23 Ottobre 2014 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile




Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato
invia ad un amico visualizza per la stampa


» 29/05/2012
INDONESIA
Java centrale: missionario irlandese vince un premio islamico
di Mathias Hariyadi
P. Carolus, originario di Dublino e dal 1973 a Cilacap, ha ricevuto nel fine settimana il Maarif Award. È il terzo sacerdote cattolico a ricevere l’ambito riconoscimento. Da anni lavora con i musulmani in un’area povera e arretrata. È un “esempio” di impegno e dedizione verso il prossimo, un ponte fra fedi e culture.

Jakarta (AsiaNews) - In una nazione in cui le divisioni confessionali "sono in continua e forte ascesa", una persona come p. Carolus diventa "un buon esempio" di come "un missionario straniero possa mostrare il suo impegno amorevole verso gli altri, a dispetto della loro identità islamica". Con queste motivazioni il prof. Syafi'i Maarif, studioso e fondatore del Maarif Institute, ha assegnato l'edizione 2012 dell'omonimo premio a p. Charles Patrick Edward Burrows, missionario degli Oblati di Maria Immacolata di origine irlandese (è nato a Dublino), che dal 1973 vive a Cilacap, nella provincia dello Java centrale, sud-ovest dell'Indonesia. Egli (nella foto) ha dedicato particolare attenzione al lavoro missionario gli abitanti poveri di Segara Anakan Delta, una zona litoranea a grandissima maggioranza musulmana, assai povera e priva delle risorse di base.

Syafi'i Maarif è una figura di primo piano nel panorama culturale indonesiano: decano dell'Università degli studi islamici a Yogyakarta ed ex presidente dell'organizzazione musulmana moderata Muhammadiyah, la seconda per importanza del Paese, ha deciso di dar vita anche all'istituto Maarif per la cultura e l'umanità, impegnato nel lavoro di integrazione, dialogo interreligioso e nella promozione della cultura nazionale. Ogni anno il centro assegna il Maarif Award, concesso a personalità che si distinguono per il loro lavoro a favore dello sviluppo dell'Indonesia.

Fra i motivi che hanno portato alla scelta di p. Carolus, missionario Omi, vi è proprio "l'impegno totale" e appassionato alle sorti degli abitanti di Segara Anakan, senza differenze, favoritismi o emarginazione nonostante siano a larghissima maggioranza di fede musulmana. Il sacerdote ha ricevuto il premio lo scorso fine settimana, durante un evento pubblico che si è tenuto nella capitale Jakarta. Il sacerdote irlandese, promotore della Social Bina Sejahtera Foundation, è la terza personalità cattolica a ricevere il prestigioso riconoscimento dopo p. V. Kirjito - arcidiocesi di Semarang - e p. Yoseph Suyanto Pr, anch'egli di Semarang (cfr. AsiaNews 12/06/2010 Premio musulmano a un sacerdote cattolico, per la pace e la cura dell'ambiente).

Fajar Riza Ul Haq, direttore del Maarif Institute, elogia "l'impegno" del sacerdote nel lavoro di caritativa e nel miglioramento della società sulle basi "del pluralismo", grazie alle quali egli "ha saputo costruire ponti" fra culture. P. Carolus ha infatti realizzato scuole e centri di aggregazione, senza mai sfruttare la sua condizione di sacerdote per attirare a sé le persone. "Ha una pazienza infinita e una profonda umiltà" conclude la signora Atiek Wibisono, cattolica di Cilacap.

 


invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
25/06/2013 INDONESIA
Educazione e sanità, suore francescane in missione fra i tribali di Papua
di Mathias Hariyadi
02/04/2011 INDONESIA
Cattolici indonesiani raccolgono fondi su Facebook per curare i poveri
di Mathias Hariyadi
15/07/2008 NEPAL
Preghiera interreligiosa per onorare la memoria di p. Prakash, martire del Nepal
di Kalpit Parajuli
11/01/2005 THAILANDIA
Case, barche, scuole e borse di studio per le vittime dello tsunami
di Weena Kowitwanij
31/12/2004 INDIA
Tsunami, nella tragedia la mano di Dio ha unito le persone

In evidenza
IRAQ - ITALIA
"Adotta un cristiano di Mosul": raccolti e inviati quasi 700mila euro. La campagna continua
di Bernardo CervelleraInviata la seconda tranche di aiuti, raccolti nel mese di settembre. In Medio oriente e in Iraq si gioca il destino dei rapporti fra oriente e occidente. L'appello di papa Francesco e del Sinodo. I governi tiepidi. Gli aiuti giunti da tutto il mondo: una nuova comunità internazionale che sconfigge la "globalizzazione dell'indifferenza".
IRAQ-VATICANO
"Adotta un cristiano di Mosul": il grazie del vescovo per i primi aiuti
di Amel NonaMons. Amel Nona, vescovo caldeo di Mosul, anch'egli rifugiato, ringrazia tutti i donatori della campagna lanciata da AsiaNews. La situazione è sempre più difficile per il numero enorme di profughi e per l'arrivo dell'inverno e della neve, che rendono impossibile alloggiare nelle tende o all'aperto. La crisi, un'occasione che rende attiva la fede dei cristiani.
ITALIA - IRAQ
Continua la campagna "Adotta un cristiano di Mosul". Già raccolti oltre 350mila euro
di Bernardo CervelleraInviate al patriarca di Baghdad e ai vescovi del Kurdistan le donazioni ricevute fino al 31 agosto. La campagna serve a nutrire, alloggiare, vestire, consolare oltre 150mila profughi cristiani, yazidi, turkmeni, sciiti e sunniti, fuggiti dalla violenza dell'esercito del Califfato islamico. Una generosa partecipazione dall'Italia e da tutte le parti del mondo. Donazioni anche da chi è povero e senza lavoro. Una speranza per il mondo, per chi soffre e per chi dona.

Dossier


by Giulio Aleni / (a cura di) Gianni Criveller
pp. 176
Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate