Skin ADV
07 Febbraio 2016
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est

  • mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato


    » 29/05/2012, 00.00

    INDONESIA

    Java centrale: missionario irlandese vince un premio islamico

    Mathias Hariyadi

    P. Carolus, originario di Dublino e dal 1973 a Cilacap, ha ricevuto nel fine settimana il Maarif Award. È il terzo sacerdote cattolico a ricevere l’ambito riconoscimento. Da anni lavora con i musulmani in un’area povera e arretrata. È un “esempio” di impegno e dedizione verso il prossimo, un ponte fra fedi e culture.

    Jakarta (AsiaNews) - In una nazione in cui le divisioni confessionali "sono in continua e forte ascesa", una persona come p. Carolus diventa "un buon esempio" di come "un missionario straniero possa mostrare il suo impegno amorevole verso gli altri, a dispetto della loro identità islamica". Con queste motivazioni il prof. Syafi'i Maarif, studioso e fondatore del Maarif Institute, ha assegnato l'edizione 2012 dell'omonimo premio a p. Charles Patrick Edward Burrows, missionario degli Oblati di Maria Immacolata di origine irlandese (è nato a Dublino), che dal 1973 vive a Cilacap, nella provincia dello Java centrale, sud-ovest dell'Indonesia. Egli (nella foto) ha dedicato particolare attenzione al lavoro missionario gli abitanti poveri di Segara Anakan Delta, una zona litoranea a grandissima maggioranza musulmana, assai povera e priva delle risorse di base.

    Syafi'i Maarif è una figura di primo piano nel panorama culturale indonesiano: decano dell'Università degli studi islamici a Yogyakarta ed ex presidente dell'organizzazione musulmana moderata Muhammadiyah, la seconda per importanza del Paese, ha deciso di dar vita anche all'istituto Maarif per la cultura e l'umanità, impegnato nel lavoro di integrazione, dialogo interreligioso e nella promozione della cultura nazionale. Ogni anno il centro assegna il Maarif Award, concesso a personalità che si distinguono per il loro lavoro a favore dello sviluppo dell'Indonesia.

    Fra i motivi che hanno portato alla scelta di p. Carolus, missionario Omi, vi è proprio "l'impegno totale" e appassionato alle sorti degli abitanti di Segara Anakan, senza differenze, favoritismi o emarginazione nonostante siano a larghissima maggioranza di fede musulmana. Il sacerdote ha ricevuto il premio lo scorso fine settimana, durante un evento pubblico che si è tenuto nella capitale Jakarta. Il sacerdote irlandese, promotore della Social Bina Sejahtera Foundation, è la terza personalità cattolica a ricevere il prestigioso riconoscimento dopo p. V. Kirjito - arcidiocesi di Semarang - e p. Yoseph Suyanto Pr, anch'egli di Semarang (cfr. AsiaNews 12/06/2010 Premio musulmano a un sacerdote cattolico, per la pace e la cura dell'ambiente).

    Fajar Riza Ul Haq, direttore del Maarif Institute, elogia "l'impegno" del sacerdote nel lavoro di caritativa e nel miglioramento della società sulle basi "del pluralismo", grazie alle quali egli "ha saputo costruire ponti" fra culture. P. Carolus ha infatti realizzato scuole e centri di aggregazione, senza mai sfruttare la sua condizione di sacerdote per attirare a sé le persone. "Ha una pazienza infinita e una profonda umiltà" conclude la signora Atiek Wibisono, cattolica di Cilacap.

     

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    25/06/2013 INDONESIA
    Educazione e sanità, suore francescane in missione fra i tribali di Papua
    La comunità di Sagar appartiene alla diocesi di Agats-Asmat, nella provincia ecclesiastica di Merauke. Una zona remota, l’ultima messa celebrata a Pasqua. Nei giorni scorsi il vescovo mons. Murwito ha visitato l’area con una delegazione di suore francescane e un gruppo di attivisti. Da dicembre arriveranno due religiose per contribuire all’opera di sviluppo.

    02/04/2011 INDONESIA
    Cattolici indonesiani raccolgono fondi su Facebook per curare i poveri
    In due mesi una suora francescana, tramite il social network e una catena di mail, ha raccolto il denaro necessario a operare una giovane. La prima iniziativa risale al 2002, quando ha reperito i fondi per un intervento urgente a un giovane musulmano. Assistenza e aiuto abbracciano fedeli di ogni religione.

    07/04/2015 CAMBOGIA

    La Pasqua di Lay, strumento dell’amore di Dio per il prossimo
    Il giovane cambogiano ha 17 anni, non è ancora cristiano ma sta imparando a conoscere Gesù nella piccola comunità di Ampau Prey. Nato in una famiglia molto povera, può studiare grazie alla generosità di una donna cattolica. Un suo gesto diventa segno della “logica della Provvidenza e della Resurrezione”. Da grande sogna di fare il medico per aiutare gli altri.

    15/07/2008 NEPAL
    Preghiera interreligiosa per onorare la memoria di p. Prakash, martire del Nepal
    I leader delle principali fedi del Paese condannano l’assassinio del prete cattolico, il primo martire della Chiesa nepalese. Essi invitano i fedeli a proseguire nel solco tracciato dal missionario, lavorando per i più poveri e per promuovere il dialogo fra le religioni.

    11/01/2005 THAILANDIA
    Case, barche, scuole e borse di studio per le vittime dello tsunami

    La Chiesa thai lancia un progetto in 5 punti per ricostruire la vita nelle zone colpite dal maremoto. La solidarietà fra cristiani e musulmani.





    In evidenza

    CINA-VATICANO
    Intervista al Papa sulla Cina: entusiasmo e scetticismo fra i cattolici cinesi. Alcuni sacerdoti sotto il torchio della polizia

    Maria Chen

    Giornali e radio di Stato hanno dato notizia dell’intervista di papa Francesco ad Asia Times. Vi è chi sogna che il pontefice possa visitare la Cina al più presto. Sacerdoti sotterranei sotto interrogatorio. Apprezzamenti per “il ramo d’ulivo” teso dal pontefice e per aver sottolineato il valore della cultura cinese. Ma si è scettici verso la risposta della leadership di Pechino. Il dialogo fra Cina e Vaticano non porta a risultati perché vi sono interessi diversi: politici e religiosi. Non avere fretta di stabilire relazioni diplomatiche per non sacrificare la libertà della Chiesa e il sacrificio dei suoi martiri. La Chiesa cinese è in crescita.


    VATICANO-CINA
    Papa Francesco ridice il suo amore alla Cina e a Xi Jinping



    Il pontefice elogia la “saggezza” e la “grandezza” della Cina e fa gli auguri a Xi Jinping per il Nuovo Anno cinese della Scimmia. Non bisogna “temere” la Cina, ma entrare in dialogo con essa per mantenere la pace nel mondo. Avere “misericordia” per il recente passato del Paese e “andare avanti” per cambiare la realtà. Nell’intervista, per scelta del giornalista, non si parla dei dialoghi fra Vaticano e Cina o di temi religiosi.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    Terra Santa Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®