29 Luglio 2016
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est

  • mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato


    » 17/03/2010, 00.00

    UZBEKISTAN

    L’Onu esamina la situazione dei diritti umani in Uzbekistan



    Il Comitato Onu per i diritti umani deve formulare raccomandazioni a Tashkent per migliorare il rispetto dei diritti. Human Rights Watch raccomanda di chiedere fatti concreti e non semplici ammissioni di principio. Nel Paese sempre più è perseguitata qualsiasi iniziativa sociale non statale.

    Tashkent (AsiaNews/Agenzie) – Non  ha soste in Uzbekistan la repressione contro attivisti per i diritti umani, ma anche contro chi vuole solo professare la sua religione con libertà. C’è attesa per le determinazioni del Comitato delle Nazioni Unite per i diritti umani, che l’11 e 12 marzo ha esaminato la questione.

    Le autorità uzbeke colpiscono sempre più qualsiasi forma di organizzazione non statale. Il 15 marzo il pubblico ministero ha iniziato le indagini sulla cittadinanza del villaggio di Novbahor, distretto di Parkent, per avere dato denaro all’attivista per i diritti Azamat Yakubov per costruire un impianto per la fornitura di gas alla zona. L’attivista è popolare nel villaggio per la sua opera a favore dei residenti e l’intera cittadinanza, il 10 e 11 marzo, ha manifestato davanti al municipio contro la sua detenzione.   L’analista politico Tashbulat Yuldashev, esiliato negli Usa, spiega all’agenzia Uznews che le autorità vogliono dimostrare che Azamat con quel denaro avrebbe fatto altro, nonostante la costruzione dell’impianto di gas sia davvero iniziata e nonostante egli ci abbia investito anche circa 20 milioni di sum (circa 6mila euro) propri. Intanto a media filogovernativi sono stati chiesti articoli su quanto le autorità locali abbiano migliorato i servizi nelle aree rurali.

    Alla fine di febbraio il tribunale di Almalyk ha condannato 13 cristiani battisti a multe per 3,8 milioni di sum ciascuno (pari a due volte il salario minimo mensile, circa 1.200 euro) per “avere fatto proselitismo”. In realtà il gruppo era stato trovato dalla polizia, alla fine di gennaio, in possesso di libri religiosi come la Bibbia.

    I 18 esperti del Comitato Onu, che ha in corso il 13mo convegno annuale a Ginevra fino al 26 marzo,  hanno all’esame la situazione del Paese e dovranno svolgere le osservazioni, in teoria obbligatorie per l’Uzbekistan in forza della Convenzione Onu per i diritti civili e politici. Il gruppo Human Rights Watch ha sollecitato il Comitato Onu a chiedere a Tashkent il rilascio degli attivisti detenuti e a fermare le violazioni dei diritti umani, in quanto teme che l’Onu possa soddisfarsi per una mera dichiarazione di principi da parte di Tashkent, senza iniziative concrete. Per questo la ong ha anche elencato 14 attivisti per i diritti e giornalisti arrestati per il loro lavoro (tra cui il poeta Yusuf Juma, nella foto), di cui chiede il rilascio, e ricorda la mancanza di libertà di parola e di religione e l’impunità di cui godono polizia e funzionari di governo.

    L’Uzbekistan è ricco di energia e i Paesi occidentali, dopo un lungo embargo, appaiono ansiosi di riprendere contatti e commerci, anche per non lasciare il campo libero a Russia, Cina e altri Stati non interessati alla violazione dei diritti umani. Holly Carter, responsabile di Hrw per Europa e Asia centrale, chiede al Comitato “di non lasciarsi imbrogliare da iniziative vuote [di Tashkent, come la promessa di prossime riforme] e di insistere per riforme effettive e sostanziali”.  

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    16/04/2008 UZBEKISTAN
    Ai lavori forzati il poeta Yusuf Juma, una delle poche voci libere del Paese
    Condannato a 5 anni per “resistenza all’arresto e aggressione contro la polizia”. Ma molti ritengono che sia stato “punito” per le critiche al presidente Karimov. Condannato anche un figlio, che sarebbe stato torturato in carcere per farlo confessare.

    27/03/2007 ONU – UZBEKISTAN
    L'Onu ferma le indagini sui diritti umani per Iran ed Uzbekistan
    Dopo una raccomandazione firmata dalla maggioranza degli Stati che sovrintendono le indagini sulle violazioni di Tehran e Tashkent, il Consiglio ha interrotto le operazioni di monitoraggio della situazione dei diritti umani nei due Paesi. Proteste da Human Rights Watch, che accusa l’Onu di legittimare gli abusi sempre più frequenti.

    21/01/2010 UZBEKISTAN
    Tortura in Uzbekistan: sistematica e impunita
    Gruppi per i diritti umani denunciano il sistematico uso di torture da parte di polizia e funzionari investigativi, per estorcere confessioni o per “punire” oppositori. Le denunce rimangono inascoltate e la magistratura non è indipendente dall’esecutivo.

    28/04/2010 UZBEKISTAN
    Anni di carcere o di lavori forzati per chi si riunisce e prega
    Polizia e autorità colpiscono islamici e cristiani che svolgono attività religiosa non autorizzata. Intanto proseguono le condanne sistematiche per gli incontri non autorizzati a piccoli periodi di carcere. L’Onu chiede di cessare queste condanne.

    11/02/2009 CINA - NAZIONI UNITE
    L’Onu interroga la Cina sui diritti umani, Pechino risponde sull’economia
    Pechino nega qualsiasi violazione dei diritti e si trincera dietro i miglioramenti portati dallo sviluppo economico. Ma esperti affermano che, con la crisi finanziaria, sono venuti meno anche i pochi diritti riconosciuti ai lavoratori. Ora si attendono le raccomandazioni conclusive dei delegati.



    In evidenza

    POLONIA – CINA – GMG
    I trucchi e le violenze di Pechino per fermare i giovani cinesi alla Gmg

    Vincenzo Faccioli Pintozzi

    Il governo ha bloccato ieri un gruppo di 50 giovani pellegrini, già imbarcati su un aereo diretto a Cracovia. Interrogati per ore all’immigrazione, sono stati “ammoniti” e rimandati a casa con l’ordine di non contattare nessuno all’estero. Nel frattempo, per i luoghi centrali della Giornata mondiale della Gioventù si aggirano “giovani cattolici cinesi”, in gruppi di cinque o sei persone, che hanno il compito di spiare i compatrioti. Lavorano per Istituti culturali o aziende cinesi in Polonia.


    ISLAM-EUROPA
    P. Samir: Terrore islamico in Francia e Germania: crisi dell’integrazione, ma soprattutto crisi della politica

    Samir Khalil Samir

    Il sequestro e l’uccisione di un sacerdote vicino a Rouen (Francia) e i vari attacchi a Würzburg, Monaco, Ansbach (Germania) sono stati compiuti da gente molto giovane e indottrinata con facilità. La Germania era un modello per l’integrazione dei rifugiati. Ma l’islamismo radicale non si lascia assimilare. Esso è sostenuto da Arabia saudita e Qatar. Non c’è altra strada all’integrazione. Ma occorre dire la verità: nel Corano ci sono elementi di guerra e violenza. Ignoranza e perdita di senso morale dei politici occidentali.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®