31 Agosto 2015 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile





Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato

invia ad un amico visualizza per la stampa


» 18/08/2012
INDONESIA
Jakarta, esodo biblico dei musulmani per festeggiare la fine del Ramadan
di Mathias Hariyadi
Milioni di persone abbandonano le città e i principali centri, per dirigersi nei villaggi di origine e celebrare la ricorrenza con i familiari. Strade congestionate dal traffico, prezzi del trasporto pubblico alle stelle. Centinaia le vittime di incidenti stradali. Vie deserte e uffici chiusi per chi resta nella capitale.

Jakarta (AsiaNews) - A Jakarta è iniziato il grande esodo dei cittadini, in direzione dei luoghi di origine e delle città natale sparsi a Sumatra e nelle isole di Java per festeggiare la fine del Ramadan, mese sacro di digiuno e preghiera islamico. Milioni di persone in tutta l'Indonesia approfitteranno infatti della festa di Idul Fitri - in calendario il 19 e 20 agosto - per abbandonare i centri abitati e concedersi alcuni giorni di svago e vacanza con parenti e familiari. Come avviene in Cina e in Vietnam in occasione del Nuovo anno lunare, anche nell'arcipelago le celebrazioni per la stagione di Lebaran - il nomignolo locale per identificare la festa islamica - sono occasione di un esodo di massa verso paesi e villaggi nativi; una fuga dalle città che finisce per intasare strade e autostrade (mudik, ndr) attorno ai principali centri urbani, con lunghe file di auto incolonnate in paziente attesa.

In occasione del mudik, nel Paese scatta una vera e propria corsa al biglietto per accaparrarsi uno dei posti disponibili sui vari mezzi di trasporto, sempre affollati. Le compagnie, a dispetto delle direttive ministeriali, aumentano i prezzi e per ottenere maggiori guadagni; tuttavia, nessun ticket resta invenduto perché la gente è disposta a fare sacrifici pur di rientrare nei villaggi di origine e fare festa con la famiglia. E chi non trova posto sui mezzi pubblici, si affida al trasporto privato e a bordo di motocicli compie lunghi ed estenuanti viaggi. In alcuni casi si resta a bordo di una due ruote anche per 24 ore, compiendo un tragitto che, di norma, viene percorso in metà tempo.

Fra i vari inconvenienti registrati, vi è anche un aumento vertiginoso degli vittime della strada che in questo periodo di esodo raggiungono numeri da record. Secondo quanto riferisce il ministero dei Trasporti, durante l'esodo legato alla festa islamica si sono registrati almeno 398 morti in incidenti d'auto. Solo ieri il bilancio parla di 58 vittime e un centinaio di feriti gravi. Ma nei giorni precedenti il dato era pressoché analogo con un numero di morti variabile ma pur sempre elevato: 42, 54, 47 e 66 nei giorni scorsi.

La consolazione, per quanti restano a Jakarta, consiste nel poter disporre di una capitale quasi deserta, con uffici governativi chiusi per almeno una settimana, anche se rimane attivo il controllo delle forze di sicurezza.

Infine una nota polemica: non tutti i musulmani indonesiani - e le principali organizzazioni islamiche - concordano sulla giornata esatta in cui celebrare la festività. Per il Muhammadiyah, il secondo movimento per importanza, essa cade il 19 agosto; la festa è rimandata al giorno successivo, invece, nel calendario stabilito dal governo e dal più vasto movimento musulmano moderato del Paese, il Nahdlatul Ulama (Nu). 

 

 


invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
23/10/2006 INDONESIA
Indonesia: un esodo di milioni di persone per la fine di Ramadan
di Benteng Reges
20/08/2012 INDONESIA
Java, attentati e attacchi contro i cristiani segnano la fine del Ramadan
di Mathias Hariyadi
09/09/2010 INDONESIA
Milioni di indonesiani in viaggio per la festa di Idul Fitri
08/08/2013 INDONESIA – ISLAM
Musulmani indonesiani celebrano la fine del Ramadan. Timori di attentati
25/06/2015 INDONESIA - ISLAM
Aceh: vendevano cibo durante il Ramadan, nove persone condannate alla fustigazione
di Mathias Hariyadi

In evidenza
INDIA
Card. Toppo: Imparare dai tribali dell’India ad avere cura della terra e dei suoi abitanti
di Nirmala CarvalhoL’arcivescovo di Ranchi parla ad AsiaNews in occasione della Giornata mondiale di preghiera per la cura del creato (1 settembre). Nel Paese “più di un milione di tribali è cattolico, e nella nostra cultura noi rispettiamo la natura e ne celebriamo i doni”. Oggi “per essere veri testimoni di Cristo dobbiamo rispondere alla crisi ecologica attraverso una profonda conversione spirituale”.
VATICANO-IRAQ
P. Samir di Amadiya: Il Papa è la voce dei profughi irakeni
di Bernardo CervelleraIl sacerdote caldeo ha incontrato papa Francesco chiedendogli di tenere alta l’attenzione del mondo sui profughi cristiani di Mosul e della Piana di Ninive. Nella sua diocesi vivono 3500 famiglie cristiane e quasi mezzo milione di yazidi fuggiti davanti alle violenze dello Stato islamico. L’Isis non è tutto l’islam e vi sono musulmani che vogliono un Iraq della convivenza. I cristiani potrebbero emigrare, ma rimangono nella loro terra. I progetti di aiuto ai rifugiati: la scuola per i bambini, lavoro per gli adulti, una casa per ogni famiglia. L’appello di AsiaNews.
LIBANO
La Dichiarazione di Beirut: i musulmani in difesa della libertà dei cristianiLibertà di fede, di educazione e di opinione difese citando il Corano. Esse sono alla base dello Stato di diritto, che non deve essere uno Stato religioso. L’organo di riferimento dei sunniti del Libano condanna senza appello la violenza in nome di Dio. Il testo integrale del messaggio.

Dossier

Terra Santa Banner


Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate