10/09/2012, 00.00
COREA DEL SUD – EUROPA
Invia ad un amico

Kim Ki-duk, il primo coreano a vincere un Festival europeo

Con il Leone d’Oro per “Pietà”, il controverso regista (poco amato in patria) segna il primo traguardo di un coreano nei “Tre grandi” Festival europei. La sua storia e la sua filmografia dimostrano un interesse nei confronti della religione, che tuttavia il regista definisce “una maschera dietro la quale si nascondono i popoli”.

Seoul (AsiaNews) - La vittoria del regista sudcoreano Kim Ki-duk alla 69esima Mostra del cinema di Venezia segna una prima assoluta per il cinema di Seoul, che fino ad ora non aveva avuto alcun premiato nei "Tre grandi" Festival europei (gli altri due sono Berlino e Cannes). E Kim, poco amato in patria, ha festeggiato cantando in occasione della premiazione "Arirang", la canzone popolare più comune del suo Paese.

Il film che lo ha portato alla vittoria si intitola "Pietà" e la locandina è una rivisitazione della celebre, omonima statua di Michelangelo. La storia tuttavia non parla di religione ma di violenza: un usuraio grande e grosso fa di tutto per recuperare i suoi soldi e lo fa senza remore, seviziando le sue vittime. Questo finché non appare nella sua vita una donna che sostiene di essere sua madre e tutto cambia. Il regista sostiene che il titolo "è stato scelto perché in questo mondo contemporaneo c'è ancora più bisogno di pietà e comprensione. Il denaro è pericoloso per l'uso che ne facciamo".

Si tratta del terzo film a carattere religioso di Kim. Prima di "Pietà" ha girato "La Samaritana" - ispirato all'episodio evangelico ma con ben altro svolgimento - e "Primavera, Estate, Autunno, Inverno... e ancora Primavera", ambientato invece in un monastero buddista. D'altra parte, la sua storia personale dimostra un avvicinamento alla religione cristiana: dopo essere stato educato dai protestanti coreani, ha cercato di divenire pastore di una chiesa per non vedenti ma è stato allontanato dal seminario. E sicuramente nei suoi film il senso religioso, se c'è, tende all'autodistruzione.

Parlando con "Cinema coreano", il regista spiegava subito dopo la vittoria del Leone d'Argento per "Primavera, Estate, Autunno, Inverno... e ancora Primavera" il suo punto di vista sull'influenza religiosa: "Negli ultimi tempi vedo sempre più la religione come una maschera dei popoli, io voglio parlare della natura umana, dei pensieri dell'uomo, la cosa più importante è comprendersi a vicenda piuttosto che comprendere la religione".

 

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Pyongyang: per le inondazioni, sospeso festival di propaganda nazionale
31/07/2006
Letteratura e cinema, l’assalto della Corea alla cultura occidentale
18/05/2016 13:54
La cultura “è il ponte che farà grande la Corea del Sud”
28/01/2013
Seoul taglia i fondi ai programmi di integrazione per gli immigrati
11/12/2008
Pyongyang prepara il primo ritratto del “Terzo Kim”
16/03/2010