29 Giugno 2016
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  •    - Brunei
  •    - Cambogia
  •    - Filippine
  •    - Indonesia
  •    - Laos
  •    - Malaysia
  •    - Myanmar
  •    - Singapore
  •    - Tailandia
  •    - Timor Est
  •    - Vietnam
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est

  • mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato


    » 07/11/2014, 00.00

    INDONESIA

    Jakarta, libertà religiosa e difesa delle minoranze "priorità del nuovo governo"

    Mathias Hariyadi

    Dopo anni di abusi e violenze sotto il presidente Yudhoyono, il neo capo di Stato Jokowi e il suo esecutivo annunciano "cambiamenti". Il ministro per gli Affari religiosi vuole approvare “in sei mesi” una norma per rimuovere gli ostacoli alla libertà di culto per i non musulmani. Il collega degli Interni propone di cancellare l’appartenenza religiosa dal documento di identità.

    Jakarta (AsiaNews) - Dopo anni di abusi, violenze, emarginazioni perpetrate dalla maggioranza musulmana sunnita durante il mandato del presidente Susilo Bambang Yudhoyono, oggi il nuovo governo rilancia l'attenzione sul tema della libertà religiosa di tutti i cittadini indonesiani. Il neo capo di Stato Joko "Jokowi" Widodo e il suo esecutivo, in prima fila il ministro degli Interni e degli Affari religiosi, intendono garantire protezione e libertà di culto a tutti i gruppi minoritari - sciiti, ahmadi, protestanti, cattolici e atei - nel Paese musulmano più popoloso al mondo. Al comando del Paese da meno di un mese, Jokowi e la sua squadra hanno offerto un nuovo messaggio di speranza in Indonesia, mentre il presidente è impegnato al contempo a respingere le proteste della frangia fondamentalista islamica.  

    La prima mossa in direzione di una vera libertà religiosa arriva dal ministro per gli Affari religiosi Lukman Hakim che, la scorsa settimana, ha annunciato una serie di riforme per eliminare gli ostacoli alla libera pratica del culto per le comunità non musulmane. Una legge quadro che intende proteggere i gruppi minoritari da provocazioni e attacchi estremisti, da approvare "entro sei mesi" e che garantirà a tutti i cittadini "i diritti in materia di religione sanciti dalla Costituzione del 1945". 

    Posizioni ben distanti dal predecessore Suryadharma Ali, peraltro finito sotto accusa durante il mandato per tangenti ricevute in cambio di permessi e concessioni per l'Hajj. Egli ha sempre mantenuto un atteggiamento di opposizione verso gruppi musulmani che bollava come "illegittimi", fra cui gli ahmadi e gli sciiti. 

    La futura legge voluta dal ministro per gli Affari religiosi dovrebbe garantire un iter più snello e favorevole per il rilascio dei permessi e la costruzione di luoghi di culto anche per i non musulmani. 

    Al contempo, il ministro degli Interni Tjahjo Kumolo ha lanciato la proposta di modifica della carta d'identità, che prevede la cancellazione della "speciale colonna" in cui viene indicata l'appartenenza religiosa. Finora erano previste sei confessioni ufficiali: islam, cristiani protestanti, cattolici, indù, taoisti e buddisti. Una classificazione voluta dall'allora dittatore Suharto (1967-1998), che per combattere il movimento comunista - e ateo - ha stabilito per legge il riconoscimento dell'appartenenza religiosa. Ieri il neo ministro Kumolo - scatenando le ire dell'ala fondamentalista islamica - ha detto che i cittadini potranno lasciare "vuota" la colonna relativa alla religione nei nuovi documenti di identità. 

     

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    26/10/2004 INDONESIA
    Scuola di Sang Timur: rimangono le tensioni

    Ex presidente Gus Dur invita al dialogo. Autorità cattoliche: "niente commenti la situazione è ancora molto delicata".



    05/10/2004 INDONESIA
    Una suora a Sang Timur: "Armi in pugno gli islamici vogliono chiudere la chiesa e la scuola"
    L'arcidiocesi di Jakarta chiede l'intervento del governo per permettere la costruzione della chiesa.

    06/10/2004 INDONESIA
    Appello dei cattolici al governo: Tutelate le minoranze religiose
    Dopo l'attacco alla chiesa di Sang Timur, il Forum dei cattolici alla Commissione nazionale per i diritti umani chiede pieno rispetto della libertà religiosa.

    30/04/2004 indonesia
    Vescovo di Ambon si appella all'ONU e al mondo per la pace nelle Molucche


    04/10/2004 indonesia
    Il Fronte per la difesa dell'Islam blocca le messe e la scuola cattolica vicino a Jakarta

    I cattolici accusati di proselitismo perché celebrano messa nella scuola. Il governo non permette da anni la costruzione della chiesa.





    In evidenza

    CINA - VATICANO
    Confusione e polemiche per il silenzio del Vaticano sul caso di mons. Ma Daqin di Shanghai

    Bernardo Cervellera

    Per alcuni l’articolo di mons. Ma con cui elogia l’Associazione patriottica, riconoscendo i suoi “errori”, è solo “fango”. Per altri egli si è umiliato “per il bene della sua diocesi”. Molti esprimono perplessità per il silenzio della Santa Sede: silenzio sul contenuto dell’articolo; silenzio sulla persecuzione subita dal vescovo di Shanghai. Il sospetto che in Vaticano si vede bene lo svolgimento del “caso” Ma Daqin che però fa emergere un problema: la Lettera di Benedetto XVI (con cui dichiara l’AP non compatibile con la dottrina cattolica) è abolita? E chi l’ha abolita? Il rischio di una strada di compromessi senza verità.


    CINA - VATICANO
    Mons. Ma Daqin: il testo della sua “confessione”

    Mons. Taddeo Ma Daqin

    Con un articolo pubblicato sul suo blog, il vescovo di Shanghai, dimessosi dall’Associazione patriottica quattro anni fa, sembra “confessare” il suo errore e esalta l’organismo di controllo della Chiesa. Riportiamo qui il testo quasi integrale del suo intervento. Traduzioni dal cinese a cura di AsiaNews.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®