2 Agosto 2014 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile




Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato
invia ad un amico visualizza per la stampa


» 17/03/2010
UZBEKISTAN
L’Onu esamina la situazione dei diritti umani in Uzbekistan
Il Comitato Onu per i diritti umani deve formulare raccomandazioni a Tashkent per migliorare il rispetto dei diritti. Human Rights Watch raccomanda di chiedere fatti concreti e non semplici ammissioni di principio. Nel Paese sempre più è perseguitata qualsiasi iniziativa sociale non statale.

Tashkent (AsiaNews/Agenzie) – Non  ha soste in Uzbekistan la repressione contro attivisti per i diritti umani, ma anche contro chi vuole solo professare la sua religione con libertà. C’è attesa per le determinazioni del Comitato delle Nazioni Unite per i diritti umani, che l’11 e 12 marzo ha esaminato la questione.

Le autorità uzbeke colpiscono sempre più qualsiasi forma di organizzazione non statale. Il 15 marzo il pubblico ministero ha iniziato le indagini sulla cittadinanza del villaggio di Novbahor, distretto di Parkent, per avere dato denaro all’attivista per i diritti Azamat Yakubov per costruire un impianto per la fornitura di gas alla zona. L’attivista è popolare nel villaggio per la sua opera a favore dei residenti e l’intera cittadinanza, il 10 e 11 marzo, ha manifestato davanti al municipio contro la sua detenzione.   L’analista politico Tashbulat Yuldashev, esiliato negli Usa, spiega all’agenzia Uznews che le autorità vogliono dimostrare che Azamat con quel denaro avrebbe fatto altro, nonostante la costruzione dell’impianto di gas sia davvero iniziata e nonostante egli ci abbia investito anche circa 20 milioni di sum (circa 6mila euro) propri. Intanto a media filogovernativi sono stati chiesti articoli su quanto le autorità locali abbiano migliorato i servizi nelle aree rurali.

Alla fine di febbraio il tribunale di Almalyk ha condannato 13 cristiani battisti a multe per 3,8 milioni di sum ciascuno (pari a due volte il salario minimo mensile, circa 1.200 euro) per “avere fatto proselitismo”. In realtà il gruppo era stato trovato dalla polizia, alla fine di gennaio, in possesso di libri religiosi come la Bibbia.

I 18 esperti del Comitato Onu, che ha in corso il 13mo convegno annuale a Ginevra fino al 26 marzo,  hanno all’esame la situazione del Paese e dovranno svolgere le osservazioni, in teoria obbligatorie per l’Uzbekistan in forza della Convenzione Onu per i diritti civili e politici. Il gruppo Human Rights Watch ha sollecitato il Comitato Onu a chiedere a Tashkent il rilascio degli attivisti detenuti e a fermare le violazioni dei diritti umani, in quanto teme che l’Onu possa soddisfarsi per una mera dichiarazione di principi da parte di Tashkent, senza iniziative concrete. Per questo la ong ha anche elencato 14 attivisti per i diritti e giornalisti arrestati per il loro lavoro (tra cui il poeta Yusuf Juma, nella foto), di cui chiede il rilascio, e ricorda la mancanza di libertà di parola e di religione e l’impunità di cui godono polizia e funzionari di governo.

L’Uzbekistan è ricco di energia e i Paesi occidentali, dopo un lungo embargo, appaiono ansiosi di riprendere contatti e commerci, anche per non lasciare il campo libero a Russia, Cina e altri Stati non interessati alla violazione dei diritti umani. Holly Carter, responsabile di Hrw per Europa e Asia centrale, chiede al Comitato “di non lasciarsi imbrogliare da iniziative vuote [di Tashkent, come la promessa di prossime riforme] e di insistere per riforme effettive e sostanziali”.  


invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
16/04/2008 UZBEKISTAN
Ai lavori forzati il poeta Yusuf Juma, una delle poche voci libere del Paese
27/03/2007 ONU – UZBEKISTAN
L'Onu ferma le indagini sui diritti umani per Iran ed Uzbekistan
21/01/2010 UZBEKISTAN
Tortura in Uzbekistan: sistematica e impunita
28/04/2010 UZBEKISTAN
Anni di carcere o di lavori forzati per chi si riunisce e prega
11/02/2009 CINA - NAZIONI UNITE
L’Onu interroga la Cina sui diritti umani, Pechino risponde sull’economia

In evidenza
VATICANO
Il Papa su Medio Oriente, Iraq, Ucraina: "Fermatevi, ve lo chiedo con tutto il cuore! Fermatevi!"Il ricordo dei bambini, vittime delle guerre, "ai quali si toglie la speranza di una vita degna". Affrontare "ogni diatriba con la tenacia del dialogo e del negoziato e con la forza della riconciliazione". Domani, i 100 anni dallo scoppio della Prima guerra mondiale, "un giorno di lutto". Imparare le lezioni della storia. Il Vangelo ti fa conoscere Gesù vero, vivo; ti parla al cuore e ti cambia la vita, come per san Francesco di Assisi. "La gioia di avere trovato il tesoro del Regno di Dio traspare, si vede. Il cristiano non può tenere nascosta la sua fede".
IRAQ - VATICANO
Patriarca di Baghdad: Il cuore "sanguina" per gli innocenti in lraq, Siria e Gaza. Ed è "triste" per la timidezza del mondo civilizzatoMar Louis Sako invia un messaggio al card. Barbarin, in occasione della marcia di solidarietà con i cristiani dell'Iraq, che si tiene oggi a Lione. "Non ci dimenticate!".
VATICANO
Papa: sono con i cristiani perseguitati di Mosul e del Medio Oriente"Il Dio della pace susciti in tutti un autentico desiderio di dialogo e di riconciliazione. La violenza non si vince con la violenza. La violenza si vince con la pace!". All'Angelus Francesco ha commentato la parabola del buon grano e della zizzania. Dio è "paziente", sa che "la stessa zizzania, alla fine, può diventare buon grano". Ma "al tempo della mietitura, cioè del giudizio, i mietitori eseguiranno l'ordine del padrone separando la zizzania per bruciarla".

Dossier

by Giulio Aleni / (a cura di) Gianni Criveller
pp. 176
by Lazzarotto Angelo S.
pp. 528
by Bernardo Cervellera
pp. 240
Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate