22 Giugno 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  •    - Brunei
  •    - Cambogia
  •    - Filippine
  •    - Indonesia
  •    - Laos
  •    - Malaysia
  •    - Myanmar
  •    - Singapore
  •    - Tailandia
  •    - Timor Est
  •    - Vietnam
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 29/04/2017, 12.22

    INDONESIA

    Jakarta, manifestazioni pubbliche di affetto e gratitudine per Ahok

    Mathias Hariyadi

    I cittadini vogliono esprimere la propria ammirazione. Ogni giorno in migliaia si recano al municipio. L'area antistante il palazzo inondata da cartelli e decorazioni floreali. Non si fermano le iniziative dei gruppi islamisti radicali contro il governatore cristiano. Il 9 maggio prossimo il verdetto del processo per blasfemia. Ahok: “Diffamato e odiato a causa della mia fede e delle mie idee”.

     

    Jakarta (AsiaNews) –  Migliaia di indonesiani esprimono in questi giorni affetto e gratitudine nei confronti del governatore Basuki “Ahok” Tjahaja Purnama e il suo vice Djarot Saiful Hidayat, per il lavoro svolto dalla loro amministrazione nella Grande Jakarta (DKI Jakarta).

    Lo scorso 19 aprile, Ahok non è riuscito a riconfermarsi nel secondo turno delle elezioni più intense e discusse nella storia del Paese, sconfitto dal rivale Anies Baswedan. Da allora, molti dei suoi sostenitori hanno voluto esprimere la propria ammirazione per il governatore cristiano, che in ottobre lascerà il suo incarico. Per tanti indonesiani egli è il simbolo di un’amministrazione coraggiosa e pulita, dedicata allo sviluppo della città e al miglioramento del benessere del popolo.

    Negli ultimi giorni il municipio di Jakarta si è trasformato in un’attrazione turistica. Dallo scorso 27 aprile ogni giorno, migliaia di persone provenienti da tutto il Paese si recano presso l’edificio governativo. Mentre il governatore svolge i suoi doveri, esse attendono ore con pazienza il loro turno per incontrare e scattare foto con Ahok. Il gran numero di persone che visitano l'ufficio ha spinto il personale di sicurezza a creare una serie di regole per coloro che desiderano trasmettere i propri saluti al governatore. I visitatori sono tenuti a prendere un numero, mettersi in fila e segnare le proprie mani dopo aver scattato le fotografie, per impedire loro di ricongiungersi alla coda.

    Sin dallo scorso 25 aprile, l'area antistante il palazzo è stata inondata da cartelli e decorazioni floreali inviate dai cittadini, come segno di solidarietà verso l’amministrazione uscente. Il 27 aprile, il numero degli addobbi è salito con rapidità a più di 2.000 e ha costretto le autorità a trasferirne molti presso il Monumento Nazionale (Monas), nel centro di Jakarta.

    Se da un lato si moltiplicano le manifestazioni pubbliche di affetto nei confronti di Ahok, dall’altro non si fermano le iniziative dei gruppi islamisti radicali a lui avversi. Nella giornata di ieri, la polizia di Jakarta ha schierato 4.600 agenti a guardia di una manifestazione di islamisti. Essi chiedono che il tribunale di Jakarta condanni il governatore cristiano al massimo della pena, nel manipolato caso di blasfemia che lo vede coinvolto da mesi. I circa 1.500 partecipanti al raduno, organizzato dal movimento estremista National Movement to Safeguard the Indonesian Ulema Council's Fatwa (Gnpf-Mui), hanno marciato minacciosi per le vie di Jakarta dalla moschea di Istiqlal fino al tribunale.

    Il verdetto del processo è previsto per il prossimo 9 maggio. Durante l’ultima udienza del 25 aprile, alla lettura della memoria difensiva, Ahok si è dichiarato vittima di un orchestrato caso di diffamazione. Egli ha detto ai giudici che, in qualità di governatore, ha lavorato solo per migliorare il benessere delle persone.  “Continuerò ad aiutare i poveri e bisognosi, anche se diffamato e odiato a causa della mia fede e delle mie idee. Continuerò a servire [i cittadini] con amore ", ha dichiarato Ahok alla corte.

     

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    19/04/2017 12:17:00 INDONESIA
    Elezioni a Jakarta, sconfitta a sorpresa per Ahok. Vincono gli estremisti

    La vittoria di Anies Baswedan, candidato favorito delle associazioni islamiste più estreme. Ahok oggi ha conquistato solo il 42% circa dei voti, contro il 58% del suo rivale. Il voto popolare condizionato dalle manovre dei fondamentalisti.



    05/04/2017 12:54:00 INDONESIA
    Processo Ahok, ‘inammissibile’ il video che aveva incriminato il governatore cristiano

    Non potrà essere proiettato in nessuna delle prossime udienze. Il filmato modificato è ora parte di un procedimento penale contro il suo diffusore. Ahok offre le sue scuse per il caso di blasfemia orchestrato contro di lui. Non si fermano gli attacchi delle organizzazioni musulmane estremiste. Le forze di sicurezza arrestano cinque leader islamisti per tradimento.



    09/05/2017 12:00:00 INDONESIA
    Processo Ahok: ‘Sentenza influenzata dall’attuale situazione politica’

    “La politica ha interferito col processo legale”. “La decisione dei giudici pericolosa per lo sviluppo della legge e della giustizia nel Paese”. “Come può l’Indonesia definirsi ‘una nazione secolare basata sullo Stato di diritto?’”. “Le implicazioni della condanna vanno ben oltre le mura del tribunale”. “Verdetto socialmente ‘amichevole’ per i giudici”.



    09/05/2017 08:53:00 INDONESIA
    Ahok condannato a due anni per blasfemia. Stupore e turbamento in Indonesia

    Il governatore di Jakarta è ora condotto alla prigione di Cipinang.  La condanna è più pesante delle richieste dei pubblici ministeri. Il caso ha diviso la nazione e ha dato vigore ai gruppi islamici radicali. Si accentuano i contrasti tra i movimenti radicali e i gruppi moderati. La situazione politica non è vantaggiosa per il presidente Joko Widodo.



    13/03/2017 12:51:00 INDONESIA
    Negati i funerali per i musulmani sostenitori del governatore cristiano

    In diverse moschee di Jakarta esposti striscioni e manifesti. La polizia apre un’inchiesta. Il ministro degli Affari religiosi esprime la sua preoccupazione: “Inviti del genere non sono islamici”. La campagna elettorale è segnata dagli atti di intolleranza degli islamisti nei confronti di Ahok e dei suoi sostenitori. Aumentano le tensioni in vista della prossima tornata elettorale in aprile. Le reazioni dei musulmani moderati.





    In evidenza

    RUSSIA-VATICANO
    Studiosi vaticani e ortodossi russi dialogano sulla storia e sulla Ostpolitik

    Vladimir Rozanskij

    Il Convegno inizia domani e continua fino al 21 giugno. Il lavoro comune si era bloccato nel 2002 per le accuse di “proselitismo” alla Chiesa cattolica russa. Clima cambiato dopo l’incontro fra Francesco e Kirill all’Avana nel 2016. I russi preferiscono parlare di missione comune verso il mondo piuttosto che di unità della Chiesa indivisa nei primi 10 secoli.


    LAOS - VATICANO
    Il primo cardinale del Laos: ‘La forza delle piccole Chiese perseguitate’

    Weena Kowitwanij

    Il 21 maggio scorso papa Francesco aveva annunciato a sorpresa la nomina. La comunità cattolica in Laos è composta da circa 50mila fedeli. “È una Chiesa bambina, che vive il primo annuncio, rivolta soprattutto ai tribali e agli animisti”. “Alcuni dei problemi più gravi sono la carenza di sacerdoti e la qualità della formazione”. “Per molti essere cardinale è un onore, per me significa aiutare il papa a risolvere i problemi”.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®