27/01/2014, 00.00
PAKISTAN
Invia ad un amico

Islamabad, migliaia di cristiani in marcia per la pace. Il vescovo: "Uniti contro la violenza"

di Jibran Khan
Una fiaccolata nella capitale ha ricordato le vittime delle stragi e l’opera di un sacerdote in prima fila nella campagna per le vaccinazioni, scomparso di recente. Mons. Rufin Anthony parla di “bagno di sangue” che ha colpito anche “chiese e scuole”. Appello dei cittadini al governo e all’esercito: sradicare il terrorismo “alla radice”.

Islamabad (AsiaNews) - "Siamo stati testimoni di veri e propri bagni di sangue in passato, sono state colpite anche chiese e scuole. Abbiamo perso i nostri cari e amati nella guerra contro il terrore. [Tuttavia] restiamo saldi e vicini alle nostre Forze armate che combattono in prima linea siamo vicini al governo mentre oppone una fiera resistenza [alla violenza e al terrore]". Con queste parole il vescovo di Islamabad/Rawalpindi si è rivolto alla comunità cristiana, che ieri in tutto il Pakistan ha osservato una giornata di preghiera per la pace. L'iniziativa lanciata nei giorni scorsi dai cattolici è una risposta alla crescente ondata di terrorismo che ha investito la nazione, che solo nelle prime settimane del 2014 ha fatto registrare una carneficina. Migliaia di persone nella capitale hanno aderito alla fiaccolata per la pace, durante la quale il prelato ha ricordato p. Anwar Patras, sacerdote pakistano scomparso la scorsa settimana e seppellito nel distretto di Mianwali. Egli ha servito a lungo le diocesi di Rawalpindi e Attock, promuovendo iniziative nel settore dell'istruzione e sensibilizzando le persone nella campagna di vaccinazione contro la poliomelite

Dall'inizio dell'anno si sono verificati nel Paese almeno 10 gravissimi attentati per mano degli estremisti islamici e dei talebani pakistani. La maggior parte dei cittadini chiede risposte urgenti, fra cui una decisa campagna militare volta a sradicare il terrorismo "alla radice". P Riaz John, sacerdote a Rawalpindi, conferma che "le persone vivono nella paura" e si respira profonda "incertezza" per il futuro, mentre la gente chiede solo "pace" e sicurezza. "Preghiamo per la pace nella regione  aggiunge - perché vogliamo un futuro per le nuove generazioni. Un futuro libero dalla paura". 

La comunità cristiana della provincia di Khyber Pukthunkhawa festeggia i cento anni di presenza nelle aree tribali, sebbene a distanza di tempo non godano ancora dello stato di popolazione locale e non sono parte di alcuna tribù. Un abitante della zona di norme Arshad John conferma la "lealtà" alle leggi "della tribù in cui viviamo", ma "non siamo mai stati accettati" e "nessun cristiano può essere parte di una jirga (assemblea che riunisce gli anziani). Viviamo come alieni nella nostra stessa terra, che abbiamo protetto per oltre 100 anni". 

Ai cristiani non è permesso costruite chiese, pastori e sacerdoti evitano di avventurarsi in quelle zone per il pericolo di venire sequestrati o assassinati. Di recente un prete è stato rapito e rilasciato dietro pagamento di una ingente somma di denaro". P. Ilyas James della diocesi di Peshawar, già teatro nel settembre scorso di un sanguinoso attacco contro una chiesa protestante, giudica "ironico" il fatto che nemmeno nelle aree tribali la minoranza cristiana "sia riconosciuta come tribù" a dispetto della loro riconosciuta "lealtà". La Chiesa, aggiunge, continua a pregare "per le popolazioni perseguiate". 

Con più di 180 milioni di abitanti (di cui il 97% professa l'islam), il Pakistan è la sesta nazione più popolosa al mondo ed è il secondo fra i Paesi musulmani dopo l'Indonesia. Circa l'80% è musulmano sunnita, mentre gli sciiti sono il 20% del totale. Vi sono inoltre presenze di indù (1,85%), cristiani (1,6%) e sikh (0,04%). Le violenze contro le minoranze etniche o religiose si verificano in tutto il territorio nazionale, ma negli ultimi anni si è registrata una vera e propria escalation e che ha investito soprattutto i musulmani sciiti e i cristiani. 

 

 

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Poso, violenze anticristiane: estremisti incendiano una chiesa protestante
23/10/2012
Cristiani e musulmani: "Sconfiggere la cultura della violenza"
29/10/2004
Ragazze rapite, convertite e sposate da musulmani, affidate a un Centro di assistenza
31/07/2008
Cristiana disabile 12enne violentata da un gruppo di musulmani
13/06/2008
Vescovo di Islamabad: Uniti contro il terrorismo. Nel Paese cresce il timore di nuove violenze
15/11/2013