20 Ottobre 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  •    - Afghanistan
  •    - Bangladesh
  •    - Bhutan
  •    - India
  •    - Nepal
  •    - Pakistan
  •    - Sri Lanka
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 11/07/2016, 09.02

    INDIA

    Kashmir, scontri tra separatisti e polizia: 23 morti e 250 feriti



    Le violenze si sono scatenate in seguito all’uccisione di Burhan Wani, combattente simbolo di un gruppo separatista. Le autorità hanno imposto il coprifuoco, serrato scuole, uffici, autostrade; i collegamenti internet sono interrotti. Il Kashmir è un territorio conteso da India e Pakistan dal 1947. Un conflitto latente ha provocato decine di migliaia di morti.

    Srinagar (AsiaNews/Agenzie) – Almeno 23 persone sono decedute e 250 sono rimaste ferite negli scontri che da tre giorni si susseguono nel Kashmir indiano. Le violenze sono scaturite dopo la morte di Burhan Wani, un famoso militante del gruppo Hizbul Mujahideen che combatte per l’indipendenza dello Stato dalla Federazione indiana. Il giovane, 21 anni, era tra i combattenti più famosi per i suoi video e foto pubblicati sui social network. Migliaia di suoi sostenitori hanno sfidato il coprifuoco imposto dalle autorità per partecipare al funerale del “ragazzo vetrina” del gruppo separatista.

    Lo scontro in corso è il peggior episodio di violenza dal 2010. I combattimenti si sono scatenati l’8 luglio, subito dopo l’uccisione di Wani. Egli, insieme ad altri due militanti, è rimasto vittima di un’operazione delle forze di polizia indiane nell’area di Kokernag, nel distretto di Anantnag. Figlio di un insegnante, Wani si era unito ai separatisti all’età di 15 anni ed era considerato un eroe dalla propria generazione, che guardava a lui come punto di riferimento grazie anche alle sue imprese sempre diffuse sui social network.

    Non appena si è sparsa la notizia della sua morte, gruppi di sostenitori sono scesi in strada e hanno iniziato a lanciare sassi contro la polizia, che nel frattempo era stata schierata per mantenere l’ordine. Da quel momento le autorità hanno imposto il coprifuoco e bloccato l’accesso ai siti internet in ampie zone della parte meridionale del Kashmir; le autostrade di accesso allo Stato sono state chiuse; negozi, scuole, uffici e pompe di benzina sono serrati per evitare danneggiamenti e devastazioni.

    A distanza di tre giorni, la tensione rimane alta e oggi il governo locale si riunirà per discutere delle misure da attuare. Il Kashmir è un territorio conteso da India e Pakistan fin dalla separazione del 1947. I numerosi tentativi di stabilire l’indipendenza e un conflitto latente e serrato hanno provocato decine di migliaia di morti, di cui la maggior parte tra i civili.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    10/04/2017 09:08:00 INDIA
    Kashmir, scontri nelle elezioni straordinarie: 8 morti e centinaia di feriti

    Il voto si è svolto in tre distretti per sostituire un membro dell’Assemblea statale. I manifestanti indicono un boicottaggio fino a domani. Servizi di internet sospesi fino al 12 aprile. La partecipazione elettorale si ferma al 7,14%.



    13/08/2008 INDIA
    Decine di migliaia in piazza nel Jammu-Kashmir
    Si aggrava il conflitto indù-islamico nella regione. Gli islamici sfidano il coprifuoco e si scontrano con la polizia. Gli indù bloccano strade e treni. Grave polemica tra Pakistan e India che dice in pericolo il processo di pace.

    10/03/2008 INDIA
    Scontri tra cattolici "di casta" e Dalit, la polizia spara e uccide
    Nel Tamil Nadu i cattolici di casta superiore aggrediscono e sventrano decine di abitazioni di cattolici Dalit, “colpevoli” di chiedere una parrocchia separata. La polizia interviene e spara sugli aggressori.

    30/05/2007 INDIA
    Proseguono i disordini nel Rajasthan, dopo i morti di ieri
    Ieri la polizia ha sparato sui dimostranti della tribù Gujjar; ci sono stati almeno 15 morti e centinaia di feriti. Ora l’esercito presidia la zona. I tribali Gujjar chiedono un riconoscimento politico della loro esistenza e protestano che le promesse sono state disattese. Commenti divisi nel partito di governo.

    30/07/2007 INDIA
    Nell’Andhra Pradesh e nel Bengala occidentale si continua a morire per la terra
    Nell’Ap la polizia spara contro gruppi di sinistra che chiedono di dare la terra ai poveri e uccide 8 persone. Nel Bengala occidentale proseguono gli scontri di piazza tra attivisti di sinistra sostenitori del governo e contadini che difendono la terra dagli espropri. Chiesti provvedimenti contro entrambi i governi.



    In evidenza

    MYANMAR
    Non solo Rohingya: la persecuzione delle minoranze cristiane in Myanmar



    La sofferenza di Kachin, Chin e Naga. La discriminazione su basi religiose è in certi casi addirittura istituzionalizzata. I cristiani sono visti come espressione di una fede straniera ed in contrasto con la visione nazionalista. Per anni il regime militare ha introdotto feroci misure discriminatorie.


    VATICANO - ASIA
    Il mondo ha urgenza della missione della Chiesa

    Bernardo Cervellera

    Ottobre è un mese consacrato al risveglio della missione fra i cristiani. Nel mondo c’è indifferenza o inimicizia verso Dio e la Chiesa. Le religioni sono considerate la fonte di tutte le guerre. Il cristianesimo è l’incontro con una Persona, che cambia la vita del fedele e lo mette al servizio delle ferite del mondo, lacerato da frustrazioni e guerre fratricide. L’esempio del patriarca di Baghdad e del presidente della Corea del Sud.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®