26 Giugno 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  •    - Arabia Saudita
  •    - Bahrain
  •    - Emirati Arabi Uniti
  •    - Giordania
  •    - Iran
  •    - Iraq
  •    - Israele
  •    - Kuwait
  •    - Libano
  •    - Oman
  •    - Palestina
  •    - Qatar
  •    - Siria
  •    - Turchia
  •    - Yemen
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 03/06/2013, 00.00

    TURCHIA

    Istanbul, quarto giorno di proteste contro Erdogan



    Nella notte scontri nel quartiere Besiktas. Ieri i dimostranti hanno marciato verso gli uffici di Erdogan a Istanbul e Ankara chiedendo le sue dimissioni. Almeno 1770 sono stati arrestati, molti già rilasciati. Le cifre ufficiali parlano di 58 feriti fra i civili e 115 poliziotti. Alcuni civili hanno perso la vista, colpiti da proiettili di gomma. La Nato e la Ue domandano moderazione e dialogo.

    Istanbul (AsiaNews/Agenzie) -  Per il quarto giorno consecutivo, vi sono proteste e manifestazioni a Istanbul e Ankara contro il governo di Tayyep Erdogan accusato di essere un dittatore e un soffocante islamista.

    Questa notte, fino a stamattina presto vi sono stati scontri fra la polizia e migliaia di dimostranti nel quartiere Besiktas. Nei giorni scorsi i poliziotti hanno cercato di eliminare le manifestazioni con l'uso massiccio di gas lacrimogeni, violenze, proiettili di gomma e idranti. Il ministro degli interni, Muammer Guler ha detto che almeno 1700 persone sono state arrestate, anche se molte di loro sono state già rilasciate. Le cifre ufficiali parlando di 58 feriti fra i civili e 115 fra i membri della pubblica sicurezza, ma gruppi per i diritti umani dicono che il numero dei civili colpiti è molto più alto - fino a 500 -  e alcuni di loro hanno perso la vista, colpiti da proiettili di gomma. Moschee, negozi, università si sono trasformate in ospedali di emergenza per curare i feriti.

    Le dimostrazioni hanno avuto inizio al Gezi Park, uno dei pochi luoghi verdi della città vicino alla centrale piazza Taksim, dove il governo ha deciso di tagliare gli alberi e costruire un centro commerciale. La protesta in difesa del verde cittadino è divenuta una valanga di opposizione verso la politica di Erdogan, i suoi progetti neo-ottomani che vogliono rendere la Turchia un modello per il mondo islamico, potenziando economia, consumi e regole islamiche.

    "Non è più solo riguardo al Gezi Park - ha dichiarato un giovane manifestante di Ankara. È un movimento contro il governo che interferisce sempre di più nella nostra vita privata".

    Ieri i dimostranti hanno marciato verso gli uffici del premier a Istanbul e Ankara gridando alle sue dimissioni.

    Erdogan viene pure accusato di avere la mano pesante verso i suoi oppositori: kurdi, giornalisti, militari, gruppi laici.

    Gli alleati Nato della Turchia hanno chiesto al premier di esercitare moderazione. Catherine Ashton, capo della politica estera dell'Unione europea, in una dichiarazione ha condannato "lo sproporzionato uso della forza" della polizia turca e ha chiesto che si aprano sessioni di dialogo per trovare una soluzione pacifica.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    01/06/2013 TURCHIA
    Istanbul sconvolta dalle proteste e dalle violenze della polizia
    Centinaia di feriti a piazza Taskim, oppositori di un progetto edilizio che distrugge il Gezi Park. I militari difendono i manifestanti contro le forze di polizia. Cresce l'opposizione contro gli ambiziosi i progetti di Erdogan, basati sui successi economici, revival neo-ottomano, strisciante islamizzazione.

    13/06/2013 TURCHIA
    Erdogan propone un referendum sul Gezi Park, ma esige la fine dei raduni a piazza Taksim
    Ieri l'incontro fra il premier e alcuni manifestanti "non rappresentativi". Ieri sera nuovo raduno in piazza a Istanbul, ma la polizia non è intervenuta. L'Unione europea sostiene il dialogo come "prova" di democrazia.

    04/06/2013 TURCHIA
    Ancora scioperi e manifestazioni. Erdogan: Non è la Primavera turca
    Sale a tre il bilancio dei morti. Negli scontri di questi giorni vi sono stati 1000 feriti a Istanbul e 700 ad Ankara. Nella capitale vi sono stati ancora scontri fra polizia e dimostranti, con lancio di gas lacrimogeno. Il premier rivendica il titolo di "Primavera turca" all'operato del suo governo. I manifestanti domandano le sue dimissioni.

    05/08/2014 TURCHIA
    Erdogan, nuovo califfo, favorito alle elezioni presidenziali
    Il premier è il favorito sul laico Ihsanoglu e il curdo Selahattin Demirtas. Se il 10 agosto nessuno arriva alla maggiroranza, si voterà un secondo turno il 24 agosto. Timori per l'islamizzazione del Paese, portata avanti dal partito Akp e per il grande potere concentrato sul premier.

    13/03/2017 08:47:00 TURCHIA-EU
    Tensioni e accuse fra la Turchia e alcuni Paesi europei

    Il presidente turco Erdogan accusa di “nazismo” anche l’Olanda che ha rifiutato l’entrata a due ministri. Altri Paesi europei, come Austria, Svizzera, Svezia e Danimarca, cancellano incontri con i turchi. Germania e Olanda temono la crescita del “populismo” alle imminenti elezioni. Erdogan sfrutta gli incidenti per un più potente nazionalismo.





    In evidenza

    VATICANO
    Papa: le Chiese d’Oriente, vivaci malgrado persecuzioni e terrorismo



    Ricevendo i partecipanti all’assemblea della “Riunione delle Opere per l’Aiuto alle Chiese Orientali” Francesco raccomanda la formazione del clero. “Non dimentichiamo che in Oriente anche ai giorni nostri, i cristiani – non importa se cattolici, ortodossi o protestanti – versano il loro sangue come sigillo della loro testimonianza”.


    CINA-GERMANIA
    L’ambasciatore tedesco chiede alla Cina la liberazione di mons. Shao Zhumin



    In una dichiarazione ufficiale sul sito dell’ambasciata, Michael Clauss chiede che al vescovo di Wenzhou, sequestrato, sia data piena libertà di movimento. Preoccupazioni espresse anche per le bozze dei nuovi regolamenti sulle attività religiose, che decretano la fine delle comunità sotterranee. E’ la prima volta dopo un decennio che un ambasciatore europeo chiede la liberazione di un vescovo.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®