25 Luglio 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 08/06/2017, 08.56

    IRAQ

    Kurdistan, il 25 settembre si vota il referendum per l’indipendenza da Baghdad



    Nella regione hanno trovato rifugio centinaia di migliaia di profughi - cristiani, musulmani e yazidi - in fuga dallo Stato islamico. L’area è ricca di petrolio e gas naturali ed è da tempo contesa fra autorità locali e governo centrale. Contrarie al progetto anche Turchia, Siria e Iran per il timore di secessioni interne. 

     

    Erbil (AsiaNews/Agenzie) - La regione autonoma del Kurdistan terrà un referendum il prossimo 25 settembre, per decidere sull’indipendenza da Baghdad e la creazione di una entità territoriale autonoma. A darne notizia ieri i vertici curdi a Erbil, nonostante il vasto fronte interno al Paese che si oppone alla divisione dell’Iraq. 

    In questi anni nella regione hanno trovato riparo centinaia di migliaia di cristiani, oltre che di musulmani e di yazidi, fuggiti dalla piana di Ninive, per l’arrivo dello Stato islamico.

    L’ufficio della presidenza del Kurdistan ha diffuso una nota in cui conferma che “il 25 settembre 2017 è la data indicata per lo svolgimento del referendum” sull’indipendenza. 

    La regione del Kurdistan irakeno è formata da tre province, che sono affidate alla guida di un governo autonomo regionale e protette da forze di sicurezza locali. Le mire indipendentiste incontrano un vasto consenso nella popolazione locale, ma sono osteggiate da gran parte del Paese e dalla comunità internazionale, perché contribuiscono ad alimentare l’instabilità della nazione. 

    Il comunicato diffuso dalla presidenza regionale curda ricorda una delle questioni più controverse legate all’indipendenza, affermando che il referendum si terrà “nella regione del Kurdistan e nelle aree del Kurdistan non controllate dall’amministrazione locale”. Il riferimento è ai territori del nord rivendicati sia dal Kurdistan che da Baghdad, ricchi di petrolio e di gas naturali. Fra questi l’area di Kirkuk, ora in maggioranza sotto il controllo dei Peshmerga.

    Negli ultimi tempi sia Baghdad che la regione curda sono attraversate da una profonda crisi economico-finanziaria, acuita dal crollo dei prezzi del petrolio; difatti i proventi dalla vendita del greggio rappresentano la grande maggioranza delle entrate.  

    Inoltre, pur a fronte di un vasto movimento favorevole all’indipendenza curda, al loro interno i curdi irakeni si presentano divisi; spaccature e contrasti che rischiano di paralizzare fin da subito il nascituro Stato. 

    A questo si aggiunge l’opposizione di alcune potenze regionali: Turchia, Siria e Iran hanno al loro interno una nutrita comunità curda e sono contrarie alla nascita di una entità indipendente curda, nel timore - di Ankara su tutti - che essa possa alimentare mire secessioniste. 

    Fra le voci critiche e contrarie alla divisione del Paese vi è quella della Chiesa caldea, che opera da tempo per l’unità dell’Iraq di fronte ai problemi interni e alle minacce esterne (fra cui lo Stato islamico). L’opposizione del patriarcato non riguarda solo eventuali mire indipendentiste dei curdi, ma anche i progetti alimentati da alcuni gruppi cristiani che rivendicano la creazione di un  “ghetto cristiano” nella piana di Ninive.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    13/07/2017 11:57:00 IRAQ
    Per Baghdad il referendum curdo, più dell’Isis, minaccia l’unità e il futuro dell’Iraq

    Il voto rischia di alimentare nuovi scontri settari e confessionali. Da tempo i curdi aspirano a una entità territoriale indipendente; i loro progetti ostacolati dai governi della regione (Siria, Iraq e soprattutto Turchia). Usati come arma nelle guerre regionali, ora intendono decidere del proprio destino. Il ruolo di Usa e Israele. Barzani: con Baghdad non partner ma “buoni vicini”.

     



    14/03/2005 IRAQ
    Rappresentante curdo: "Si prepara un nuovo Iraq per tutti"

    Saywan Barzani è ottimista anche dopo gli attriti tra blocco curdo e alleanza sciita sulla formazione del nuovo Governo. Tra le questioni in sospeso: il ritorno a Kirkuk dei deportati curdi.



    10/09/2012 IRAQ
    Arcivescovo di Kirkuk: “matrice politica” dietro le violenze settarie in Iraq
    Una serie di attentati in tutto il Paese hanno causato circa 100 morti e oltre 350 feriti. Le violenze una risposta alla pena capitale inflitta in contumacia al vice-presidente sunnita Tariq al-Hashemi. Mons. Sako: governo diviso, progetto di riconciliazione lontano, nazione frammentata e tratti “comuni” alle vicende in Siria, anche l'impatto dei paesi vicino è forte. Speranze di pace e prospettive future dalla visita di Benedetto XVI in Libano.

    07/12/2009 IRAQ
    Il parlamento irakeno approva la legge elettorale, si vota (forse) il 27 febbraio
    Il via libera giunto quasi all’unanimità al termine di una seduta fiume, a pochi minuti dalla scadenza del termine. Soddisfazione del vice-presidente di etnia sunnita, che aveva bocciato la proposta precedente. I seggi passano da 275 a 325, previste quote rosa. Fonti di AsiaNews: è una “tregua” fra le fazioni, ma la tensione “resta alta”.

    10/12/2009 IRAQ
    Mosul, uccisi due fratelli cristiani. Cellula di al Qaeda rivendica la strage a Baghdad
    Entrambi sono stati assassinati con un colpo di pistola alla testa. Cellula irakena di al Qaeda promette nuovi attacchi se non verrà applicata la legge islamica nel Paese. Alto funzionario della polizia accusa Damasco e Riyadh di complicità.



    In evidenza

    CINA-VATICANO
    I 60 anni dell’Associazione patriottica cinese: la Chiesa sottomessa alla politica

    Shan Ren Shen Fu (山人神父)

    Sebbene in tono basso - forse per i dialoghi col Vaticano - è risuonato ancora lo slogan per una Chiesa “autonoma” e “indipendente” (dalla Santa Sede) e sottomessa in tutto alla politica del Partito. I vescovi ufficiali muoiono come “funzionari di Stato”, lontani dai fedeli. Alcuni sono richiesti di iscriversi al Partito che obbliga i suoi membri all’ateismo. Fra i vescovi ufficiali mancano “testimoni”, ma vi sono alcuni “opportunisti”. L'opinione di un sacerdote della Chiesa ufficiale.


    VATICANO
    Papa: appello per “moderazione e dialogo” a Gerusalemme



    All’Angelus Francesco, preoccupato per le violenze in atto nella Città santa, invita a pregare  preghiera “affinché il Signore ispiri a tutti propositi di riconciliazione e di pace”. Il male e il bene sono “intrecciati” in ognuno di noi e non spetta all’uomo distinguere né giudicare.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®