24 Maggio 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  •    - Afghanistan
  •    - Bangladesh
  •    - Bhutan
  •    - India
  •    - Nepal
  •    - Pakistan
  •    - Sri Lanka
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 22/04/2017, 09.07

    INDIA

    Isole Andamane: Missionarie della Carità visitano famiglie, malati e moribondi

    Santosh Digal

    Le suore di Madre Teresa sono arrivate nella capitale Port Blair nel 1994. Nell’arcipelago operano quattro missionarie. Assistenza a malati e moribondi nel momento del bisogno; sostegno ai poveri finanziando lo studio dei loro figli.

    Port Blair (AsiaNews) – Aiutare le famiglie in difficoltà e far loro visita tutti i giorni; portare una parola di conforto a malati e moribondi e assisterli nel momento del bisogno; sostenere i poveri pagando la retta scolastica ai loro figli. È l’opera caritativa di quattro Missionarie della Carità (congregazione fondata da santa Teresa di Calcutta) nelle isole Andamane. Una di loro, suor Rose Ann, 50 anni, racconta ad AsiaNews l’impegno svolto ogni giorno in favore della popolazione locale. In particolare la suora sottolinea che lei e le consorelle non solo offrono sostegno materiale ma anche spirituale, perché ciò che conta è “sperimentare l’amore di Dio”.

    Le suore di Madre Teresa sono arrivate nell’arcipelago indiano nel 1994, sbarcando a Port Blair. Oggi hanno creato due comunità, quella della capitale e un’altra a Diglipur. Suor Rose Ann riferisce: “Visitiamo le famiglie tutti i giorni. Aiutiamo i cattolici nelle preghiere. Facciamo comprendere loro l’importanza della Santa Eucaristia e del sacramento della Riconciliazione. Poniamo particolare attenzione alle famiglie con difficoltà e ai loro vicini. Li aiutiamo a perdonare e a ricevere il perdono, perché in questo modo possono sperimentare l’amore di Dio”.

    A Diglipur le suore gestiscono una casa per malati e moribondi. “Quest’anno – continua – abbiamo accolto un uomo che era costretto a letto. Con la grazia del Signore e cure amorevoli, egli è guarito e ha ripreso a camminare. In seguito è tornato a casa felice”. Al momento la struttura accoglie 10 uomini e quattro donne. “Ospitiamo anche due genitori rimasti senza partner, con i loro sei figli. Li stiamo aiutando a costruire una casa. Diamo loro sostegno materiale e paghiamo l’istruzione dei bambini”.

    Le missionarie possiedono anche una clinica mobile, in modo “da poter curare i malati nei villaggi più distanti. Essi vengono da noi per le medicine, si fidano molto delle nostre cure”.

    Le suore visitano anche 13 comunità cristiane “di base”. “Qui abbiamo svolto una novena di preghiera e preparato le persone per la riconciliazione”. In altre tre comunità cattoliche le suore organizzano centri “in cui incoraggiamo i fedeli ad una vera devozione del cuore di Gesù e a recitare il Rosario in famiglia. Preghiamo con loro la coroncina della Divina misericordia, ascoltiamo i loro problemi e li sosteniamo dal punto di vista materiale in qualsiasi momento. Insegniamo il catechismo nei villaggi”. “Infine visitiamo gli ospedali – conclude suor Rose Ann –, parliamo con i pazienti e preghiamo con loro per un veloce recupero. Li aiutiamo ad accettare la sofferenza come dono di Dio”.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    23/06/2015 INDIA
    Morta suor Nirmala Joshi, ha guidato le Missionarie della Carità dopo Madre Teresa
    La religiosa, 81 anni, si è spenta in seguito a un’insufficienza renale, aggravata da anni di problemi cardiaci. Il funerale è previsto domani nella casa madre a Calcutta. Nata da una famiglia indù, dopo la conversione al cattolicesimo e l’ingresso nella congregazione ha aperto il ramo contemplativo delle suore di Madre Teresa.

    12/09/2016 13:17:00 INDIA
    Suora francescana: La sfida della missione nelle isole Andamane

    Suor Hilda Mary appartiene alla congregazione delle Missionarie francescane di Maria. Il Territorio dell’Unione è un arcipelago formato da 572 isole. I gruppi tribali sono numerosissimi e parlano diverse lingue. L’unica diocesi è stata eretta nel 1985; il lavoro di donne, giovani e uomini; il servizio delle missionarie.



    25/08/2010 INDIA
    Madre Teresa e Nirmal Hriday: il miracolo della gioia nella Casa dei morenti
    È la prima casa aperta dalla beata di Calcutta. Raccoglie malati terminali (Aids, cancro, tubercolosi) e moribondi. L’odore della morte non toglie la gioia. Oggi vi lavorano 5 suore e alcuni volontari, anche indù. Vi è pure la stanzetta usata da Madre Teresa, venerata come un santuario.

    03/08/2005 INDIA
    Giornalista inglese monta accuse contro le suore di Madre Teresa

    Secondo il reporter (un falso volontario), le Missionarie della Carità tengono i bambini handicappati legati al letto e non hanno professionalità nell'assistere i malati. Risposta di suor Nirmala: ogni critica è ben accetta; ma spesso siamo le sole a servire bambini che nessuno aiuta.



    13/07/2010 INDIA
    È viva la testimonianza di Madre Teresa tra gli ultimi del mondo
    A due mesi dal centenario della nascita di Madre Teresa di Calcutta, si moltiplicano in India i preparativi per commemorare la futura santa. Suor Rose Clarie, giovane missionaria della Carità, racconta ad AsiaNews il suo lavoro tra i malati e come Madre Teresa sia presente in ogni sua giornata. “Io non l’ho mai conosciuta, ma la sua presenza è sempre intorno a noi. Attraverso i racconti delle suore anziane conosco quello che la Madre ha detto e ha fatto Non passa giorno senza che una sua parola non entri nella nostra giornata”.



    In evidenza

    VATICANO
    Papa: Il 24 maggio, uniti ai fedeli in Cina nella festa della Madonna di Sheshan



    Al Regina Caeli papa Francesco ricorda la Giornata mondiale di preghiera per la Chiesa in Cina, instaurata da Benedetto XVI. I fedeli cinesi devono dare il “personale contributo per la comunione tra i credenti e per l’armonia dell’intera società”. Il Simposio di AsiaNews sulla Chiesa in Cina.  Un appello di pace per la Repubblica Centrafricana. “Volersi bene sull’esempio del Signore”. “A volte i contrasti, l’orgoglio, le invidie, le divisioni lasciano il segno anche sul volto bello della Chiesa”. Fra i nuovi cinque cardinali, anche un vescovo del Laos.


    VATICANO-CINA
    24 maggio 2017: ‘Cina, la Croce è rossa’, il Simposio di AsiaNews

    Bernardo Cervellera

    Il raduno in occasione della Giornata Mondiale di preghiera per la Chiesa in Cina. Un titolo con molti significati: la Croce è rossa per il sangue dei martiri; per il tentativo di soffocare la fede nei controlli statali; per il contributo di speranza che il cristianesimo dà a una popolazione stanca di materialismo e consumismo e alla ricerca di nuovi criteri morali. A tema anche la grande e inaspettata rinascita religiosa nel Paese. Fra gli invitati: il card. Pietro Parolin, mons. Savio Hon, il sociologo delle religioni Richard Madsen, testimonianze di sacerdoti e laici cinesi.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®