21 Luglio 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 14/12/2016, 11.56

    INDIA

    L’Orissa ha un nuovo sacerdote, la fede rafforzata nei pogrom (Foto)

    Purushottam Nayak

    P. Munib Pradhan è stato ordinato il 12 dicembre e ieri ha celebrato la sua prima messa. Nel 2004 è stato testimone della dissacrazione della sua parrocchia; nel 2008 ha vissuto le persecuzioni contro i cristiani di Kandhamal.

    Cuttack-Bhubaneshwar (AsiaNews) – La Chiesa cattolica dell’Orissa ha un nuovo sacerdote. È p. Munib Pradhan, che ieri ha celebrato la sua prima messa di fronte a 1500 fedeli. Egli appartiene alla parrocchia di Raikia, nel villaggio di Bakingia (distretto di Kandhamal), dove nel 2004 un gruppo di estremisti indù ha devastato la chiesa parrocchiale e seminato il terrore tra i cristiani. In seguito nel 2008 il distretto è stato travolto dall’ondata di violenze settarie scatenata dagli estremisti. “Nonostante la persistente persecuzione – spiega Juano Pradhan, il padre del nuovo sacerdote – la sua vocazione è stata più forte”.

    P. Pradhan, il quinto di sei fratelli, ricorda che quando la sua parrocchia “è stata vandalizzata, tra i cattolici c’era grande paura. Le persone piangevano lacrime amare. Poi ho assistito a violenze anti-cristiane ancora più atroci, ma sono rimasto fermo nella mia fede di seguire Gesù e compiere l’opera del Signore”.

    Il sacerdote è stato ordinato lo scorso 12 dicembre da mons. Aplinar Senapati, vescovo di Rayagada. La cerimonia si è svolta nella chiesa di Nostra Signora della Carità a Raikia, alla presenza di 3mila fedeli, 35 sacerdoti concelebranti e 20 suore.

    La chiesa è la stessa che il 24 agosto 2004 è stata assaltata da un gruppo di 300 fondamentalisti indù. Armati di bastoni, essi hanno sfondato il portone, invaso la chiesa e distrutto la statua della Vergine, il crocifisso e altre immagini sacre. Hanno aperto il tabernacolo e gettato in terra il Sacramento. Poi hanno vandalizzato strumenti musicali, paramenti, appiccato il fuoco alla Bibbia e ad altri testi liturgici. Oltre al luogo di culto, gli aggressori hanno distrutto diverse abitazioni dei cattolici.

    L’atto criminale è stato condannato da tutte le gerarchie ecclesiastiche. In seguito, nei pogrom del 2008, il villaggio è stato di nuovo scenario di persecuzione. Tra le altre vittime, il 32enne Rajesh Digal è stato sepolto vivo mentre Samuel Digal e la madre sono stati bruciati ancora in vita dagli estremisti.

    P. Pradosh Chandra Nayak, della parrocchia di Raikia, afferma: “Il popolo che vive in questa regione è povero ma ricco di fede, unità e integrità”. “Otto anni fa – aggiunge – i nostri cristiani di Kandhamal sono stati colpiti dalla fornace ardente della violenza settaria. È stato un terribile olocausto, che essi hanno affrontato con dignità e nobiltà, stoicismo e serenità, sacrificando la loro vita e la loro libertà. Dobbiamo prendere la forza da Gesù Cristo nostro Signore e avere fede nelle parole di Tertulliano: ‘Il sangue dei martiri è seme di nuovi cristiani’”.

    L'Orissa ha un nuovo sacerdote-1
    L'Orissa ha un nuovo sacerdote-1


    L'Orissa ha un nuovo sacerdote-2
    L'Orissa ha un nuovo sacerdote-2


    L'Orissa ha un nuovo sacerdote-3
    L'Orissa ha un nuovo sacerdote-3


    L'Orissa ha un nuovo sacerdote-4
    L'Orissa ha un nuovo sacerdote-4


    L'Orissa ha un nuovo sacerdote-5
    L'Orissa ha un nuovo sacerdote-5


    L'Orissa ha un nuovo sacerdote-6
    L'Orissa ha un nuovo sacerdote-6


    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    08/04/2017 10:57:00 INDIA
    Primo sacerdote carmelitano del Kandhamal: Aiuterò gli indù a capire la fede cattolica

    Johnson Digal ha 29 anni e proviene da un villaggio di 20 famiglie, per la maggior parte indù. Durante i pogrom del 2008 la sua casa è stata bruciata ed egli ha vissuto in un campo profughi. “Da quando ho iniziato a fare visita ai miei vicini, essi hanno iniziato a cambiare atteggiamento e non hanno più una concezione negativa del cristianesimo”.



    12/04/2017 12:05:00 INDIA
    Kandhamal, tre cristiani battezzati: siamo disposti a morire per la fede

    Oggi Chandrika Digal e i figli Prabin e Rohim hanno ricevuto il battesimo. Il minore ha avuto anche i sacramenti della confessione e della prima comunione: “sarò un missionario”. I tre cristiani si sono avvicinati alla Chiesa sei anni fa e hanno seguito un percorso di formazione con l’aiuto dei catechisti locali.



    16/08/2011 INDIA
    Orissa, si temono nuove violenze dei radicali indù il 23 agosto
    I fondamentalisti celebreranno la giornata di “Protezione della fede” per ricordare lo swami Laksamananda Saraswati, ucciso dai maoisti. L’assassinio ha scatenato tremendi attacchi verso i cristiani innocenti. John Dayal, segretario dell’All India christian council chiede misure preventive per evitare nuove violenze.

    26/02/2016 11:01:00 INDIA
    Kandhamal, inaugurato il primo sito internet sulle vittime dell’Orissa

    Il sito è stato creato da un gruppo di attivisti, avvocati, intellettuali e artisti con lo scopo di essere “una fonte autentica di informazioni” sulle violenze del 2008 contro i cristiani. Il governo dell’Orissa ha nominato due commissioni di inchiesta, ma i risultati del loro lavoro non sono stati resi noti. Fino a gennaio 2016, presentate 3.232 denunce, ma solo 827 sono state registrate. Il tasso di assoluzione nei processi di omicidio è dell’88,6%.



    11/02/2016 11:07:00 INDIA
    Sopravvissuti ai pogrom dell’Orissa: Solidali con i cristiani perseguitati in Siria

    I sopravvissuti al più feroce massacro contro la comunità cristiana in India si sono incontrati per la prima volta. Durante l’incontro hanno espresso solidarietà ai cristiani che soffrono in Siria e in Medio Oriente. “In quanto profughi, possiamo davvero capire il vostro dolore”. “L’ondata di violenza diretta ad attuare una pulizia etnica e religiosa contro yazidi e cristiani è un crimine contro l’umanità”. 





    In evidenza

    CINA
    Liu Xiaobo: una fiaccola che illumina la civiltà umana



    La testimonianza del grande dissidente non violento, lasciato morire di cancro, è il più alto contributo all’umanità negli ultimi (sterili) 500 anni di storia cinese. Il ricordo di Liu (e di sua moglie) da parte di un sacerdote del nord della Cina.


    INDIA
    Goa: croci distrutte, cimitero dissacrato. Mons. Neri Ferrao: colpa dell’odio religioso



    Le croci sono state lasciate infrante ai margini della strada. Nel cimitero di Guardian Angel Church danneggiate 28 nicchie, cinque croci di legno e nove in granito, 16 tombe e la grande croce all’ingresso. Sajan K George: “Durante un raduno di indù, un fondamentalista ha detto che tutti quelli che mangiano la vacca devono essere impiccati”.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®