17 Febbraio 2018
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  •    - Brunei
  •    - Cambogia
  •    - Filippine
  •    - Indonesia
  •    - Laos
  •    - Malaysia
  •    - Myanmar
  •    - Singapore
  •    - Tailandia
  •    - Timor Est
  •    - Vietnam
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 01/05/2017, 09.44

    PAPUA N. GUINEA – VIETNAM

    L’eroica carità di suor Trinh per i pescatori vietnamiti detenuti in Papua



    I giovani pescatori vietnamiti sfruttati per la pesca illegale. Il pericolo della tratta di esseri umani. La suora in grado di ottenere il rimpatrio di 87. Altri 18 seguiranno a breve. La gratitudine del governatore guineano e l’orgoglio della diocesi.

    Alotau-Sideia (AsiaNews) – Suor Ma Theresa Trinh Vu Phuong, delle Figlie di Maria Ausiliatrice (Fma), lavora senza sosta per la scarcerazione e il rimpatrio di numerosi pescatori vietnamiti. Oltre 130 di questi pescatori erano detenuti nelle prigioni di Alotau, Giligili e Bomana, in Papua Nuova Guinea, con l’accusa di pesca illegale nella provincia orientale di Milne Bay.

    Suor Trinh si prende cura dei loro bisogni e funge da interprete e mediatrice durante le audizioni in tribunale. Inoltre comunica con le loro famiglie a casa, e provvede a pagare le sanzioni e ad ottenere tutti i documenti e i biglietti aerei per il loro ritorno in Vietnam. Sr. Trinh è una suora salesiana vietnamita che lavora in un istituto di formazione delle ragazze nell'Isola di Sideia, diocesi di Alotau.

    “È molto inquietante che questi giovani pescatori vietnamiti possano essere vittime della tratta di esseri umani. Essi vengono sfruttati da chi li impiega, per pescare illegalmente senza una licenza adeguata o garanzia di protezione o sicurezza da parte dei loro datori di lavoro. C'è l'urgente necessità umanitaria di porre fine a tutto ciò. È un grave abuso sui diritti e la dignità di questi giovani. Una volta catturati, sono quasi totalmente dimenticati e abbandonati. I diritti di questi giovani devono essere rispettati e deve esser concesso loro un lavoro migliore e dignitoso”, ha dichiarato mons. Rolando Santos, vescovo della diocesi di Alotau-Sideia.

    Ad oggi suor Trinh è stata in grado di ottenere il rimpatrio di 87 pescatori vietnamiti. Altri 18 seguiranno a breve. Grazie al coraggio di questa piccola suora e al sostegno offerto dalla sua comunità salesiana, tutti saranno presto in grado di tornare alle loro famiglie.

    Il governatore della provincia di Milne Bay ha espresso la sua profonda gratitudine a suor Trinh per l'aiuto che ha offerto per facilitare il caso dei detenuti vietnamiti. La diocesi è orgogliosa di lei: “La sua carità è veramente eroica e degna di emulazione”, ci hanno detto.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    08/04/2014 PAPUA N. GUINEA - AUSTRALIA
    I rifugiati di Manus, una tragedia sociale che pende sul capo della Papua
    L'Australia si scarica la coscienza dando aiuti finanziari, che per le Chiese locali rappresentano "complicità nel traffico di esseri umani", ma la Papua Nuova Guinea non è in grado di fornire a queste persone un futuro dignitoso. Rimandarli a casa significa ucciderli, e spostarli è per ora impossibile. Un dramma che coinvolge tutti noi.

    14/07/2017 12:50:00 CAMBOGIA
    Thailandia, l’esodo di migliaia di migranti cambogiani senza documenti

    Dal 28 giugno scorso, in 8.328 hanno fatto ritorno in Cambogia. Rischiano multe tra i 1.000 e i 2.000 euro e pene fino a cinque anni di reclusione. La mancanza di denaro è il fattore principale che incentiva i migranti a restare senza documenti. I rimpatriati decidono di rimanere nel Paese d’origine o di ritornare in Thailandia senza documentazione.



    01/05/2017 09:49:00 TURCHIA
    Ankara, due milioni di giovani vittime del lavoro minorile. Anche profughi siriani

    Il 78% viene impiegato in modo “clandestino”, senza diritti né tutela sanitaria, risarcimenti per infortunio. Almeno 56 i minori morti lo scorso anno in incidenti sul lavoro, ma sono stime al ribasso. L’aumento del numero di bambini sfruttati legato alla “crescita significativa” della povertà minorile. Profughi minori siriani utilizzati in modo illegale nelle industrie del tessile.



    15/05/2014 PAPUA NUOVA GUINEA
    Vescovi della Papua al governo: Salvate la vita, fermate le sterilizzazioni
    In una lettera aperta ai governanti, la Conferenza episcopale ricorda il mutuo rispetto e la collaborazione che vige tra le istituzioni politiche e religiose del Paese. I prelati avvertono le autorità riguardo "nuove e pericolose tendenze", come la "crescente ideologia politica che collega lo sviluppo con il controllo della popolazione". Il testo integrale della missiva.

    28/09/2007 CINA - PAPUA NUOVA GUINEA
    Ribellioni al “colonialismo” cinese in Papua-Nuova Guinea
    Decine di migliaia di cinesi si sono stabiliti nell’isola, anche immigrando illegalmente, e hanno occupato commerci legali e non. Portano via materie prime e sfruttano i lavoratori pagando poco. Hanno “importato” persino gruppi criminali. Ora la rabbia della popolazione esplode in saccheggi di massa contro i negozi cinesi.



    In evidenza

    CINA-VATICANO
    Le lacrime dei vescovi cinesi. Un ritratto di mons. Zhuang, vescovo di Shantou

    Padre Pietro

    Un sacerdote della Chiesa ufficiale, ricorda il vescovo 88enne che il Vaticano vuole sostituire con un vescovo illecito, gradito al regime. Mons. Zhuang Jianjian è diventato vescovo sotterraneo per volere del Vaticano nel 2006. Il card. Zen e mons. Zhuang, immagine della Chiesa fedele, “che fa provare un’immensa tristezza e un senso di impotenza”. Le speranze del card. Parolin di consolare “le sofferenze passate e presenti dei cattolici cinesi”.


    CINA-VATICANO-HONG KONG
    Il card. Zen sui vescovi di Shantou e Mindong

    Card. Joseph Zen

    Il vescovo emerito di Hong Kong conferma le informazioni pubblicate nei giorni scorsi da AsiaNews e rivela particolari del suo colloquio con papa Francesco su questi argomenti: “Non creare un altro caso Mindszenty”, il primate d’Ungheria che il Vaticano obbligò a lasciare il Paese, nominando un successore a Budapest, a piacimento del governo comunista del tempo.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

     









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®