27 Giugno 2016
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  •    - Arabia Saudita
  •    - Bahrain
  •    - Emirati Arabi Uniti
  •    - Giordania
  •    - Iran
  •    - Iraq
  •    - Israele
  •    - Kuwait
  •    - Libano
  •    - Oman
  •    - Palestina
  •    - Qatar
  •    - Siria
  •    - Turchia
  •    - Yemen
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est

  • mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato


    » 07/09/2015, 00.00

    ISRAELE

    Israele: Sciopero ad oltranza per le scuole cattoliche, è un progetto mirato per colpirci



    P. Abdel Massih Fahim, direttore dell’Ufficio delle scuole cristiane, spiega ad AsiaNews la battaglia contro il taglio dei fondi agli istituti cristiani voluto dal governo. Il 29% è una quota insufficiente per coprire le spese. Poche speranze in vista dell’incontro del 9 settembre, dalle autorità nessuna “nuova proposta” su cui dialogare: "Sciopero a oltranza sino al riconoscimento dei diritti".

    Gerusalemme (AsiaNews) - “Proseguiremo con lo sciopero a oltranza, fino a che non verranno riconosciuti i nostri diritti. Siamo di fronte a un progetto mirato a colpire le scuole cattoliche, ma la nostra missione continuerà; abbiamo già affrontato altre crisi in passato, anche questa prima o poi passerà”. È quanto racconta ad AsiaNews p. Abdel Massih Fahim, sacerdote francescano e direttore dell’Ufficio delle scuole cristiane della Custodia di Terra Santa, in prima linea nella battaglia lanciata dagli istituti cattolici contro il governo israeliano. Il prossimo 9 settembre è in programma un nuovo incontro fra rappresentanti della Chiesa e autorità governative: “Speriamo sia fruttuoso - aggiunge - perché non vorremmo lanciare una ‘intifada’ per difendere il nostro diritto all’istruzione”. 

    Da alcuni giorni le scuole cristiane in Israele sono in sciopero. Professori e alunni denunciano una doppia discriminazione nei confronti delle istituzioni cristiane: il governo ha ridotto le sovvenzioni che ormai coprono solo il 29% delle spese; allo stesso tempo, il governo pone un limite alle rette che le scuole possono ricevere dalle famiglie. In questo modo, diverse scuole non riescono più a far fronte alle spese annuali e rischiano di chiudere.

    La discriminazione è un dato di fatto evidente, se si paragona a quanto avviene con le scuole ebraiche ultra-ortodosse, che vengono sovvenzionate in toto dal governo e non subiscono ispezioni dal ministero dell’Educazione, sebbene esse non siano in regola col curriculum degli studi. Il tema delle scuole è stato uno dei punti chiave al centro dell’incontro della scorsa settimana fra papa Francesco e il presidente Reuven Rivlin, alla sua prima volta in Vaticano. 

    In Israele vi sono ad oggi 47 scuole cristiane, che garantiscono istruzione a oltre 33mila bambini, il 60% dei quali cristiani e circa il 40% musulmani, e una piccola rappresentanza ebraica. Anche i maestri e il personale non docente non è solo cristiano, poiché vi sono anche insegnanti (su un totale di 3mila) musulmani ed ebrei. Fino a qualche anno fa i fondi governativi coprivano il 65% delle rette, ma sono stati ridotti fino al 34% per poi scendere oggi al 29%, una cifra considerata insufficiente per coprire i costi. 

    “Per ora non vi sono sostanziali novità” spiega p. Abdel, “abbiamo parlato col ministero dell’Istruzione ma non vi sono stati risultati concreti. Abbiamo chiesto loro di formulare una proposta concreta in vista della riunione di dopodomani, ma finora non è emerso nulla di nuovo”. Di certo vi è che “33mila studenti sono ancora a casa”, prosegue il francescano, “a dispetto degli annunci dell’esecutivo che, il primo giorno di scuola, ha detto che tutti gli alunni del Paese erano regolarmente in classe”. 

    Da qualche anno il governo tratta le nostre scuole “in maniera differente”, accusa p. Abdel, “negando sempre più i nostri diritti. Ci siamo rivolti ai vari ministri dell’Istruzione, alcuni dei quali non ci hanno nemmeno ascoltato”. Ora, con lo sciopero, “iniziano a prestare attenzione, anche se ad oggi non è emersa alcuna soluzione”. “Vogliono cambiare lo status delle scuole - prosegue il sacerdote - da istituti cattolici a scuole ufficiali, dove la Chiesa non può più scegliere il direttore, i maestri, e disporre a loro piacimento dell’edificio”. 

    “Vogliamo difendere il nostro stile di insegnamento” conclude il direttore dell’Ufficio delle scuole cristiane della Custodia di Terra Santa, “perché esso fornisce un risultato ottimo a livello di qualità a tutto il Paese. Se riconoscete questo ruolo, garantiteci il nostro diritto a essere trattati non con un regime preferenziale, ma secondo quanto stabilisce la legge. Anche se siamo una minoranza, abbiamo i nostri diritti e li vogliamo difendere”. 

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    06/10/2015 ISRAELE
    Archiviata la protesta, le scuole cattoliche inaugurano l’anno in Israele
    Il vicario patriarcale di Gerusalemme e il direttore generale hanno compiuto una visita in alcuni istituti del Paese. Dopo le quattro settimane di sciopero quest’anno scolastico ha “un sapore speciale e significativo”. Nelle classi un clima di “entusiasmo e buonumore”. Mons. Marcuzzo: diffondere la conoscenza della Laudato si di papa Francesco.

    28/09/2015 ISRAELE
    Vicario di Gerusalemme: Riaprono le scuole cattoliche, riconosciuto il loro valore
    Soddisfazione nella comunità cristiana per l’accordo raggiunto col ministero dell’Istruzione. Sbloccati i fondi necessari per l’inizio delle lezioni. I nodi irrisolti verranno discussi da una commissione mista. Mons. Marcuzzo: "Un risultato frutto dell’unità e della solidarietà di tutta la società israeliana; riconosciuto il ruolo di ponte dei cristiani e delle nostre scuole".

    25/09/2015 ISRAELE
    Vicario di Gerusalemme: Prioritario iniziare l’anno scolastico, ma non a qualsiasi costo
    A fronte del moderato ottimismo dei giorni scorsi, mons. Marcuzzo conferma ad AsiaNews che restano ancora nodi irrisolti. Per il prelato l’obiettivo è garantire per il 28 settembre l’inizio delle lezioni, ma non a discapito dei diritti degli istituti cristiani. Il governo vuole cancellare (per il futuro) il diritto allo sciopero e una doppia presidenza del comitato interministeriale sulle scuole.

    18/09/2015 ISRAELE
    Scuole cattoliche: Vescovi europei con la Chiesa di Terra Santa per la libertà di educazione
    Nel messaggio conclusivo della Ccee i prelati sottolineano che fra i diritti “fondamentali” vi è quello di educare i figli secondo le “proprie convinzioni”. E lo Stato (israeliano) deve garantire parità di trattamento. Studentessa cattolica di Haifa: disparità di trattamento. Insegnante di inglese: cittadini come gli altri.

    16/09/2015 ISRAELE
    Israele, direttore scuole cristiane: "Da due anni solo parole, lo sciopero continua"
    La protesta di genitori e figli ha toccato le dimore private di Naftali Bennett e Moshe Kahlon, ministri di Istruzione e Finanza. Sacerdote francescano: “Auguri di buon anno” da 33mila giovani cui è negato il diritto allo studio. Finora “piccoli segnali” dal governo che non risolvono una situazione che si trascina da due anni. Al vaglio ulteriori forme di protesta, che prosegue a oltranza.



    In evidenza

    CINA - VATICANO
    Confusione e polemiche per il silenzio del Vaticano sul caso di mons. Ma Daqin di Shanghai

    Bernardo Cervellera

    Per alcuni l’articolo di mons. Ma con cui elogia l’Associazione patriottica, riconoscendo i suoi “errori”, è solo “fango”. Per altri egli si è umiliato “per il bene della sua diocesi”. Molti esprimono perplessità per il silenzio della Santa Sede: silenzio sul contenuto dell’articolo; silenzio sulla persecuzione subita dal vescovo di Shanghai. Il sospetto che in Vaticano si vede bene lo svolgimento del “caso” Ma Daqin che però fa emergere un problema: la Lettera di Benedetto XVI (con cui dichiara l’AP non compatibile con la dottrina cattolica) è abolita? E chi l’ha abolita? Il rischio di una strada di compromessi senza verità.


    CINA - VATICANO
    Mons. Ma Daqin: il testo della sua “confessione”

    Mons. Taddeo Ma Daqin

    Con un articolo pubblicato sul suo blog, il vescovo di Shanghai, dimessosi dall’Associazione patriottica quattro anni fa, sembra “confessare” il suo errore e esalta l’organismo di controllo della Chiesa. Riportiamo qui il testo quasi integrale del suo intervento. Traduzioni dal cinese a cura di AsiaNews.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®