21/11/2005, 00.00
Iran
Invia ad un amico

Iran, Parlamento chiede al governo di non cedere alle pressioni sull'uranio

Un'ordinanza, a breve legge, chiede a Tehran di non permettere più le "invasive" ispezioni dell'Agenzia nucleare delle Nazioni Unite.

Tehran (AsiaNews/Agenzie) – Il Parlamento iraniano ha approvato ieri un'ordinanza con la quale chiede al governo di bloccare le ispezioni sulle infrastrutture nucleari dell'Agenzia nucleare delle Nazioni Unite, definite "intrusive".

Dei 197 deputati presenti alla votazione, 183 si sono pronunciati a favore: la sessione parlamentare è stata trasmessa in diretta sulla radio statale.

Il voto giunge 4 giorni prima dell'incontro dell'Agenzia internazionale per l'energia atomica. Quando l'ordinanza diverrà legge, servirà a rafforzare la resistenza del governo contro la pressione internazionale che vuole l'abbandono del programma energetico ad uranio arricchito, processo che può produrre carburante per reattori nucleari o bombe atomiche.

Gli Stati Uniti accusano l'Iran di voler produrre armamenti nucleari: Tehran dice di usare questo programma per generare elettricità.

L'ordinanza deve passare al vaglio del Consiglio dei Guardiani, organismo di controllo costituzionale, per la ratificazione: molti esperti ritengono il Consiglio "già pronto" alla ratificazione.

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Questione nucleare iraniana: gli Usa non escludono l'opzione militare
19/04/2006
Iran, oggi la decisione dell'Agenzia internazionale per l'energia atomica
06/03/2006
Oltre 100 Paesi votano il bando alle armi nucleari, ma le potenze si ribellano
08/07/2017 10:45
Sopravvissuti di Hiroshima al Premio Nobel per la pace contro il nucleare
11/12/2017 08:42
Usa, Russia, Cina e Ue hanno deciso: "L'Aiea deferisca l'Iran"
31/01/2006