24 Maggio 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  •    - Brunei
  •    - Cambogia
  •    - Filippine
  •    - Indonesia
  •    - Laos
  •    - Malaysia
  •    - Myanmar
  •    - Singapore
  •    - Tailandia
  •    - Timor Est
  •    - Vietnam
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 27/03/2017, 08.27

    INDONESIA

    Jakarta: incitamento all’odio, il crimine più diffuso su internet nel 2016



    Le autorità hanno condotto 199 indagini. Le vittime prese di mira per motivi etnici e religiosi. Vigilantes religiosi e gruppi conservatori sempre più attivi. Il caso del governatore cristiano è un esempio di questa tendenza.

    Jakarta (AsiaNews) –L’incitamento all’odio è stato il crimine online più segnalato alla polizia dai cittadini indonesiani in tutto il 2016. A riferirlo è Himawan Bayu Aji, comandante capo del reparto anticrimine informatico della polizia nazionale.

    Himawan afferma che lo scorso anno le autorità hanno condotto indagini per un totale di 199 casi. Dai rapporti della polizia indonesiana su internet, risulta che, nella maggior parte dei casi, singoli o gruppi di persone sono state vittime di diffamazioni, molestie, insulti, provocazioni e minacce per motivazioni legate soprattutto all’etnia e alla religione.

    Gli analisti rivelano come vigilantes religiosi e gruppi conservatori siano sempre più attivi nel diffondere “panico morale” nella società indonesiana, prendendo di mira attività ritenute immorali e partecipando in maniera sempre più efficace nella vita politica del Paese.

    Chiaro esempio di questa tendenza sono stati i duri attacchi che diversi gruppi islamici radicali hanno rivolto a Basuki Tjahaj Purnama, noto a tutti come Ahok, governatore della Grande Jakarta e cristiano di origine sino-indonesiana.

    Gli studiosi ipotizzano come questi episodi siano i risultati inattesi della democratizzazione dell’Indonesia. Mentre la libertà di espressione nel Paese è ormai garantita, l’incitamento all’odio, sulla spinta di gruppi fondamentalisti islamici, sembra tuttavia fuori controllo.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    13/03/2017 12:51:00 INDONESIA
    Negati i funerali per i musulmani sostenitori del governatore cristiano

    In diverse moschee di Jakarta esposti striscioni e manifesti. La polizia apre un’inchiesta. Il ministro degli Affari religiosi esprime la sua preoccupazione: “Inviti del genere non sono islamici”. La campagna elettorale è segnata dagli atti di intolleranza degli islamisti nei confronti di Ahok e dei suoi sostenitori. Aumentano le tensioni in vista della prossima tornata elettorale in aprile. Le reazioni dei musulmani moderati.



    18/04/2017 12:19:00 INDONESIA
    Elezioni del governatore a Jakarta, l’appello dei leader religiosi per la democrazia

    La conferenza stampa congiunta di sette associazioni di diverse confessioni. I membri invitati ad usare i propri diritti civili senza indugi e a rispettare l'esito delle elezioni di domani. In campagna elettorale la religione sfruttata e manipolata dai gruppi estremisti islamici.



    06/04/2017 15:14:00 INDONESIA
    I cittadini di Jakarta condannano l’uso della religione per fini politici

    I gruppi estremisti islamici tentano di condizionare le elezioni. Gli elettori condannano la manipolazione della religione per fini politici. Zulkifli Hasan, capo dell'Assemblea consultiva popolare: “Sbagliato usare la religione per promuovere l’incitamento all'odio e il risentimento”. Budi Arie Setiadji: “Le questioni settarie hanno consumato la nostra energia”



    10/05/2017 16:40:00 INDONESIA
    La società civile: ‘Riscrivere’ la legge sulla blasfemia che ha condannato Ahok

    La sentenza contro il governatore cristiano solleva tensioni e polemiche. Il reato di blasfemia pretesto per esercitare pressioni sociali e politiche nei confronti dei propri avversari. Surya Chandra: “Nel collegio dei giudici nessuna indipendenza di giudizio”. Antonius Yudo Prihartono: “L’articolo 156a del Codice penale articolo di gomma”. Ismail Hasani: “Qualsiasi opinione o affermazione diversa da quella del Consiglio islamico può esser definita blasfema”.



    29/04/2017 12:22:00 INDONESIA
    Jakarta, manifestazioni pubbliche di affetto e gratitudine per Ahok

    I cittadini vogliono esprimere la propria ammirazione. Ogni giorno in migliaia si recano al municipio. L'area antistante il palazzo inondata da cartelli e decorazioni floreali. Non si fermano le iniziative dei gruppi islamisti radicali contro il governatore cristiano. Il 9 maggio prossimo il verdetto del processo per blasfemia. Ahok: “Diffamato e odiato a causa della mia fede e delle mie idee”.

     





    In evidenza

    VATICANO
    Papa: Il 24 maggio, uniti ai fedeli in Cina nella festa della Madonna di Sheshan



    Al Regina Caeli papa Francesco ricorda la Giornata mondiale di preghiera per la Chiesa in Cina, instaurata da Benedetto XVI. I fedeli cinesi devono dare il “personale contributo per la comunione tra i credenti e per l’armonia dell’intera società”. Il Simposio di AsiaNews sulla Chiesa in Cina.  Un appello di pace per la Repubblica Centrafricana. “Volersi bene sull’esempio del Signore”. “A volte i contrasti, l’orgoglio, le invidie, le divisioni lasciano il segno anche sul volto bello della Chiesa”. Fra i nuovi cinque cardinali, anche un vescovo del Laos.


    VATICANO-CINA
    24 maggio 2017: ‘Cina, la Croce è rossa’, il Simposio di AsiaNews

    Bernardo Cervellera

    Il raduno in occasione della Giornata Mondiale di preghiera per la Chiesa in Cina. Un titolo con molti significati: la Croce è rossa per il sangue dei martiri; per il tentativo di soffocare la fede nei controlli statali; per il contributo di speranza che il cristianesimo dà a una popolazione stanca di materialismo e consumismo e alla ricerca di nuovi criteri morali. A tema anche la grande e inaspettata rinascita religiosa nel Paese. Fra gli invitati: il card. Pietro Parolin, mons. Savio Hon, il sociologo delle religioni Richard Madsen, testimonianze di sacerdoti e laici cinesi.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®