03 Dicembre 2016
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est

  • mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato


    » 14/01/2016, 00.00

    INDONESIA

    L’attentato di Jakarta, opera di un gruppo terrorista legato all’Isis che cercava il predominio nella regione

    Mathias Hariyadi

    Due terroristi si sono fatti esplodere; tre sono stati uccisi negli scontri a fuoco con polizia ed esercito. Uccisi anche un canadese e un indonesiano. Il loro capo, Bahrun Naim, cercava di farsi notare dal califfo al Baghdadi, per farsi nominare capo di tutta la rete terrorista nel sud-est asiatico. Per il gen. Karnavian è cambiato il modo di operare dell’isis: vogliono ampliare le zone dei loro attacchi a Parigi, nel Nordafrica, a Singapore, in Thailandia e in altri Paesi europei. A Natale e Capodanno sventati diversi attacchi terroristi.

    Jakarta (AsiaNews) – L’ispettore capo della polizia, gen. Tito Karnavian, ha rivelato ulteriori dettagli sugli attentati accaduti stamane nel centro di Jakarta, dove una serie di esplosioni e scontri a fuoco hanno portato alla morte sette persone, compresi i cinque terroristi, più un canadese e un indonesiano.

    Nella conferenza stampa il gen. Karnavian ha detto che il motivo che sta dietro alla serie di bombe è “un’esibizione di forza da parte di un gruppo legato all’Isis, per mostrare ad altri gruppi simili in altri Paesi del Sud-est asiatico che quello con base in Indonesia ha la capacità di portare a termine attacchi sanguinosi”.

    Karnavian ha anche detto che il gruppo legato all’Isis è quello presieduto da Bahrun Naim: “Naim vuole stabilire un nuovo capitolo dell’Isis in Indonesia e vuole divenire una figura significativa e un leader dell’Isis in tutta la regione del Sud-est asiatico”.

    “Siamo venuti a conoscere alcuni dettagli sul gruppo e Naim ora è in fuga”, ha aggiunto.

    Perché Naim vuole diventare la figura più importante nel Sud est asiatico?

    Secondo il generale – che è stato anche capo delle squadre anti-terroriste – vi è un cambio significativo nel modo di eseguire attacchi terroristi o esplosioni: non si attacca “solo” in Iraq e in Siria. I capi (“amr”) dell’Isis, ha spiegato, vogliono ampliare le zone dei loro attacchi a Parigi, nel Nordafrica, a Singapore, in Thailandia e in altri Paesi europei. Dopo che è emersa questa idea, Naim, spinto dalla sua ambizione, ha progettato questi attacchi per guadagnare l’attenzione del “califfo” al- Baghdadi e degli altri capi dell’Isis nella regione del Sud est asiatico.

    Da questa visione ambiziosa è nata l’operazione di oggi, che comprendeva attacchi suicidi con esplosivi e armi da fuoco, prendendo di mira poliziotti e stranieri nell’affollato Thamrin boulevard, al centro di Jakarta.

    Il luogo è a 200 metri dall’ambasciata francese, dall’ufficio dell’Onu e alcuni metri in più dall’ambasciata giapponese, britannica e tedesca. A un km vi è poi anche l’ambasciata americana.

    Le vittime sono sette: due terroristi si sono fatti uccidere esplodendo; tre sono stati uccisi dalla polizia negli scontri a fuoco; un canadese e un indonesiano sono vittime innocenti. Altre 15 persone sono rimaste ferite o con graffi, e sono soprattutto poliziotti del traffico, il cui posto è stato fatto saltare per primo dai terroristi usando una bomba artigianale.

    Visitando il luogo dello scoppio, il ministro Luhut Panjaitan ha riconosciuto che polizia ed esercito hanno compiuto un ottimo lavoro, mettendo in sicurezza la situazione in poche ore. Egli ha anche criticato le voci secondo cui i membri della sicurezza sono stati facilmente “disturbati” dal gruppo terrorista.

    Panjaitan, ex generale e creatore di una forza speciale anti-terrore nell’esercito, ha detto che la polizia e l’intelligence sono riusciti a sventare diversi piani di attacchi terroristi a natale e a Capodanno, e che l’attacco di oggi è stato un po’ “diverso dal solito” perché avvenuto in pieno giorno e in una zona molto affollata.

    In un video che circola su YouTube, si vede con chiarezza che due terroristi si nascondono dietro a un veicolo prima di farsi esplodere. Altri due vengono allo scoperto fra la folla e iniziano ad aprire il fuoco contro alcuni poliziotti della strada, per darsi infine alla fuga.

    Dopo l’esplosione, i tre terroristi si sono nascosti in un edificio vicino, fino a che polizia ed esercito non li hanno stanati e uccisi.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    29/12/2015 INDONESIA
    Banda Aceh: proibite di nuovo le feste di Natale e Capodanno
    Lo ha deciso il sindaco della città insieme al governatore provinciale. Le ricorrenze non sono presenti nel calendario islamico ed è “sbagliato dal punto di vista morale festeggiarle”. I non musulmani potranno salutare l’anno nuovo, ma non in pubblico.

    28/12/2015 INDONESIA
    Natale in Indonesia: la carità verso gli orfani e i poveri
    Cuoche professioniste e casalinghe hanno cucinato per centinaia di bambini dell’orfanotrofio di San Vincenzo a Jakarta. Prima del pranzo il vescovo ha ordinato momenti di raccoglimento in preparazione alla nascita di Cristo. A Kalimantan i cristiani hanno dato vita ad una competizione di alberi di Natale costruiti con materiale di scarto.

    28/08/2009 INDONESIA
    Jibril, “mente” delle stragi agli hotel di Jakarta, è legato ad al Qaeda
    Lo conferma il capo della polizia indonesiana, secondo cui l’uomo potrebbe essere presto incriminato come “sospetto terrorista”. Jibril, addestrato in Pakistan, si occupava del reclutamento di terroristi e della raccolta fondi. International Crisis Group denuncia: rete del terrore a Jakarta "diffusa e complessa”.

    26/08/2009 INDONESIA
    Arrestato Mohamad Jibril, “mente” degli attentati agli hotel di Jakarta
    Egli è direttore di un portale web islamico impegnato nella raccolta fondi e nella propaganda del jihad. Catturato anche un cittadino saudita che ha finanziato la strage.

    30/07/2009 INDONESIA
    Il terrorista Noordin Mohammed Top rivendica le bombe agli hotel di Jakarta
    La polizia sospetta dell’autenticità del testo, ma continua le indagini a tutto campo. Nel mirino anche una donna sospettata di essere la moglie dell'esponente della formazione terroristica islamica.



    In evidenza

    IRAQ
    Parroco di Amadiya: profughi cristiani di Mosul, fra l’emergenza aiuti e l’attesa del rientro

    P. Samir Youssef

    In una lettera p. Samir Youssef racconta la situazione dei rifugiati, da oltre due anni lontani dalle loro case. Si segue con attenzione l’offensiva, anche se case e chiese “sono in gran parte” bruciate o distrutte. Con l’arrivo dell’inverno servono cherosene, vestiti, cibo e denaro per pagare il trasporto degli studenti. Un appello per continuare a sostenere la campagna di AsiaNews.


    IRAQ
    “Adotta un cristiano di Mosul”: il dono di Natale per attraversare l’inverno

    Bernardo Cervellera

    Le nuove ondate di profughi, con l’avanzata dell’esercito verso la Piana di Ninive e Mosul rischiano di far dimenticare i rifugiati che da due anni hanno trovato ospitalità nel Kurdistan. C’è bisogno di cherosene, vestiti per l’inverno, aiuti per i bambini, soldi per gli affitti. La campagna lanciata da AsiaNews due anni fa è più urgente che mai. Rinunciare a un dono superfluo per offrire loro un dono essenziale per vivere.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®