20 Agosto 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 21/11/2005, 00.00

    Iran

    Iran, Parlamento chiede al governo di non cedere alle pressioni sull'uranio



    Un'ordinanza, a breve legge, chiede a Tehran di non permettere più le "invasive" ispezioni dell'Agenzia nucleare delle Nazioni Unite.

    Tehran (AsiaNews/Agenzie) – Il Parlamento iraniano ha approvato ieri un'ordinanza con la quale chiede al governo di bloccare le ispezioni sulle infrastrutture nucleari dell'Agenzia nucleare delle Nazioni Unite, definite "intrusive".

    Dei 197 deputati presenti alla votazione, 183 si sono pronunciati a favore: la sessione parlamentare è stata trasmessa in diretta sulla radio statale.

    Il voto giunge 4 giorni prima dell'incontro dell'Agenzia internazionale per l'energia atomica. Quando l'ordinanza diverrà legge, servirà a rafforzare la resistenza del governo contro la pressione internazionale che vuole l'abbandono del programma energetico ad uranio arricchito, processo che può produrre carburante per reattori nucleari o bombe atomiche.

    Gli Stati Uniti accusano l'Iran di voler produrre armamenti nucleari: Tehran dice di usare questo programma per generare elettricità.

    L'ordinanza deve passare al vaglio del Consiglio dei Guardiani, organismo di controllo costituzionale, per la ratificazione: molti esperti ritengono il Consiglio "già pronto" alla ratificazione.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    19/04/2006 IRAN
    Questione nucleare iraniana: gli Usa non escludono l'opzione militare

    Nulla di fatto ieri nella riunione dei membri permanenti del Consiglio di sicurezza dell'Onu sulla questione nucleare iraniana. Ma Ahmadinejad si dice pronto anche a una difesa militare.



    06/03/2006 Iran - Nazioni Unite
    Iran, oggi la decisione dell'Agenzia internazionale per l'energia atomica

    Si avvicina lo spettro del deferimento al Consiglio di Sicurezza Onu. Migliaia di manifestanti a Teheran affermano il diritto ad una tecnologia nucleare pacifica. Stati Uniti e Israele: "Se continua così, il regime va incontro a serie conseguenze. Siamo pronti ad intraprendere tutte le misure necessarie per impedire l'atomica iraniana".



    07/03/2006 Pakistan – india – iran
    Nucleare iraniano, India e Pakistan contro l'uso della forza

    Un'azione militare "avrebbe come unico risultato quello di peggiorare la situazione". L'Iran "ha il diritto di sviluppare un programma nucleare civile".



    08/07/2017 10:45:00 ONU
    Oltre 100 Paesi votano il bando alle armi nucleari, ma le potenze si ribellano

    Il testo è stato approvato con 122 voti positivi, uno contrario, uno astenuto. Ma nessuno dei nove Paesi nucleari - - Usa, Russia, Cina, Francia, Gran Bretagna, India, Pakistan, Corea del Nord, Israele - ha preso parte alla discussione e al voto. Il sostegno del Vaticano e l’apprezzamento del segretario generale dell’Onu, Guterres.



    14/09/2012 IRAN
    L'Aiea vota una risoluzione contro il programma nucleare di Teheran
    La decisione dell'Agenzia Onu per il nucleare potrebbe far scattare nuove sanzioni per il regime. Solo Cuba ha votato no alla risoluzione. Israele continua a premere per un attacco militare preventivo.



    In evidenza

    LIBANO-M. ORIENTE-VATICANO
    Patriarchi cattolici d’Oriente: Il genocidio dei cristiani, un affronto contro tutta l’umanità

    Fady Noun

    Colpite da guerre, emigrazione e insicurezza, le comunità cristiane si sono ridotte ormai a un “piccolo gregge” nell’indifferenza internazionale. Un appello a papa Francesco e alla comunità internazionale. Cattolici e ortodossi condividono gli stessi problemi. La fine dei cristiani in Oriente sarebbe “uno stigma di vergogna per tutto il XXI secolo”.


    COREA
    Vescovi coreani: No alle ‘provocazioni imprudenti’. Fermiamo l’escalation nucleare lavorando per la ‘coesistenza dell’umanità’



    I vescovi coreani hanno diffuso oggi un’Esortazione sulle tensioni crescenti attorno alla penisola coreana. La Corea del Nord, ma anche i “Paesi limitrofi” rischiano di compiere “azioni precipitose, senza freni”, che potrebbero portare alla “morte di innumerevoli persone” e a “piaghe profonde per l’intera l’umanità”. Ridurre le spese militari e potenziare le spese per lo sviluppo umano e culturale. L’appello a usare “la coscienza, l’intelligenza, la solidarietà, la pietà e il mutuo rispetto”. La preghiera nel giorno dell’Assunta, festa dell’indipendenza coreana.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®