19/08/2011, 00.00
NEPAL – CINA – TIBET
Invia ad un amico

Kathmandu scambia la vita dei tibetani con il denaro di Pechino

di Kalpit Parajuli
Per la prima volta in Nepal una delegazione di 60 alti funzionari cinesi. Concessi aiuti economici per oltre 50 milioni di euro e investimenti di lungo periodo per il potenziamento delle infrastrutture. In cambio la Cina chiede il pieno appoggio delle politiche di restrizione contro i tibetani.
Kathmandu (AsiaNews) – Aiuti economici e investimenti per oltre 50 milioni di euro, accordi di cooperazione per le esportazioni e investimenti in agricoltura, trasporti, sistemi informativi, sviluppo delle infrastrutture e riduzione della povertà. È quanto emerge dalla tre giorni in Nepal della delegazione composta da 60 alti funzionari cinesi. Fra essi Chen Jian, vice-ministro cinese del Commercio.

Terminata ieri, la visita dà il via a una nuova era nelle relazioni fra i due Paesi, facendo del Nepal un partner privilegiato di Pechino in Asia del Sud. In cambio la Cina ha chiesto a Kathmandu un maggiore impegno nella repressione degli esuli tibetani e di perorare la “politica dell’armonia” fra i Paesi dell’Asia del Sud.

Nonostante gli investimenti cinesi siano necessari per fare uscire il Paese dal grave stallo economico e politico, molti politici e diplomatici nepalesi, accusano il governo di aver di fatto svenduto il Paese a Pechino. A farne le spese saranno infatti i diritti umani degli oltre 22mila esuli tibetani, che per cinquant’anni hanno considerato il Nepal come terra privilegiata per fuggire dalla morsa cinese.

Rajeshwor Acharya, ex ambasciatore nepalese in Cina, spiega che l’unico interesse di Pechino è distruggere il movimento Free-Tibet, che dal Nepal tiene alta l’attenzione sulle violazioni dei diritti umani compiuti dalle autorità di Pechino contro il popolo tibetano”. Il diplomatico spiega che i cinesi vogliono togliere il Nepal dall’orbita India, per secoli principale partner economico e politico del Paese.

Anche Nischal Nath Pandey, esperto di politica estera, vede con timore i nuovi rapporti tra i due Stati, troppo sbilanciati a favore di Pechino. “La delegazione – spiega – è giunta il Nepal con l’obbiettivo di aumentare la repressione dei tibetani”. Lo studioso fa notare che le autorità cinesi hanno dato il via agli investimenti promessi nei precedenti incontri solo dopo il totale appoggio di Kathmandu alle politiche di repressione contro gli esuli.
Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Pechino restaura il consolato nepalese a Lhasa e chiede più controllo sugli esuli tibetani
04/01/2012
Altri due tibetani si auto-immolano contro l'oppressione cinese
14/02/2013
Al G20 chiedete alla Cina giustizia per gli operai cinesi e per i tibetani
26/06/2010
L’attacco del Dalai Lama: “Sul mio successore decido io”
26/09/2011
Kathmandu: attivista tibetana stuprata da un soldato
10/03/2011