20 Ottobre 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 01/08/2011, 00.00

    IRAN - INDIA

    L’India paga il petrolio iraniano “aggirando” i divieti Onu



    L’India importa quasi 400mila barili di greggio iraniano al giorno. Da dicembre i pagamenti sono stati bloccati, a seguito delle sanzioni Onu contro l’Iran per il suo programma nucleare. Dopo lunghe trattative, le parti concordano un modo di pagamento.
    New Delhi (AsiaNews/Agenzie) – Iran e India hanno trovato un accordo per il pagamento del debito di New Delhi per l’importazione del petrolio iraniano. Teheran aveva minacciato di sospendere la fornitura di energia, essenziale per New Delhi, dopo che i pagamenti erano stati bloccati da dicembre per le sanzioni decise dall'Onu contro il commercio con Teheran per il suo programma nucleare.

    Il sito web del ministero iraniano per il Petrolio, Shana, riporta oggi la dichiarazione di Ahmed Qalebani, capo della Compagnia petrolifera nazionale iraniana, che “a seguito di intense negoziazioni, le due parti hanno concordato il pagamento degli arretrati appena possibile”. I pagamenti saranno divisi in due tranche e la prima avverrà nei prossimi giorni, pare in  gran parte in  euro.

    New Delhi importa dall’Iran circa 400mila barili di greggio al giorno, pari a circa il 12% del suo fabbisogno di petrolio, è il 2° maggior cliente di Tehran.

    Lo scorso dicembre la centrale Reserve Bank of India interruppe i pagamenti, per le sanzioni contro il commercio con l’Iran, dopo che una banca iraniana-tedesca di Amburgo aveva subito sanzioni e non aveva potuto trasferire denaro all’Iran. Le sanzioni non proibiscono l’acquisto del greggio iraniano, ma rendono difficile qualsiasi scambio commerciale come dare in cambio merci (l’India esporta in Iran alimenti, acciaio e prodotti elettronici), né Tehran accettava di essere pagata soltanto in rupie.

    L’impasse aveva portato Teheran a minacciare di interrompere ogni fornitura dal 1° agosto.

    Mohsen Ghamsari, vicedirettore operativo della Nioc, ha spiegato che non ci sono stati invece problemi con la Cina, alla quale il Paese cede oltre 400mila barili di greggio al giorno.

    Gli esperti ritengono che Teheran non possa comunque permettersi di sospendere le forniture all’India, nonostante simili ritardi nei pagamenti, anche per non essere soppiantata dall’Arabia Saudita.
    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    04/04/2006 CINA - ANGOLA
    L'Angola è il primo fornitore di petrolio per la Cina

    Pechino, in cambio del greggio, concede ampi finanziamenti agevolati e le ditte cinesi partecipano alle opere di ricostruzione. Ma si teme che di questa ricchezza non benefici la popolazione.



    14/01/2016 ASIA
    Il petrolio scende sotto i 30 dollari al barile, tremano le oligarchie del mondo
    Il brent crude rimbalza dopo poche transazioni a 30,22 dollari, ma il prezzo continua a scendere da 15 mesi di fila. Pesano il calo della domanda energetica in Cina e le tensioni geopolitiche internazionali, ma il punto centrale rimane la sovrabbondanza di petrolio a fronte di una richiesta in calo continuo. Mosca annuncia una revisione del budget per il 2016; Washington si affida alle trivellazioni offshore. L’Arabia Saudita rischia più di tutti e interviene per calmierare il settore idrico e i carburanti. Unico superstite, l’Iran.

    04/06/2007 INDIA - STATI UNITI
    "Importanti progressi" ma ancora un rinvio per l’accordo sul nucleare
    I tre giorni di colloqui a New Delhi non hanno risolto tutti i contrasti per la cessione di materiale nucleare e tecnologia. Gli Stati Uniti vogliono poter controllare cosa Delhi farà con il materiale fissile, ma questa non vuole intromissioni straniere.

    21/04/2008 ARABIA SAUDITA
    L’Arabia Saudita non aumenterà la produzione di greggio più del previsto
    Secondo i Paesi consumatori, l’attuale produzione Opec deve aumentare di almeno 11,5 milioni di barili al giorno, entro il 2030. Riyadh non vuole aumentarla più di quanto già stabilito (da 9 a 12,5 milioni di barili), e smentisce le voci che ritengono i suoi giacimenti “troppo” sfruttati.

    11/06/2010 IRAQ - CINA
    Buone opportunità in Iraq per le ditte petrolifere cinesi
    Le ditte occidentali sono caute a investire, per timore di sabotaggi e attentati e per l’incertezza politica. Lasciano così spazio a Pechino, che vuole assicurarsi nuove fonti di energia, piuttosto che cercare rapidi guadagni. La Cina sempre più leader energetica nella penisola araba.



    In evidenza

    MYANMAR
    Non solo Rohingya: la persecuzione delle minoranze cristiane in Myanmar



    La sofferenza di Kachin, Chin e Naga. La discriminazione su basi religiose è in certi casi addirittura istituzionalizzata. I cristiani sono visti come espressione di una fede straniera ed in contrasto con la visione nazionalista. Per anni il regime militare ha introdotto feroci misure discriminatorie.


    VATICANO - ASIA
    Il mondo ha urgenza della missione della Chiesa

    Bernardo Cervellera

    Ottobre è un mese consacrato al risveglio della missione fra i cristiani. Nel mondo c’è indifferenza o inimicizia verso Dio e la Chiesa. Le religioni sono considerate la fonte di tutte le guerre. Il cristianesimo è l’incontro con una Persona, che cambia la vita del fedele e lo mette al servizio delle ferite del mondo, lacerato da frustrazioni e guerre fratricide. L’esempio del patriarca di Baghdad e del presidente della Corea del Sud.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®