23 Ottobre 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 03/03/2016, 08.41

    COREA – ONU

    L’Onu aggrava le sanzioni contro Pyongyang. Che risponde lanciando missili



    Il Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite vara il pacchetto di sanzioni “più pesante degli ultimi 20 anni”. Colpite le esportazioni, proibite le importazioni, controlli su ogni mezzo di trasporto diretto o in partenza dal regime nordcoreano. Nel mirino anche gli oggetti di lusso, desiderio dell’elite guidata da Kim Jong-un. Sparati in mare diversi missili a corto raggio, i programmi umanitari sembrano destinati a concludersi.

    Seoul (AsiaNews) – L’esercito nordcoreano ha sparato diversi missili a corto raggio dalle sue postazioni costiere, in risposta all’approvazione dell’ultimo pacchetto di sanzioni da parte del Consiglio di Sicurezza Onu. I missili, ancora non identificati, sono caduti tutti in mare. Ma la propaganda del regime guidato da Kim Jong-un ha annunciato entro le prossime ore “una risposta molto più seria all’atto illegale dell’Onu”. L’aggravamento della tensione nella penisola coreana sembra condannare del tutto il programma di aiuti umanitari alla popolazione del Nord, che difficilmente ripartirà dopo lo stop imposto da Seoul.

    I 15 membri del Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite hanno votato all’unanimità quello che è stato definito “il pacchetto di sanzioni più pesante degli ultimi 20 anni”. La decisione è stata presa dopo l’accordo fra Stati Uniti e Cina (storico alleato della Corea del Nord), in risposta al test nucleare del 6 gennaio e del lancio di missili a lungo raggio del 7 febbraio da parte di Pyongyang. Gli Stati membri del Consiglio hanno anche inviato un monito scritto al governo del Nord, chiedendo di far ripartire “il prima possibile” i dialoghi sul disarmo nucleare o “accettare l’isolamento totale”.

    In concreto, le misure intraprese dall’Onu colpiscono quasi tutti i settori sensibili dell’economia nordcoreana. Gli Stati membri hanno l’obbligo di ispezionare ogni cargo proveniente dal Paese o ad esso diretto, sia via aerea che marittima, in cerca di beni “illeciti”. Si appesantisce ancora di più l’embargo sulla compravendita di armi: ogni diplomatico del Nord sorpreso in attività ad esso correlate dovrà essere espulso dal Paese di residenza.

    Nel mirino anche il settore minerario, uno dei più redditizi della parte nord della penisola. Bloccata la vendita di ogni minerale “fatti salvi quelli destinati alla sopravvivenza pura”. Fermato il mercato del carbone, da cui Pyongyang ricava un miliardo di dollari americani l’anno (pari a un terzo del totale delle sue esportazioni), e quello dell’acciaio, che vale altri 200 milioni.

    Impedita la vendita di carburante aereo e imposto l’atterraggio forzato a ogni aeroplano sospettato di trasportare materiale proibito. Negato l’accesso ai porti per ogni nave nordcoreana che non accetti di essere perquisita a tempo indeterminato. Colpito anche il settore del lusso, mania dell’elite guidata dal giovane Kim: orologi preziosi, attrezzature sportive, liquori di marca diventano beni non ammessi.

    Dal punto di vista finanziario, nessuna banca nordcoreana potrà aprire una filiale o richiedere una partnership con qualunque istituto di credito presente negli Stati membri dell’Onu; congelati i beni all’estero di 12 entità di vario tipo e 20 singoli; rinforzati i controlli su Agenzie come quella di spionaggio e ovviamente quella dedicata allo sviluppo del nucleare.

    I governi di Corea del Sud, Giappone, Stati Uniti e Cina hanno commentato in maniera positiva la decisione Onu, e hanno dichiarato che ora il destino della Corea del Nord è “del tutto nelle mani dei suoi governanti, che devono ragionare con saggezza per il bene del loro popolo”. Unica voce non del tutto allineata è quella russa: l’ambasciatore di Mosca all’Onu, Vladimir Churkin, ha detto che la risoluzione “non è ideale al 100%”, ma ha aggiunto che “andava comunque votata”.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    17/07/2006 Corea del Nord – Stati Uniti – Russia
    Pyongyang "accetti la risoluzione Onu e torni al tavolo del disarmo nucleare"

    Bush e Putin, ai margini del G8, siglano un comunicato congiunto che chiede alla Corea del Nord di accettare le sanzioni del Consiglio di Sicurezza e di tornare "senza condizioni" al tavolo dei dialoghi a sei sul nucleare. Sulla stessa linea, Seoul minaccia il blocco degli aiuti.



    05/09/2017 09:12:00 ONU-COREA
    Consiglio di sicurezza Onu sulla Corea del Nord: Guerra, sanzioni, dialogo

    Ambasciatrice Usa: Pyongyang sta supplicando per una guerra. La pazienza degli Usa “non è senza limiti”. Per Cina e Russia occorre frenare che fanno crescere la tensione. Stop alle esercitazioni militari congiunte in cambio di dialogo con il Nord. Putin al telefono con Moon Jae-in. Trump propone vendita di armi alla Corea del Sud.



    04/09/2017 09:13:00 COREA-ASIA
    Il ‘terremoto’ del test nucleare di Pyongyang. Le reazioni nel mondo

    Oggi pomeriggio riunione di emergenza del Consiglio di sicurezza dell'Onu. La bomba ad idrogeno fatta scoppiare ieri è quasi 10 volte più forte delle precedenti. Per la Corea del Nord è un “perfetto successo”. Seoul e Tokyo chiedono un incremento al massimo delle sanzioni per portare Kim Jong-un al tavolo delle trattative. Esercitazioni militari con missili nel sud. Minacce di operazioni militari da parte degli Usa. Per alcuni analisti, l’obbiettivo dei test è provocare l’imbarazzo della Cina.



    07/09/2017 08:57:00 CINA-USA-COREA
    Xi Jinping e Trump condannano insieme il test nucleare di Pyongyang

    Il test nucleare è “un’azione provocatoria e destabilizzante”, “pericolosa per il mondo” e che non fa gli interessi di Pyongyang. Ambasciatore del Nord all’Onu: Il test è “un pacco-regalo agli Usa”. Istallate altre quattro rampe del sistema antimissilistico Thaad, inviso a Pechino e Mosca.



    20/09/2017 09:01:00 USA-COREA-ONU
    Trump minaccia la ‘distruzione totale’ della Corea del Nord. Il silenzio di Seoul e Tokyo

    Critiche in modo velato alla Cina, sostenitrice di Pyongyang. L’ironia dei giornali cinesi. Un attacco alla Corea del Nord colpirebbe il Sud, il Giappone, la regione dell’Asia del Nord.





    In evidenza

    VATICANO
    Papa: Lettera per i 100 anni della Maximum Illud sull’attività svolta dai missionari nel mondo



    Per l’ottobre 2019, papa Francesco lancia un Mese Missionario Straordinario per risvegliare l’impegno della missione ad gentes e per trasformare in modo missionario la pastorale ordinaria, sfuggendo alla stanchezza, al formalismo e all’autopreservazione. Il “compito imprescindibile della missione ad gentes da Benedetto XV al Concilio Vaticano II, a papa Giovanni Paolo II, fino all’Evangelii Gaudium.


    CINA-VATICANO
    Wang Zuoan: Papa Francesco è sincero, ma deve sottostare a due condizioni

    Li Yuan

    In un’intervista alla Commercial Radio, il direttore dell’Amministrazione statale per gli affari religiosi ribadisce l’urgenza di tagliare i rapporti con Taiwan e di non interferire negli affari interni della Cina, nemmeno quelli religiosi. Grandi elogi al discorso di Xi Jinping da parte dei due vescovi ospiti del Congresso del Partito, Fang Xinyao e Ma Yinglin. “Falsi pastori, ma reali schiavi”. I timori di un cattolico sotterraneo.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®