16/04/2008, 00.00
UZBEKISTAN
Invia ad un amico

Ai lavori forzati il poeta Yusuf Juma, una delle poche voci libere del Paese

Condannato a 5 anni per “resistenza all’arresto e aggressione contro la polizia”. Ma molti ritengono che sia stato “punito” per le critiche al presidente Karimov. Condannato anche un figlio, che sarebbe stato torturato in carcere per farlo confessare.

Tashkent (AsiaNews/Agenzie) – Cinque anni di lavori forzati per il poeta dissidente Yusuf Juma, “colpevole”, secondo molti, solo di avere criticato nelle sue opere l’oppressione attuata dal presidente Islam Karimov e di sognare la democrazia e lo Stato di diritto. Il gruppo Human Rigths Defernders Iniziative dice che il tribunale di Bukhara ha condannato il poeta per “resistenza all’arresto e aggressione contro funzionari di polizia”, accuse da lui negate.

Yusuf è stato arrestato nel dicembre 2007 dopo avere partecipato a una manifestazione di protesta. Suo figlio, Bobur Yusuf, è stato anche condannato a 3 anni con pena sospesa. Ha ammesso le accuse, anche se il fratello Alisher Yusuf denuncia che Bobur è stato torturato e minacciato che, se non avesse “ammesso” i propri “crimini”, il padre sarebbero stato condannato a 20 anni.

Yusuf Juma, nato nel 1958 a Bukhara, è una delle poche voci critiche in Uzbekistan. Il massacro di Andijan, dove nel maggio 2005 l’esercito ha sparato sulla folla con centinaia di morti, ha ispirato una serie di poesie.

Il 25 luglio 2007 era già stato arrestato il figlio Mashrab, poi rilasciato per mancanza di prove.

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
L’Onu esamina la situazione dei diritti umani in Uzbekistan
17/03/2010
Rilasciata un’attivista per i diritti, molti altri ancora in carcere
04/06/2008
Hrw, poeta e dissidente uzbeko vittima di abusi in prigione
28/08/2009
Attivista per i diritti umani condannata a 7 anni
02/05/2007
Tashkent, stretto controllo di polizia su moschee e fedeli durante il Ramadan
26/09/2008


Iscriviti alle newsletter

Iscriviti alle newsletter di Asia News o modifica le tue preferenze

ISCRIVITI ORA
“L’Asia: ecco il nostro comune compito per il terzo millennio!” - Giovanni Paolo II, da “Alzatevi, andiamo”