26/04/2011, 00.00
SRI LANKA – ONU
Invia ad un amico

L’Onu pubblica il rapporto sui crimini di guerra. Colombo protesta

Oltre 40mila civili uccisi nei bombardamenti militari; prigionieri giustiziati con un colpo alla testa; donne violentate. Il documento voluto da Ban Ki-moon dipinge un quadro infernale delle fasi finali del conflitto etnico. Nonostante le pressioni esercitate dal governo dello Sri Lanka per evitare la pubblicazione.
Colombo (AsiaNews/Agenzie) – L’Onu ha pubblicato oggi il rapporto in cui accusa il governo dello Sri Lanka dell’assassinio di migliaia di civili, durante le fasi finali del conflitto del 2009. Lo Sri Lanka e i Paesi alleati hanno esercitato invano forti pressioni per evitare la diffusione del documento. In esso, in particolare, si cita un bombardamento dell’aviazione militare dalle vaste proporzioni, che avrebbe ucciso più di 40mila persone. Sin dal suo annuncio, il governo srilankese ha rifiutato la controversa relazione, voluta dal segretario generale delle Nazioni Unite Ban Ki-moon, e in ogni modo ha cercato di evitare la pubblicazione “per non danneggiare gli sforzi di riconciliazione in atto nel Paese”, come riporta un comunicato ufficiale.

Il rapporto Onu dipinge un quadro infernale della vita a Vanni, l’area più estesa della provincia del nord (comprende i distretti di Mannar, Mullaitivu, Vavuniya e parte di Kilinochchi), la cosiddetta “no-fire zone” dove erano stati raccolti 330mila civili: prigionieri freddati con un colpo alla testa, donne stuprate, corpi di bambini straziati. Il rapporto accusa anche i ribelli tamil (Ltte) di aver usato i civili come scudi umani, durante i bombardamenti dell’aviazione militare. Secondo esperti delle Nazioni Unite, quelle riportate nel documento sono “accuse credibili che, se dimostrate, confermano che sia il governo dello Sri Lanka che i membri delle Ltte avrebbero commesso un largo numero di gravi violazioni di diritti umani e internazionali. Alcune delle quali classificabili come crimini di guerra e crimini contro l’umanità”.

Ban Ki-moon ha dichiarato che lo scopo del rapporto è di esortare il governo ad ammettere un riconoscimento ufficiale e formale della sua responsabilità per le vittime civili nelle fasi finali del conflitto del 2009. E ha aggiunto di non avere l’autorità per lanciare un’indagine internazionale sui possibili crimini di guerra, a meno di ricevere un’autorizzazione del governo dello Sri Lanka, o i membri delle Nazioni Unite non facciano una richiesta formale.

Il documento è stato redatto dopo aver raccolto le prove per 10 mesi. La sua pubblicazione è stata rinviata più volte, a causa delle pressioni esercitate dal governo dello Sri Lanka, giustificate per evitare di recare “danni irreparabili” al processo di riconciliazione che sta attraversando il Paese. Il portavoce di Ban Ki- moon ha difeso la decisione di diffondere il rapporto come una “questione di trasparenza, nel più ampio interesse pubblico”. Il governo srilankese aveva ricevuto una copia integrale del documento già lo scorso 12 aprile, insieme alla ripetuta proposta – sempre rifiutata da Colombo – di pubblicare una replica ufficiale del governo insieme al documento Onu.

I primi a denunciare il governo dello Sri Lanka di aver commesso crimini di guerra sono stati i Journalists for Democracy in Sri Lanka (Jds), un gruppo di giornalisti srilankesi in esilio, sia singalesi che tamil. Attraverso il loro sito (http://www.jdslanka.org/), i Jds hanno reso pubblici una serie di filmati. I video mostrano esecuzioni perpetrate dai militari, oltre che atti di violenza di vario genere.

Per il testo integrale del documento Onu clicca qui.
Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Studenti tamil “in scena” per promuovere la pace
17/09/2011
Caritas Sri Lanka: il popolo ha bisogno di una pace sostenibile
10/08/2011
Jaffna, diplomatici e ong possono viaggiare al nord senza autorizzazione
19/07/2011
Sri Lanka: l’opposizione apre al dialogo, per risolvere la questione etnica
12/07/2011
Card. Ranjith in visita tra i tamil, vittime di guerra
14/04/2011