22 Ottobre 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 20/04/2016, 08.57

    IRAN-USA

    Kerry e Zarif per attuare l’accordo nucleare. Negli Usa c’è chi frena



    L’incontro è avvenuto nella sede Onu di New York. Gli Usa non hanno ancora tolto il divieto nell’uso del dollaro per l’Iran. In questo modo Teheran non può ricevere crediti per 100 miliardi accumulati in questi anni. Allo stesso tempo, banche e compagnie europee sono timorose nell’aprire contratti con Teheran perché temono multe da parte degli Stati Uniti.

    New York (AsiaNews) – Il segretario di Stato Usa John Kerry e il ministro iraniano degli esteri Mohammad Javad Zarif si sono incontrati ieri per due ore e mezza per discutere di come attuare in pieno l’accordo nucleare che l’Iran ha firmato lo scorso luglio con le grandi potenze. Nei giorni scorsi Teheran si è lamentata perché pur obbedendo alle direttive degli accordi e pur avendo fermato l’arricchimento dell’uranio nelle sue centrali, non riceve ancora alcun beneficio economico perché le sanzioni sono di fatto ancora in atto.

    Sebbene molti Paesi – soprattutto europei – sono disponibili e pronti a firmare contratti economici con l’Iran, le banche occidentali e le compagnie assicurative sono restie a stabilire nuovi rapporti economici.

    Il problema risiede nel fatto che gli Stati Uniti non hanno ancora tolto le restrizioni perché l’Iran possa usare il dollaro nei suoi contratti internazionali. Ciò significa che Teheran al momento non può avere accesso almeno a 100 miliardi di dollari di credito che essa ha con altri Paesi nel mondo. Allo stesso tempo, molte banche e compagnie europee temono che riprendere i rapporti economici con l’Iran le esponga a multe da parte degli Stati Uniti, come avvenuto diverse volte in passato.

    Fino ad ora, la Casa Bianca si è difesa dicendo che permettere l’uso del dollaro da parte dell’Iran non è parte dell’accordo sul nucleare.

    In realtà l’accordo implica che il Paese possa rientrare nel sistema bancario mondiale, il che comprende anche l’uso del dollaro.

    Kerry ha dichiarato che il dialogo – avvenuto fra un incontro e l’altro dei diplomatici all’Onu - è servito per comprendere come attuare l’accordo “nel modo preciso in cui è inteso e in modo che tutte le parti ottengano i benefici che si suppone debbano ricevere” da esso.

    Da parte sua, Zarif ha detto che il dialogo fra lui e Kerry continuerà ancora fra due giorni per “mettere in atto e far muovere“ tutte le operazioni necessarie per “assicurare tutti i benefici di cui dovrebbe godere il popolo iraniano”.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    20/04/2016 15:09:00 IRAN
    La strana alleanza fra gli Stati Uniti e i fondamentalisti iraniani

    Washington blocca ancora l’uso del dollaro nelle transazioni bancarie, fermando i nuovi contratti economici stabiliti dopo l’accordo sul nucleare. Gli Usa sembrano dare man forte a Khamenei e alle guardie della rivoluzione, che vogliono affossare l’accordo per mantenere il potere. La popolazione sopravvive con i doppi e tripli lavori. L’Iran instabile e bellicoso accresce la vendita di armi. Il reportage.



    29/04/2016 09:05:00 IRAN-USA
    Teheran chiede aiuto all’Onu per i fondi iraniani congelati negli Usa, gestiti dalla Corte suprema

    Una lettera di Javad Zarif a Ban Ki-moon, ricorda le ingiustizie subite dal popolo iraniano a causa della politica Usa. Critiche alla Corte suprema che permette lo sblocco di fondi congelati per ricompensare le vittime del terrorismo a Beirut.



    18/05/2017 12:32:00 IRAN-USA
    Rouhani contro tutti i poteri forti, anche contro gli Stati Uniti

    Il presidente uscente ha reso più distesi i rapporti con la comunità internazionale, migliorato l’economia, ma la disoccupazione è ancora alta. Lo sfidante Ebrahim Raisi, religioso conservatore, è appoggiato da Khamenei e dai pasdaran. I giovani delle città sono per Rouhani. Il viaggio di Trump in Arabia saudita, un appoggio dall’esterno ai conservatori.



    02/05/2016 12:05:00 IRAN
    Teheran, al nuovo parlamento sempre più riformisti e più donne

    Dopo il secondo turno delle elezioni di tre giorni fa, i riformisti possono contare su 133 seggi; i conservatori su 125, che per la prima volta perdono la maggioranza. Vi sono anche 17 donne, in maggioranza riformiste. Una deputata è stata bloccata dal Consiglio dei Guardiani per aver stretto la mano ad un uomo. I dubbi su Khamenei.



    19/05/2014 IRAN
    Javad Zarif: Un accordo sul nucleare è ancora possibile
    Per il ministro degli esteri è importante non perdere questa occasione. Nuova serie di colloqui dal 16 al 20 giugno.



    In evidenza

    MYANMAR
    Non solo Rohingya: la persecuzione delle minoranze cristiane in Myanmar



    La sofferenza di Kachin, Chin e Naga. La discriminazione su basi religiose è in certi casi addirittura istituzionalizzata. I cristiani sono visti come espressione di una fede straniera ed in contrasto con la visione nazionalista. Per anni il regime militare ha introdotto feroci misure discriminatorie.


    VATICANO - ASIA
    Il mondo ha urgenza della missione della Chiesa

    Bernardo Cervellera

    Ottobre è un mese consacrato al risveglio della missione fra i cristiani. Nel mondo c’è indifferenza o inimicizia verso Dio e la Chiesa. Le religioni sono considerate la fonte di tutte le guerre. Il cristianesimo è l’incontro con una Persona, che cambia la vita del fedele e lo mette al servizio delle ferite del mondo, lacerato da frustrazioni e guerre fratricide. L’esempio del patriarca di Baghdad e del presidente della Corea del Sud.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®