25 Luglio 2016
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  •    - Brunei
  •    - Cambogia
  •    - Filippine
  •    - Indonesia
  •    - Laos
  •    - Malaysia
  •    - Myanmar
  •    - Singapore
  •    - Tailandia
  •    - Timor Est
  •    - Vietnam
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est

  • mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato


    » 31/10/2009, 00.00

    INDONESIA

    L’economia indonesiana lotta per ridurre disoccupazione e povertà

    Rosalia Royani

    Una crescita del 7% entro il 2014 l’obiettivo fissato da Yudhoyono per il Paese. Creato un pannello di esperti chiamati a monitorare la situazione e “rimuovere” gli ostacoli allo sviluppo. Gli esperti manifestano dubbi sulle cifre, ma concordano sulle potenzialità della nazione.
    Jakarta (AsiaNews) – Raggiungere una crescita economica del 7% annuo; abbassare la soglia della povertà all’8%; ridurre il tasso di disoccupazione al 5%. Sono gli obiettivi del piano quinquennale di sviluppo Pelita, promosso dal presidente indonesiano Susilo Bambang Yudhoyono, da raggiungere entro il 2014. Un progetto ambizioso che, a detta di molti esperti, sarà difficile da raggiungere. Forse la crescita sarà inferiore, ma tutti concordano che l’indice sarà superiore al tasso mondiale, che si assesta intorno al 3%.
     
    Il 29 e il 30 ottobre scorsi, a Jakarta, si è tenuto per due giorni un Summit dal tema “Per un’Indonesia prospera, giudiziosa e democratica”, organizzata dalla Camera del commercio e dell’industria, cui hanno partecipato più di 1000 persone. Essa ha riunito esperti di finanza, uomini d’affari, funzionari di governo e ufficiali di primo piano del Paese. Durante la cerimonia di apertura, Yudhoyono ha sottolineato che “va rimosso con decisione ogni ostacolo, per promuovere una massiccia crescita economica”.
     
    Economia, finanza, disoccupazione, corruzione sono temi al centro della politica del Capo di Stato indonesiano. Ispirandosi alle campagne lanciate in passato dal generale Suharto nei 32 anni al potere, egli intende promuovere un piano di sviluppo per “raggiungere una crescita economica del 7% e ridurre disoccupazione e tasso di povertà rispettivamente al 5 e all’8%” entro il 2014.
     
    Per centrare l’obiettivo ha previsto la creazione di un pannello di esperti – a stretto contatto con il governo – chiamati a “monitorare” 24 ore su 24 la situazione del Paese e “rimuovere” eventuali ostacoli. Yudhoyono ha affidato la guida del gruppo di lavoro a Kuntoro Mangkusubroto, ex Ministro dell’energia e Capo della protezione civile di Aceh. Egli dovrà “eliminare le strozzature” che ostacolano lo sviluppo, fra cui le storture burocratiche e i regolamenti in materia di ambiente. Anche le personalità inserite  nella squadra di governo vogliono lavorare sull'economia. Alle finanze vi è la “lady di ferro” Sri Mulyani, artefice della crescita, aliena da compromessi con i “cattivi ragazzi” del Paese e dalle idee chiare in materia di tassazione. Il dicastero del Commercio è affidato a Marie Elka Pangestu e l’Economia ad Hatta Radjasa – ex titolare dei Trasporti – l’unico che ha ricevuto critiche perché definito “incompetente” e la nomina è frutto di “uno scambio politico”. In passato, egli ha dovuto dimettersi dall’incarico a causa dell’aumento degli incidenti ferroviari, aerei e stradali, che hanno causato centinaia di vittime.
     
    Tuttavia, il gruppo gode della fiducia della maggioranza dei cittadini. Esso ha guidato il Paese verso una forte crescita e un progressivo sviluppo nel panorama internazionale, tanto che oggi l’Indonesia è la terza economia asiatica dopo Cina e India. E la scelta di affidare la vice-presidenza a Boediono, ex governatore della Banca centrale indonesiana, è un ulteriore segnale del cammino intrapreso da Yudhoyono per la nazione.
     
    Gli obiettivi di crescita fissati dall’esecutivo vengono però ridimensionati da diversi esperti di economia che concordano nel fissare uno sviluppo superiore al 3% previsto  per l’economia mondiale. “Non vi saranno grandi passi in avanti nei prossimi anni” dice ad AsiaNews l'economista Hartono. Per l' analista economico originario del Borneo occidentale, il tasso di crescita si attesterà sull’attuale “4 o 5%, che resta comunque un buon valore”. Muclis Supendi, ex manager di banca, conferma la “fiducia” degli operatori negli obiettivi fissati dal governo e plaude alla scelta di Sri Mulyani alle finanze e Elka Pangestu al Commercio. A. Sentot Suciarto, docente all’Università cattolica di Soegijapranata, nello Java Centrale, precisa che la crescita economica è figlia della “politica anticorruzione” e dei “sussidi” lanciati da Yudhoyono, anche se la percentuale annua “non supererà il 4/5%”.
    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    06/03/2009 INDONESIA
    Indonesia a rischio recessione. Meno 30% nelle esportazioni
    Per il 2009 previsioni di crescita non superiori al 4%. Il calo nell’export aggrava la disoccupazione: ad agosto 2008 quasi 10 milioni senza lavoro, ma le cifre sono destinate a crescere. Ministro delle finanze invoca misure urgenti per frenare il deprezzamento della moneta.

    05/02/2009 SINGAPORE
    Lavoratori migranti, prime vittime della recessione mondiale
    A Singapore 100 operai immigrati rinchiusi per tre mesi in una gabbia. Il datore di lavoro non voleva essere denunciato per il mancato pagamento degli stipendi arretrati. Nel 2009 saranno tagliati 51 milioni di posti di lavoro. Secondo i dati Ilo entro fine anno il livello di disoccupazione mondiale sarà del 7,1%.

    07/03/2009 ASIA
    Asia, la crisi economica mondiale colpisce più le donne
    Nel 2009 saranno almeno 22 milioni le donne senza un lavoro. La percentuale mondiale di disoccupazione femminile sarà del 7,4%, rispetto al 7% fra gli uomini. La manodopera femminile affetta dal crollo nel settore delle esportazioni.

    05/03/2010 INDONESIA
    Jakarta, scontro fra governo e opposizione sul salvataggio della Bank Century
    Il parlamento chiede una commissione di inchiesta per verificare irregolarità nello stanziamento di circa 716 milioni di dollari. Il Golkar invoca le dimissioni del vice-presidente e del Ministro delle finanze. Lo scontro cela una lotta fra l’ala riformista che lotta contro la corruzione e “poteri forti" della finanza. I cattolici auspicano “trasparenza”.

    07/12/2012 ASIA
    Adb taglia le stime di crescita per l’Asia
    A pesare sono le “incertezze” in Europa e negli Stati Uniti e il ridimensionamento dello sviluppo dell’economia indiana. New Delhi registra un calo nella produzione e un saldo negativo nelle esportazioni. In ripresa la Cina e indici molto positivi per le nazioni del sud-est asiatico (esclusa Singapore), un traino per tutto il continente.



    In evidenza

    ASIA-GMG
    Card. Gracias: Alla Gmg di Cracovia i giovani asiatici portano i valori asiatici

    Nirmala Carvalho

    I nostri pellegrini asiatici non portano solo la grandezza, la vitalità e la bellezza dell’Asia, ma anche la diversità multi-culturale, il pluralismo e i valori asiatici dell'ospitalità, la famiglia e, naturalmente, la Chiesa dei giovani. Alla scoperta di Cracovia e del carisma di Giovanni Paolo II, iniziatore della Gmg.


    SIRIA
    Orrore ad Aleppo: gruppo ribelle “moderato” decapita un bambino palestinese



    Il movimento Nur Eddin Zanki ha sgozzato l’11enne Abdallah Issa al grido di “Allah Akhbar”. Il bambino è stato giustiziato per aver collaborato con l’esercito governativo. Prima di morire egli è stato vittima di torture. Il comando generale, prende una (timida) distanza dalla barbara uccisione. Il gruppo è sostenuto da Turchia, Usa, Qatar e Arabia saudita.

     


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®