17 Settembre 2014 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile




Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato
invia ad un amico visualizza per la stampa


» 22/09/2012
IRAQ
Kirkuk, giovani cristiani lanciano una giornata di digiuno per la pace, dopo una bomba davanti alla cattedrale
di Joseph Mahmoud
La bomba è scoppiata facendo solo danni materiali all'edificio. Ieri in tutto il mondo si celebrava la Giornata internazionale per la pace. Per mons. Sako, la Chiesa in Iraq è "tribolata, ma non schiacciata".

Kirkuk (AsiaNews) - Almeno 150 giovani, più altri fedeli, hanno speso la giornata di oggi in preghiera e digiuno per sconfiggere la violenza, dopo che una bomba è esplosa davanti alla cattedrale caldea.

Domenica scorsa, 16 settembre (v. foto), un ordigno nascosto in una busta è esploso alle 20.45  davanti alla porta della cattedrale di Kirkuk,  mentre Benedetto XVI concludeva la sua visita in Libano.  L'arcivescovo caldeo, mons. Louis Sako, era a Beirut per ricevere dalle mani del papa l'esortazione apostolica Ecclesia in Medio Oriente. La visita del pontefice in Libano è avvenuta in concomitanza con diverse tensioni nel mondo islamico, causate dalla diffusione di un film anti-islam, ritenuto blasfemo nei confronti di Maometto.

L'esplosione davanti alla cattedrale caldea  ha causato solo danni materiali.  Siccome il 21 settembre è la Giornata internazionale della pace, un gruppo di giovani ha lanciato l'iniziativa di un digiuno tutta la giornata di oggi, giorno di vacanza in Iraq, per chiedere pace nella città  di Kirkuk e in tutto il Paese. La giornata ha avuto anche momenti di preghiera. Parlando ai giovani, l'arcivescovo ha sottolineato che la Chiesa in Iraq vive quanto afferma san Paolo: "Siamo tribolati, ma non schiacciati" (2 Cor 4,8). E ha apprezzato l'idea di unire preghiere e digiuno, secondo l'insegnamento del Vangelo, in cui Gesù dice che certi demoni "non si scacciano se non con la preghiera e il digiuno" ( cfr Matteo 17.20).  I 150 giovani, insieme ad altri fedeli hanno concluso la giornata partecipando tutti insieme all'eucaristia.


invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
24/09/2012 LIBANO - ISLAM
Patriarca Rai ai leader musulmani: No agli insulti contro le religioni
di Paul Dakiki
20/09/2012 LIBANO - VATICANO
P. Samir: Per il Papa il Libano è un modello per Oriente e Occidente
di Samir Khalil Samir
05/11/2012 IRAQ – MEDIO ORIENTE
Mons. Sako: dal “carisma” dei laici, una nuova presenza cristiana in Medio oriente
di Joseph Mahmoud
23/11/2007 IRAQ
Timori e speranze dei cristiani irakeni
di Louis Sako*
27/08/2014 LIBANO-MEDIO ORIENTE
Incontro a Bkerke dei patriarchi con gli ambasciatori per salvare l'Oriente e i cristiani

In evidenza
ITALIA - IRAQ
Continua la campagna "Adotta un cristiano di Mosul". Già raccolti oltre 350mila euro
di Bernardo CervelleraInviate al patriarca di Baghdad e ai vescovi del Kurdistan le donazioni ricevute fino al 31 agosto. La campagna serve a nutrire, alloggiare, vestire, consolare oltre 150mila profughi cristiani, yazidi, turkmeni, sciiti e sunniti, fuggiti dalla violenza dell'esercito del Califfato islamico. Una generosa partecipazione dall'Italia e da tutte le parti del mondo. Donazioni anche da chi è povero e senza lavoro. Una speranza per il mondo, per chi soffre e per chi dona.
IRAQ-ITALIA
"Adotta un cristiano di Mosul": il grazie del Patriarca Louis Sako; le preoccupazioni del vescovo del Kurdistan
di Bernardo CervelleraIl capo della Chiesa caldea ringrazia per la campagna di AsiaNews e spera che "questa catena di solidarietà si allunghi". Aiutare i profughi a rimanere in Iraq. Ma molti vogliono fuggire all'estero. Il vescovo di Amadiyah, che ha accolto migliaia di sfollati nelle chiese e nelle case: Aiutiamo anche arabi (musulmani) e yazidi, in modo gratuito e senza guardare alle differenze confessionali.
ITALIA - IRAQ
"Adotta un cristiano di Mosul", rispondere nei fatti e con la vita all'emergenza irachenaAsiaNews lancia una raccolta fondi per sostenere i fedeli nel mirino dello Stato islamico, dopo le richieste del Patriarca di Baghdad e il pressante appello di papa Francesco "a assicurare gli aiuti necessari, soprattutto quelli più urgenti, a così tanti sfollati, la cui sorte dipende dalla solidarietà altrui". Oltre 100mila persone sono state costrette a fuggire dalle loro case senza niente addosso, e ora non hanno di che vivere. Per aiutarli, bastano 5 euro al giorno: i fondi raccolti saranno inviati al Patriarcato di Baghdad, che provvederà a distribuirli secondo i bisogni di ogni famiglia.

Dossier

by Giulio Aleni / (a cura di) Gianni Criveller
pp. 176
by Lazzarotto Angelo S.
pp. 528
by Bernardo Cervellera
pp. 240
Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate