07/11/2014, 00.00
INDONESIA

Jakarta, libertà religiosa e difesa delle minoranze "priorità del nuovo governo"

di Mathias Hariyadi
Dopo anni di abusi e violenze sotto il presidente Yudhoyono, il neo capo di Stato Jokowi e il suo esecutivo annunciano "cambiamenti". Il ministro per gli Affari religiosi vuole approvare “in sei mesi” una norma per rimuovere gli ostacoli alla libertà di culto per i non musulmani. Il collega degli Interni propone di cancellare l’appartenenza religiosa dal documento di identità.

Jakarta (AsiaNews) - Dopo anni di abusi, violenze, emarginazioni perpetrate dalla maggioranza musulmana sunnita durante il mandato del presidente Susilo Bambang Yudhoyono, oggi il nuovo governo rilancia l'attenzione sul tema della libertà religiosa di tutti i cittadini indonesiani. Il neo capo di Stato Joko "Jokowi" Widodo e il suo esecutivo, in prima fila il ministro degli Interni e degli Affari religiosi, intendono garantire protezione e libertà di culto a tutti i gruppi minoritari - sciiti, ahmadi, protestanti, cattolici e atei - nel Paese musulmano più popoloso al mondo. Al comando del Paese da meno di un mese, Jokowi e la sua squadra hanno offerto un nuovo messaggio di speranza in Indonesia, mentre il presidente è impegnato al contempo a respingere le proteste della frangia fondamentalista islamica.  

La prima mossa in direzione di una vera libertà religiosa arriva dal ministro per gli Affari religiosi Lukman Hakim che, la scorsa settimana, ha annunciato una serie di riforme per eliminare gli ostacoli alla libera pratica del culto per le comunità non musulmane. Una legge quadro che intende proteggere i gruppi minoritari da provocazioni e attacchi estremisti, da approvare "entro sei mesi" e che garantirà a tutti i cittadini "i diritti in materia di religione sanciti dalla Costituzione del 1945". 

Posizioni ben distanti dal predecessore Suryadharma Ali, peraltro finito sotto accusa durante il mandato per tangenti ricevute in cambio di permessi e concessioni per l'Hajj. Egli ha sempre mantenuto un atteggiamento di opposizione verso gruppi musulmani che bollava come "illegittimi", fra cui gli ahmadi e gli sciiti. 

La futura legge voluta dal ministro per gli Affari religiosi dovrebbe garantire un iter più snello e favorevole per il rilascio dei permessi e la costruzione di luoghi di culto anche per i non musulmani. 

Al contempo, il ministro degli Interni Tjahjo Kumolo ha lanciato la proposta di modifica della carta d'identità, che prevede la cancellazione della "speciale colonna" in cui viene indicata l'appartenenza religiosa. Finora erano previste sei confessioni ufficiali: islam, cristiani protestanti, cattolici, indù, taoisti e buddisti. Una classificazione voluta dall'allora dittatore Suharto (1967-1998), che per combattere il movimento comunista - e ateo - ha stabilito per legge il riconoscimento dell'appartenenza religiosa. Ieri il neo ministro Kumolo - scatenando le ire dell'ala fondamentalista islamica - ha detto che i cittadini potranno lasciare "vuota" la colonna relativa alla religione nei nuovi documenti di identità. 

 

Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Poso, violenze anticristiane: estremisti incendiano una chiesa protestante
23/10/2012
Scuola di Sang Timur: rimangono le tensioni
26/10/2004
Appello dei cattolici al governo: Tutelate le minoranze religiose
06/10/2004
Una suora a Sang Timur: "Armi in pugno gli islamici vogliono chiudere la chiesa e la scuola"
05/10/2004
Elezioni presidenziali: Yudhoyono cerca voti fra gli islamici radicali
22/05/2009