20 Novembre 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  •    - Afghanistan
  •    - Bangladesh
  •    - Bhutan
  •    - India
  •    - Nepal
  •    - Pakistan
  •    - Sri Lanka
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 30/06/2011, 00.00

    PAKISTAN

    Islamabad cancella il ministero per le Minoranze. Rischio impunità per l’omicidio Bhatti

    Jibran Khan

    Il capo del Comitato di inchiesta sulla morte del ministro cattolico vuole chiudere il caso per mancanza di elementi. La polizia di Islamabad punta il dito contro talebani e al Qaeda. La riforma federale porta alla cancellazione del ministero tenuto da Bhatti. Netturbino cristiano ucciso da un commerciante musulmano.
    Islamabad (AsiaNews) – L’omicidio di Shahbaz Bhatti, ministro cattolico per le Minoranze assassinato il 2 marzo scorso a Islamabad, rischia di rimanere impunito. Gli inquirenti sono divisi sull’ipotesi di chiudere il caso, mentre una parte della polizia punta il dito contro i talebani e al Qaeda, dopo il tentativo nei giorni scorsi di derubricare la vicenda a “problematiche interne” ai cristiani. Intanto il governo ha disposto la cancellazione del ministero federale per le Minoranze, declassandolo al rango di dipartimento provinciale, in un Paese in cui i cristiani continuano a morire per abusi o vendette personali.

    Il funzionario di polizia Tahir Alam, capo del Comitato di inchiesta per l’omicidio Bhatti, ha chiesto l’archiviazione per mancanza di prove e di indiziati. Dopo aver interrogato 519 sospetti fra cui Mumtaz Qadri – assassino dell’ex governatore del Punjab Salman Taseer – egli ha spiegato che non vi sono elementi per risalire ai colpevoli. Il giudice ha inoltre firmato la scarcerazione di Muhammad Hafiz Nazar, arrestato nei giorni scorsi in circostanze sospette; il suo fermo è parso più un tentativo di sviare le tracce e declassare l’omicidio Bhatti a “problematiche interne” alla comunità cristiana.

    Invece l’ispettore generale della polizia di Islamabad, sostenuto dal ministero degli Interni, punta il dito contro i talebani e l’ala fondamentalista legata ad al Qaeda. Dietro la morte di Shahbaz Bhatti vi sarebbe stata la mano di Ilyas Kashmiri e della sua “Brigata 313”. Egli è autore di diversi attacchi contro obiettivi sensibili in tutto il Paese e sarebbe morto circa due settimane fa in un raid dei droni statunitensi. Secondo il funzionario di polizia vi sarebbero “ragioni” sufficienti per credere che il gruppo estremista abbia operato per la morte del ministro cattolico.

    Intanto il governo di Islamabad, in un piano più ampio di decentramento dei dicasteri, ha approvato la cancellazione del ministero federale, che da oggi viene declassato al rango provinciale. Per l’esecutivo la riforma federale è un “passo storico”, nel tentativo di dare ulteriore potere agli organi amministrativi locali. Tuttavia, esso rappresenta un nuovo segnale del clima di indifferenza e abbandono che vige in Pakistan, dove i cristiani continuano a morire per i motivi più futili e banali.

    L’ultimo omicidio risale al 21 giugno: un impiegato comunale di Lahore, addetto alla pulizia delle strade, è stato accoltellato a morte da un negoziante musulmano. A scatenare la furia omicida di Muhammad Ilyas, che ha colpito più volte il 40enne e padre di quattro figli Abas Masih, il fatto che il netturbino non abbia risposto all’ordine di sgombrare l’immondizia dall’area antistante l’attività commerciale. In un primo momento le autorità della città hanno cercato di bloccare denuncia e inchiesta; infine, dietro pressioni della comunità locale, la polizia ha aperto un fascicolo e arrestato Muhammad Ilyas.
    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    04/07/2005 PAKISTAN
    Pakistan, la polizia non rispetta gli emendamenti alla legge sulla blasfemia
    Lo denuncia il presidente della All Pakistan Minorities Alliance dopo l'arresto di un musulmano per dissacrazione del Corano e violenti attacchi contro cristiani e indù a Noswhera.

    22/09/2009 PAKISTAN
    Presidente pakistano: Vigilare contro l’uso iniquo della legge sulla blasfemia
    Da Londra il presidente Zardari assicura l’impegno del governo contro qualsiasi strumentalizzazione della legge per colpire le minoranze religiose e il dissenso. Ambienti islamici inscenano proteste contro le richieste di modifica. Ma anche i media contestano questa legge.

    14/09/2005 PAKISTAN
    Arcivescovo di Lahore contro l'ennesimo arresto di un cristiano per blasfemia

    Younis Masih è in carcere da domenica, accusato di aver offeso Maometto durante alcuni canti tradizionali. Mons. Saldanha: questi episodi ostacolano gli sforzi verso il dialogo interreligioso.



    03/11/2004 PAKISTAN
    Legge sulla blasfemia: ragazza minacciata di morte, la sua famiglia costretta a emigrare


    08/06/2006 PAKISTAN
    Pakistan: scarcerati due cristiani accusati di blasfemia

    La Corte Suprema li ha giudicati innocenti dopo 7 anni di detenzione. AsiaNews intervista la moglie di uno dei due, che racconta la storia dell'ennesima vittima di una legge iniqua: anni di minacce da parte dei fondamentalisti islamici, il sostegno  della Fondazione John Joseph, la paura anche dopo la libertà.





    In evidenza

    HONG KONG - CINA - VATICANO
    Messa per un sacerdote sotterraneo defunto. Il card. Zen chiede a Dio la grazia di salvare la Chiesa in Cina e la Santa Sede ‘dal precipizio’

    Li Yuan

    P. Wei Heping, 41 anni, è morto in circostanze misteriose, buttato in un fiume a Taiyuan (Shanxi). Per la polizia egli si è suicidato. Ai familiari non è stato permesso nemmeno di vedere il rapporto dell’autopsia. Per il card. Zen la Santa Sede (che “non è necessariamente il papa”) cerca un compromesso a tutti i costi col governo cinese, rischiando di “svendere la Chiesa fedele”. Giustizia e pace pubblica un libretto su p. Wei, per non dimenticare.


    VATICANO - ITALIA - USA
    Papa: non più la guerra, che ha per frutto la morte, 'la distruzione di noi stessi'



    Francesco nel giorno della Commemorazione dei defunti ha celebrato messa al Cimitero americano di Nettuno. “Quando tante volte nella storia gli uomini pensano di fare una guerra, sono convinti di portare un mondo nuovo, sono convinti di fare una ‘primavera’. E finisce in un inverno, brutto, crudele, con il regno del terrore e la morte”.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®