02 Dicembre 2016
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  •    - Arabia Saudita
  •    - Bahrain
  •    - Emirati Arabi Uniti
  •    - Giordania
  •    - Iran
  •    - Iraq
  •    - Israele
  •    - Kuwait
  •    - Libano
  •    - Oman
  •    - Palestina
  •    - Qatar
  •    - Siria
  •    - Turchia
  •    - Yemen
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est

  • mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato


    » 22/09/2012, 00.00

    IRAQ

    Kirkuk, giovani cristiani lanciano una giornata di digiuno per la pace, dopo una bomba davanti alla cattedrale

    Joseph Mahmoud

    La bomba è scoppiata facendo solo danni materiali all'edificio. Ieri in tutto il mondo si celebrava la Giornata internazionale per la pace. Per mons. Sako, la Chiesa in Iraq è "tribolata, ma non schiacciata".

    Kirkuk (AsiaNews) - Almeno 150 giovani, più altri fedeli, hanno speso la giornata di oggi in preghiera e digiuno per sconfiggere la violenza, dopo che una bomba è esplosa davanti alla cattedrale caldea.

    Domenica scorsa, 16 settembre (v. foto), un ordigno nascosto in una busta è esploso alle 20.45  davanti alla porta della cattedrale di Kirkuk,  mentre Benedetto XVI concludeva la sua visita in Libano.  L'arcivescovo caldeo, mons. Louis Sako, era a Beirut per ricevere dalle mani del papa l'esortazione apostolica Ecclesia in Medio Oriente. La visita del pontefice in Libano è avvenuta in concomitanza con diverse tensioni nel mondo islamico, causate dalla diffusione di un film anti-islam, ritenuto blasfemo nei confronti di Maometto.

    L'esplosione davanti alla cattedrale caldea  ha causato solo danni materiali.  Siccome il 21 settembre è la Giornata internazionale della pace, un gruppo di giovani ha lanciato l'iniziativa di un digiuno tutta la giornata di oggi, giorno di vacanza in Iraq, per chiedere pace nella città  di Kirkuk e in tutto il Paese. La giornata ha avuto anche momenti di preghiera. Parlando ai giovani, l'arcivescovo ha sottolineato che la Chiesa in Iraq vive quanto afferma san Paolo: "Siamo tribolati, ma non schiacciati" (2 Cor 4,8). E ha apprezzato l'idea di unire preghiere e digiuno, secondo l'insegnamento del Vangelo, in cui Gesù dice che certi demoni "non si scacciano se non con la preghiera e il digiuno" ( cfr Matteo 17.20).  I 150 giovani, insieme ad altri fedeli hanno concluso la giornata partecipando tutti insieme all'eucaristia.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    24/09/2012 LIBANO - ISLAM
    Patriarca Rai ai leader musulmani: No agli insulti contro le religioni
    Il capo della Chiesa maronita domanda che l'Onu emetta una risoluzione che condanni ogni offesa alle religioni. Il film anti-islam "offende non solo i musulmani e il profeta, ma anche i cristiani". A tema dell'incontro islamo-cristiano anche la situazione economica del Libano e l'esortazione apostolica di Benedetto XVI Ecclesia in Medio Oriente.

    20/09/2012 LIBANO - VATICANO
    P. Samir: Per il Papa il Libano è un modello per Oriente e Occidente
    A pochi giorni dalla visita di Benedetto XVI in Libano (14-16 settembre) non si spegne l'entusiasmo dei libanesi, presentati come un modello di convivenza per il mondo islamo-cristiano. L'Esortazione apostolica suggerisce il superamento del fondamentalismo da parte di tutte le religioni, accogliendo gli altri in nome della ragione e di principi insiti nella natura umana. La proposta di una "sana laicità", rispettosa della presenza delle religione nella società dice qualcosa anche all'occidente.

    05/11/2012 IRAQ – MEDIO ORIENTE
    Mons. Sako: dal “carisma” dei laici, una nuova presenza cristiana in Medio oriente
    Commentando l’Ecclesia in Medio oriente, l’arcivescovo di Kirkuk invoca “verità e carità” nel rapporto coi musulmani e nella professione della fede. Riforma e rinnovamento i due elementi chiave per una nuova evangelizzazione. E l’auspicio di un “vero scambio” fra le Chiese di Oriente e Occidente.

    13/09/2012 IRAQ – LIBANO
    Arcivescovo di Baghdad: il Papa in Libano, segno di “ottimismo” per il Medio oriente
    Mons. Sleiman, in partenza per Beirut, sottolinea la “benedizione per tutti noi” che deriva dalla visita di Benedetto XVI. Egli auspica che non vi siano “politicizzazioni”, perché il Papa viene per trasmettere un messaggio di “comunione e testimonianza”. E invoca “unità e credibilità” nella Chiesa in Medio oriente, per restituire “speranza” ai fedeli.

    23/11/2007 IRAQ
    Timori e speranze dei cristiani irakeni
    Alla vigilia del conferimento della porpora cardinalizia al patriarca di Baghdad, il vescovo di Kirkuk mette in luce i segni di speranza per i cristiani irakeni: migliorata la sicurezza nel Paese; musulmani moderati desiderosi di dialogo. Il contributo culturale ed economico dei cristiani è essenziale per l’Iraq.



    In evidenza

    IRAQ
    Parroco di Amadiya: profughi cristiani di Mosul, fra l’emergenza aiuti e l’attesa del rientro

    P. Samir Youssef

    In una lettera p. Samir Youssef racconta la situazione dei rifugiati, da oltre due anni lontani dalle loro case. Si segue con attenzione l’offensiva, anche se case e chiese “sono in gran parte” bruciate o distrutte. Con l’arrivo dell’inverno servono cherosene, vestiti, cibo e denaro per pagare il trasporto degli studenti. Un appello per continuare a sostenere la campagna di AsiaNews.


    IRAQ
    “Adotta un cristiano di Mosul”: il dono di Natale per attraversare l’inverno

    Bernardo Cervellera

    Le nuove ondate di profughi, con l’avanzata dell’esercito verso la Piana di Ninive e Mosul rischiano di far dimenticare i rifugiati che da due anni hanno trovato ospitalità nel Kurdistan. C’è bisogno di cherosene, vestiti per l’inverno, aiuti per i bambini, soldi per gli affitti. La campagna lanciata da AsiaNews due anni fa è più urgente che mai. Rinunciare a un dono superfluo per offrire loro un dono essenziale per vivere.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®