide sul sentiero di Cristo". Giovane convertito dall'induismo: "Il Signore ha voluto illuminare la mia vita, Lo porterò nella mia comunità".

    24/12/2016 09:11:00 NEPAL
    Kathmandu, migliaia di cristiani festeggeranno Natale nonostante i limiti alla libertà religiosa

    P. Ignatius Rai, parroco della cattedrale dell’Assunzione, afferma che quest’anno “festeggeremo il Natale con più impegno rispetto agli anni precedenti”. La Costituzione del Paese garantisce la libertà di culto ma il governo non riconosce più la nascita di Gesù come festa nazionale.



    08/02/2016 15:14:00 NEPAL
    Nepal, riaperto il confine con l’India dopo cinque mesi di embargo

    Ieri i veicoli sono transitati senza difficoltà attraverso il valico di Raxaul-Birgunj. Da questa frontiera passa circa il 70% del totale delle merci in entrata. L’India applicava il blocco del commercio da quando il Nepal ha approvato la prima Costituzione democratica. La popolazione è allo stremo. Esperto: “La gente non è interessata alle discussioni di palazzo. Deve arrangiarsi dopo per giorno”.





    In evidenza

    HONG KONG - CINA - VATICANO
    Messa per un sacerdote sotterraneo defunto. Il card. Zen chiede a Dio la grazia di salvare la Chiesa in Cina e la Santa Sede ‘dal precipizio’

    Li Yuan

    P. Wei Heping, 41 anni, è morto in circostanze misteriose, buttato in un fiume a Taiyuan (Shanxi). Per la polizia egli si è suicidato. Ai familiari non è stato permesso nemmeno di vedere il rapporto dell’autopsia. Per il card. Zen la Santa Sede (che “non è necessariamente il papa”) cerca un compromesso a tutti i costi col governo cinese, rischiando di “svendere la Chiesa fedele”. Giustizia e pace pubblica un libretto su p. Wei, per non dimenticare.


    VATICANO - ITALIA - USA
    Papa: non più la guerra, che ha per frutto la morte, 'la distruzione di noi stessi'



    Francesco nel giorno della Commemorazione dei defunti ha celebrato messa al Cimitero americano di Nettuno. “Quando tante volte nella storia gli uomini pensano di fare una guerra, sono convinti di portare un mondo nuovo, sono convinti di fare una ‘primavera’. E finisce in un inverno, brutto, crudele, con il regno del terrore e la morte”.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®