18 Gennaio 2018
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 27/02/2010, 00.00

    PAKISTAN

    Karachi, cristiano condannato all’ergastolo per blasfemia

    Fareed Khan

    Qamar David era in carcere dal 2006. Nelle settimane successive all’arresto la polizia non aveva trovato prove concrete a suo carico. Assolto il co-imputato, di fede musulmana, per mancanza di prove. Attivisti cristiani: verdetto figlio di “influenze e pregiudizi” e motivato da “pressioni esterne”.
    Karachi (AsiaNews) – Qamar David, cristiano alla sbarra con l’accusa di blasfemia, è stato condannato all’ergastolo. Alla base della sentenza, emessa il 25 febbraio scorso, il fatto che l’uomo avrebbe “offeso i sentimenti” dei musulmani; assolto, invece, il co-imputato per mancanza di prove. La polizia aveva arrestato l’uomo nel 2006, anche se non vi erano prove concrete a suo carico.
     
    Il giudice aggiunto del tribunale distrettuale di Karachi ha ritenuto colpevole il cristiano perché ha usato “espressioni blasfeme” sul profeta Maometto e il Corano. Il magistrato, riferisce il quotidiano pakistano Dawn, ha emesso la sentenza dopo aver ascoltato l’arringa della difesa e la requisitoria della pubblica accusa.
     
    Nella sentenza di condanna si legge che Qamar David possedeva una Sim card – le carte usate nei telefoni cellulari – dalla quale sarebbero partiti messaggi telefonici ritenuti offensivi verso l’islam. Le prove sarebbero state raccolte grazie alla collaborazione della compagnia telefonica, che ha fornito i tabulati del numero – così riferisce l’accusa – appartenente al fedele cristiano.
     
    Una persona vicina all’imputato afferma che i fatti, le prove e il diritto, invece, sono tutti a suo favore. Le prove raccolte, sottolinea, sono frutto di dicerie e un co-imputato di fede musulmana, incriminato con gli stessi capi d’accusa, è stato prosciolto con formula piena. Parlando in condizioni di anonimato, la fonte citata da Christian Solidarity Worldwide (Csw) rivela che il giudizio finale è frutto di “influenze e pregiudizi” e ritiene che “pressioni esterne” alla Corte abbiano ricoperto un ruolo “essenziale” nel distorcere i fatti e il giudizio.
     
    Attivisti di Csw non nascondono la “profonda preoccupazione” per la condanna all’ergastolo del cristiano pakistano, originario di Lahore, colpevole di aver insultato il profeta Maometto. Egli lavorava in una mensa di ospedale ed è stato arrestato nel 2006 per aver inviato con il proprio telefono cellulare alcuni sms dal contenuto blasfemo. I messaggi, spediti ad alcuni musulmani, sarebbero stati una vendetta contro gli attacchi a chiese cristiane compiuti da fondamentalisti nell’aprile dello stesso anno. Qamar Davis e il suo legale, Parvez Choudhry, sono stati vittima di ripetuti tentati omicidi e minacce di morte da folle di estremisti.
     
    Stuart Windsor, direttore nazionale di Csw, afferma che “l’allarmante verdetto rende ancora più necessario il bisogno che il governo pakistano abroghi le leggi sulla blasfemia. Si è più volte fatto un abuso della norma – continua – per soddisfare vendette personali contro pakistani di tutte le fedi religiose. Essa è un mezzo pericoloso nelle mani di quanti vogliono perseguitare o discriminare le minoranze religiose”.
     
    Christian Solidarity Worldwide (Csw) è un’organizzazione a difesa dei diritti umani specializzata nella libertà religiosa. Gli attivisti lavorano a favore di quanti sono perseguitati a causa della loro fede in Gesù e promuove la libertà religiosa per tutti.
    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    12/05/2011 PAKISTAN
    Mons. Saldanha: cristiani pakistani, sotto le violenze riscoprono Dio
    La loro situazione è difficile e gravosa, molti appartengono a classi sociali basse, svolgono lavori umili e vengono emarginati. Spesso le relazioni con i musulmani sono tra “servo e padrone”. Arcivescovo emerito di Lahore: senso di inquietudine e paura, ma la Chiesa è fonte di “consolazione”.

    18/04/2011 PAKISTAN
    Punjab: liberato il “blasfemo” Arif Masih. Nuovi attacchi contro cristiani a Gujranwala
    Il lavoro svolto dalla Masihi Foundation e la testimonianza di 50 persone, in maggioranza musulmani, ha permesso la scarcerazione del 40enne cristiano. Ora vive sotto protezione con la famiglia, nel timore di nuovi attacchi. Ieri una folla di estremisti a Gujranwala ha interrotto le celebrazioni della domenica delle palme. In risposta, la polizia arresta i cristiani.

    03/03/2010 PAKISTAN
    Punjab: toccano il Corano con mani sporche, sposi cristiani condannati a 25 anni di galera
    Munir Masih e Ruqqiya Bibi incriminati in base alla legge sulla blasfemia. A gennaio avevano ottenuto il rilascio su cauzione, ora sono rinchiusi in due diverse prigioni. Frange fondamentaliste hanno esercitato pressioni – e forse corrotto con denaro – la polizia per trovare prove che giustificassero la condanna.

    09/10/2009 PAKISTAN
    Leader musulmano: governo ostaggio degli estremisti, non abolirà la legge sulla blasfemia
    Irfan Mufti denuncia la “debolezza” di un esecutivo che ha bisogno dell’ala fondamentalista per rimanere al potere. Egli parla di “gioco al compromesso” e della mancanza di una “volontà politica” di rigettare la norma. Mons. Saldanha ringrazia i parlamentari musulmani che hanno proposto l’abolizione della legge.

    07/10/2009 PAKISTAN
    Anche parlamentari musulmani contro la legge sulla blasfemia
    Due deputate musulmane denunciano gli abusi compiuti in nome della normativa. Il 90% delle denunce contro i blasfemi si dimostra infondato. Il Pakistan Christian Congress lancia una campagna nazionale per la “cancellazione totale”. Organizzazione cristiana ha indetto una conferenza sulle minoranze.



    In evidenza

    COREA
    La Corea del Nord invierà una delegazione olimpica di alto livello a Pyeongchang



    Dopo due anni di tensioni, il primo incontro fra delegazioni di Nord e Sud Corea. Seoul propone che gli atleti di Nord e Sud marcino fianco a fianco nelle cerimonie di apertura e chiusura dei Giochi (9-25 febbraio 2018).


    VATICANO
    Papa: il rispetto dei diritti di persone e nazioni essenziale per la pace



    Nel discorso ai diplomatici Francesco ha chiesto la soluzione di conflitti – a partire dalla Siria – e tensioni – dalla Corea a Ucraina, Yemen , Sud Sudan e Venezuela – e auspicato accoglienza per i migranti e per gli “scartati”, come i bambini non nati o gli anziani e rispetto per i diritti alla libertà religiosa e di opinione, al lavoro.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

     









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®