24 Novembre 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  •    - Afghanistan
  •    - Bangladesh
  •    - Bhutan
  •    - India
  •    - Nepal
  •    - Pakistan
  •    - Sri Lanka
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 14/12/2016, 11.56

    INDIA

    L’Orissa ha un nuovo sacerdote, la fede rafforzata nei pogrom (Foto)

    Purushottam Nayak

    P. Munib Pradhan è stato ordinato il 12 dicembre e ieri ha celebrato la sua prima messa. Nel 2004 è stato testimone della dissacrazione della sua parrocchia; nel 2008 ha vissuto le persecuzioni contro i cristiani di Kandhamal.

    Cuttack-Bhubaneshwar (AsiaNews) – La Chiesa cattolica dell’Orissa ha un nuovo sacerdote. È p. Munib Pradhan, che ieri ha celebrato la sua prima messa di fronte a 1500 fedeli. Egli appartiene alla parrocchia di Raikia, nel villaggio di Bakingia (distretto di Kandhamal), dove nel 2004 un gruppo di estremisti indù ha devastato la chiesa parrocchiale e seminato il terrore tra i cristiani. In seguito nel 2008 il distretto è stato travolto dall’ondata di violenze settarie scatenata dagli estremisti. “Nonostante la persistente persecuzione – spiega Juano Pradhan, il padre del nuovo sacerdote – la sua vocazione è stata più forte”.

    P. Pradhan, il quinto di sei fratelli, ricorda che quando la sua parrocchia “è stata vandalizzata, tra i cattolici c’era grande paura. Le persone piangevano lacrime amare. Poi ho assistito a violenze anti-cristiane ancora più atroci, ma sono rimasto fermo nella mia fede di seguire Gesù e compiere l’opera del Signore”.

    Il sacerdote è stato ordinato lo scorso 12 dicembre da mons. Aplinar Senapati, vescovo di Rayagada. La cerimonia si è svolta nella chiesa di Nostra Signora della Carità a Raikia, alla presenza di 3mila fedeli, 35 sacerdoti concelebranti e 20 suore.

    La chiesa è la stessa che il 24 agosto 2004 è stata assaltata da un gruppo di 300 fondamentalisti indù. Armati di bastoni, essi hanno sfondato il portone, invaso la chiesa e distrutto la statua della Vergine, il crocifisso e altre immagini sacre. Hanno aperto il tabernacolo e gettato in terra il Sacramento. Poi hanno vandalizzato strumenti musicali, paramenti, appiccato il fuoco alla Bibbia e ad altri testi liturgici. Oltre al luogo di culto, gli aggressori hanno distrutto diverse abitazioni dei cattolici.

    L’atto criminale è stato condannato da tutte le gerarchie ecclesiastiche. In seguito, nei pogrom del 2008, il villaggio è stato di nuovo scenario di persecuzione. Tra le altre vittime, il 32enne Rajesh Digal è stato sepolto vivo mentre Samuel Digal e la madre sono stati bruciati ancora in vita dagli estremisti.

    P. Pradosh Chandra Nayak, della parrocchia di Raikia, afferma: “Il popolo che vive in questa regione è povero ma ricco di fede, unità e integrità”. “Otto anni fa – aggiunge – i nostri cristiani di Kandhamal sono stati colpiti dalla fornace ardente della violenza settaria. È stato un terribile olocausto, che essi hanno affrontato con dignità e nobiltà, stoicismo e serenità, sacrificando la loro vita e la loro libertà. Dobbiamo prendere la forza da Gesù Cristo nostro Signore e avere fede nelle parole di Tertulliano: ‘Il sangue dei martiri è seme di nuovi cristiani’”.

    L'Orissa ha un nuovo sacerdote-1
    L'Orissa ha un nuovo sacerdote-1


    L'Orissa ha un nuovo sacerdote-2
    L'Orissa ha un nuovo sacerdote-2


    L'Orissa ha un nuovo sacerdote-3
    L'Orissa ha un nuovo sacerdote-3


    L'Orissa ha un nuovo sacerdote-4
    L'Orissa ha un nuovo sacerdote-4


    L'Orissa ha un nuovo sacerdote-5
    L'Orissa ha un nuovo sacerdote-5


    L'Orissa ha un nuovo sacerdote-6
    L'Orissa ha un nuovo sacerdote-6


    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    08/04/2017 10:57:00 INDIA
    Primo sacerdote carmelitano del Kandhamal: Aiuterò gli indù a capire la fede cattolica

    Johnson Digal ha 29 anni e proviene da un villaggio di 20 famiglie, per la maggior parte indù. Durante i pogrom del 2008 la sua casa è stata bruciata ed egli ha vissuto in un campo profughi. “Da quando ho iniziato a fare visita ai miei vicini, essi hanno iniziato a cambiare atteggiamento e non hanno più una concezione negativa del cristianesimo”.



    12/04/2017 12:05:00 INDIA
    Kandhamal, tre cristiani battezzati: siamo disposti a morire per la fede

    Oggi Chandrika Digal e i figli Prabin e Rohim hanno ricevuto il battesimo. Il minore ha avuto anche i sacramenti della confessione e della prima comunione: “sarò un missionario”. I tre cristiani si sono avvicinati alla Chiesa sei anni fa e hanno seguito un percorso di formazione con l’aiuto dei catechisti locali.



    24/08/2017 08:37:00 INDIA
    Mons. Barwa: Il Kandhamal Day a ricordo delle sofferenze dei cristiani

    Domani ricorre il nono anniversario dei pogrom contro i cristiani dell’Orissa. A Kandhamal più di 10mila persone di ogni fede si uniranno insieme “per mostrare solidarietà e amore” alle vittime. L’arcivescovo: “Vogliamo l’applicazione della sentenza della Corte suprema che accorda maggiori risarcimenti”.



    16/08/2017 10:43:00 INDIA
    Associazioni indiane: il 25 agosto ricordiamo le vittime cristiane del Kandhamal

    Il National Solidarity Forum comprende oltre 70 organizzazioni ed è nato all’indomani dei pogrom contro i cristiani del 2008. Osservare il “Kandhamal Day” per non dimenticare le vittime e dare loro giustizia. “Le vostre azioni di solidarietà saranno di ispirazione per coloro che lottano”. Le richieste del Forum.



    16/08/2011 INDIA
    Orissa, si temono nuove violenze dei radicali indù il 23 agosto
    I fondamentalisti celebreranno la giornata di “Protezione della fede” per ricordare lo swami Laksamananda Saraswati, ucciso dai maoisti. L’assassinio ha scatenato tremendi attacchi verso i cristiani innocenti. John Dayal, segretario dell’All India christian council chiede misure preventive per evitare nuove violenze.



    In evidenza

    MYANMAR-VATICANO
    Yangon, ‘ore frenetiche’ per l’arrivo del papa. L’impegno dei cattolici per i pellegrini

    Paolo Fossati

    Attese 200mila persone per la messa solenne al Kyaikkasan Ground. Tra loro anche leader buddisti e musulmani. In arrivo 6mila ragazzi per la messa dei giovani del giorno seguente. Anche filippini, australiani e thailandesi per lo storico viaggio apostolico di papa Francesco. Dal nostro inviato.


    YEMEN
    Il genocidio dello Yemen: dopo le bombe, la fame, la sete e il colera

    Pierre Balanian

    La coalizione guidata da Riyadh blocca l’arrivo di carburante necessario per far funzionare i pozzi. Oltre un milione di persone senza acqua a Taiz, Saada, Hodeida, Sana’a e Al Bayda. Secondo l’Unicef, 1,7 milioni di bambini soffrono di malnutrizione acuta”; 150mila bambini rischiano di morire di stenti nelle prossime settimane. Il silenzio e l’incuria della comunità internazionale. La minaccia di colpire le navi-cargo del greggio. Ieri l’Arabia saudita ha permesso la riapertura dell’aeroporto di Sana’a e del porto di Hudayda, ma solo per gli aiuti umanitari. Una misura insufficiente.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®