13/05/2011, 00.00
SRI LANKA
Invia ad un amico

Kalpitiya: l’ennesimo progetto turistico vieta l’accesso al mare per i pescatori

di Melani Manel Perera
Filo spinato lungo le spiagge e militari delimitano i cantieri dove sorgeranno alberghi e resort. Per risollevare l’economia nazionale, un nuovo mega progetto turistico che danneggia ecosistema e vita delle comunità locali.

Kalpitiya (AsiaNews) – La marina dello Sri Lanka ha eretto nuove barriere e recintato le spiagge di Kalpitiya (provincia nord-occidentale, distretto di Puttalam), impedendo ai pescatori della zona di accedere al mare. Per far ripartire l’economia del Paese, il governo ha avviato una serie di progetti per promuovere il turismo, che rischiano però di danneggiare l’ecosistema e la sopravvivenza delle comunità locali. “Anche noi siamo favorevoli allo sviluppo e al turismo, ma solo se questo non distruggerà le nostre isole e la nostra vita quotidiana”, hanno detto alcuni pescatori cattolici durante un incontro nei locali della parrocchia Annai Velankanni (isola di Uchchimunai, circa 25 chilometri a nord di Kalpitiya).

I membri di questa comunità affermano che il governo ha venduto a prezzi elevatissimi molti acri di terra e intere spiagge a diverse compagnie di Colombo e altri uomini d’affari, per costruire alberghi e resort. Le aree vendute sono circondate da filo spinato, con il divieto d’ingresso. Se il progetto dovesse andare in porto, la vita di queste comunità sarebbe davvero a rischio, poiché la loro sussistenza dipende solo dalla pesca.

Alcuni pescatori della laguna di Negombo dichiarano: “Sappiamo che il governo può guadagnare molti soldi dalla promozione del turismo in queste isole, ma deve pensare anche a chi le abita. Anche noi abbiamo diritto a essere ascoltati dal governo: abbiamo votato ed eletto i politici che hanno preso questa decisione”. A lungo la comunità di pescatori della laguna di Negombo (situata a nord di Colombo, nella provincia occidentale) ha protestato contro il Sea Plane project (al momento bloccato), che prevedeva l’introduzione di idrovolanti per promuovere il turismo in zone difficili da raggiungere.

All’incontro a Kalpitiya hanno partecipato anche i pescatori delle isole di Keerimundalama, Sinnamunai, Rodapaduwa, Boattuwadiya e Mohoththuwarama (tutte a largo di Kalpitiya). Secondo l’Autorità per lo sviluppo turistico in Sri Lanka (Sltda), il piano legato alla zona di Kalpitiya è il più grande progetto di sviluppo turistico del Paese.
Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Kalpitiya: contadina musulmana vince contro l'esproprio di un megaprogetto turistico
19/01/2012
Sri Lanka: ambientalisti contro il progetto turistico sulla laguna di Negombo
14/12/2010
Sit-in di ottomila pescatori contro il progetto turistico del governo
18/11/2010
Sri Lanka, governo pronto a spostare gli idrovolanti dalla laguna di Negombo
07/01/2011
Sacerdoti cattolici sostengono la protesta dei pescatori contro gli idrovolanti
02/11/2010