26 Settembre 2016
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est

  • mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato


    » 26/03/2016, 09.02

    TURCHIA-SIRIA

    Isis, Turchia e petrolio: i documenti sui legami fra Ankara e lo Stato islamico



    Documenti abbandonati dai jihadisti e testimonianze di combattenti catturati rivelano il legame fra Ankara e Daesh in tema di petrolio. I fascicoli riportano nel dettaglio le modalità di trasporto, il valore del greggio venduto e il numero di fattura. Civili costretti a lavorare nelle raffinerie sotto minaccia. Le frontiere turche, spesso sguarnite, favoriscono gli spostamenti dei miliziani.

    Istanbul (AsiaNews) - Documenti abbandonati da miliziani dello Stato islamico (SI) in ritirata nel nord della Siria, e ritrovati dai combattenti curdi, uniti alle testimonianze di jihadisti catturati, mostrano le prove del legame fra Turchia e Isis nel commercio del petrolio. A denunciarlo è una inchiesta approfondita di RT, il canale satellitare russo che ha inviato una propria troupe nell’area e ha raccolto testimonianze di prima mano. Le carte sono finite nelle mani delle Unità di protezione popolare (Ypg) nell’assalto alla città di Ash Shaddadi, durante la quale sono stati catturati diversi “foreign fighters” provenienti da Turchia e Arabia Saudita, i quali hanno confermato i rapporti fra Daesh [acronimo arabo dello SI] e Ankara.

    Lo Stato islamico ha saputo conquistare in pochi mesi ampie porzioni di territorio in Siria e Iraq, compiendo decapitazioni, omicidi di massa, riduzione in schiavitù di interi gruppi etnici, promuovendo al contempo le proprie gesta sul web attraverso un’abile propaganda. I jihadisti sarebbero implicati anche in attacchi su larga in scala in altri continenti, come testimoniano i fatti di Parigi e, più di recente, Bruxelles.

    Analisti ed esperti sottolineano che, accanto a una organizzazione militare di primo livello, vi è al contempo una capacità di movimento e organizzazione impensabile senza l’appoggio logistico e finanziario dall’esterno. Fra i Paesi ritenuti in qualche modo fiancheggiatori dello SI - assieme ad Arabia Saudita e Qatar - vi è proprio la Turchia, che pur dichiarandosi nemica giurata dei jihadisti, nei fatti - e i documenti ne sono la prova - si comporta in tutt’altro modo.

    Alcuni dei documenti finiti nelle mani dei combattenti curdi riportano voci dettagliate, compilate dai miliziani dello SI, relative ai proventi del petrolio dei pozzi e delle raffinerie, oltre che il volume totale delle estrazioni. Ciascun fascicolo contiene in cima alla pagina il simbolo dello SI. Ogni voce comprende il nome dell’autista, il veicolo utilizzato, peso del mezzo - vuoto e a pieno carico - oltre che il prezzo di vendita e il numero della fattura. Una di queste è datata 11 gennaio 2016 e rivela che lo SI ha estratto circa 1.925 barili dal pozzo di Kabibah, vendendoli per 38.342 dollari.

    Gli autori dell’inchiesta hanno interrogato anche civili della zona, costretti a lavorare per l’industria petrolifera dell’Isis sotto minaccia. “Il greggio estratto - racconta una fonte - veniva portato in una raffineria, per essere trasformato in gasolio e altri prodotti petroliferi”. In previsione della vendita “venivano intermediari da Raqqa e Aleppo [Siria] i quali raccoglievano il petrolio e spesso parlavano della Turchia” come meta finale. Alla voce dei residenti si aggiunge quella di un jihadista, un prigioniero turco, il quale conferma che “il petrolio estratto da Daesh viene venduto in Turchia”. E le quantità sono “tali che le autorità” di Ankara “non possono non esserne al corrente”.

    Un combattente curdo ha mostrato una collezione di passaporti prelevati dai cadaveri dei jihadisti uccisi in battaglia. Nelle immagini si vedono miliziani di varie nazionalità, fra cui Bahrain, Libia, Kazakistan, Russia, Tunisia e la stessa Turchia. La maggior parte è entrata nelle aree di guerra di Siria e Iraq passando proprio attraverso i confini turchi, che il più delle volte - a raccontarlo sono gli stessi jihadisti prigionieri - non sono pattugliati e consentono un facile attraversamento.

    Del resto è risaputo che la leadership turca del presidente Recep Tayyip Erdogan ha fornito sostengo logistico ai miliziani in lotta contro il presidente Bashar al Assad, o comunque “non ha interferito” nei movimenti trans-frontalieri dei jihadisti. Inoltre, molto del materiale che alimenta la propaganda dello Stato islamico viene prodotto e stampato in aziende sparse sul territorio turco. “La Turchia è il vicino diretto dello SI” e se il governo di Ankara tagliasse i rifornimenti dei miliziani, “l’organizzazione terroristica non potrebbe certo sopravvivere”.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    26/06/2015 SIRIA - TURCHIA
    Lo Stato islamico attacca Kobane. Curdi accusano la Turchia di favorire il passaggio jihadista
    Tre autobombe hanno colpito un punto di controllo alla periferia della città. Negli scontri morte 57 persone; in un villaggio a sud lo SI ha giustiziato 23 curdi siriani, fra cui donne e bambini. Ankara smentisce le accuse e parla di “propaganda nera”. Esperto mediorientale: gli attacchi “spettacolari” dello SI azioni “diversive” per sviare l’attenzione da Raqqa.

    17/02/2016 08:55:00 ONU - SIRIA - TURCHIA
    Conflitto siriano, Onu: nuove distribuzioni di aiuti per le aree sotto assedio

    Il governo di Damasco ha dato il via libera per la consegna di cibo e generi di prima necessità in sette zone. Fra queste vi è anche la città di Madaya, dove la gente muore di fame. Mosca respinge le accuse di Ankara sul bombardamento degli ospedali. Il Consiglio di sicurezza Onu critica la Turchia. 



    14/10/2014 SIRIA - TURCHIA
    Kobane: controffensiva curda contro lo Stato islamico, rimossa la bandiera jihadista
    Le milizie curde hanno riconquistato la collina di Tall Shair e tolto la bandiera islamista. La loro avanzata agevolata dai raid dell’aviazione Usa. Obama incontra i vertici militari della coalizione; Ankara blocca gli aiuti ai curdi, nega l’uso delle basi aeree e bombarda i ribelli del Pkk.

    27/01/2016 08:56:00 ISRAELE - TURCHIA
    Israele contro la Turchia: Compra petrolio dallo Stato islamico, finanzia i jihadisti

    Il ministro della Difesa Moshe Yaalon ha sottolineato che Daesh ha beneficiato “per molto, molto tempo” del denaro turco in cambio di greggio. Egli aggiunge che “è compito della Turchia” unirsi alla lotta contro il terrorismo, ma “questo sinora non è avvenuto”. Ankara favorirebbe inoltre il passaggio di miliziani sul proprio territorio. 



    08/10/2014 SIRIA - TURCHIA
    Kobane, i raid aerei non fermano l’avanzata jihadista: Serve un'operazione di terra
    Combattenti curdi e milizie dello Stato islamico si contendono il controllo della città, dove è in atto una “guerriglia urbana”. Ankara condiziona la partecipazione militare al sostegno dei ribelli siriani e preme per l’offensiva contro il governo di Damasco. Teheran accusa: obiettivo dei bombardamenti il presidente Assad. Proteste curde in Turchia, 14 morti.



    In evidenza

    SIMPOSIO ASIANEWS
    Madre Teresa, la Misericordia per l’Asia e per il mondo (VIDEO)



    Pubblichiamo le registrazioni video degli interventi che si sono susseguiti durante il Simposio internazionale organizzato da AsiaNews il 2 settembre scorso. In ordine intervengono: P. Ferruccio Brambillasca, Superiore Generale del PIME; Card. Fernando Filoni, Prefetto della Congregazione di Propaganda Fide; Sr. Mary Prema, Superiora Generale delle Missionarie della Carità; P. Brian Kolodiejchuk, postulatore della Causa della Madre; Card. Oswald Gracias, arcivescovo di Mumbai; P. John A. Worthley, sull'influenza di Madre Teresa in Cina; una testimonianza sull'influenza di Madre Teresa nel mondo islamico; mons. Paul Hinder, vicario apostolico dell’Arabia meridionale.


    CINA - VATICANO
    Pechino diffonde la nuova bozza di regolamenti sulle attività religiose. Più dura

    Bernardo Cervellera

    Multe fino a 200mila yuan (27mila euro) per “attività religiose illegali” da parte di cattolici o altri membri di comunità sotterranee. Fra le “attività illegali” vi è la “dipendenza dall’estero” (ad esempio il rapporto col Vaticano). Si predica la non discriminazione, ma ai membri del partito è proibito praticare la religione anche in privato. Precisi controlli su edifici, statue, croci. Controlli serrati anche su internet. Forse è la fine delle comunità sotterranee.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®