20/06/2007, 00.00
FILIPPINE
Invia ad un amico

L’esercito dichiara di aver avvistato p. Bossi, il Pime non conferma

Secondo generale Ben Dolorfino, il missionario del Pontificio Istituto Missioni Estere rapito il 10 giugno scorso sarebbe stato visto da alcuni soldati nel villaggio di Sapad, a Lanao del Norte. I missionari della casa regionale del Pime non hanno conferme dell’avvistamento.
Zamboanga (AsiaNews) – Alcuni soldati dell’esercito filippino avrebbero visto di persona il p. Giancarlo Bossi, missionario del Pontificio Istituto Missioni Estere rapito il 10 giugno scorso, in un villaggio nei pressi di Nunungan, nella provincia di Lanao del Norte. Lo afferma il generale Ben Dolorfino, anche se i missionari del Pime della casa regionale di Zamboanga non hanno conferme dell’avvistamento.
 
Secondo il militare, p. Bossi è stato visto insieme a 13 uomini, presumibilmente i suoi rapitori, nel villaggio di Sapad. Il missionario è stato descritto come “stanco, ma fisicamente sano”. L’esercito, ha aggiunto il gen. Dolorfino, “si sta impegnando per creare un cordone umano intorno alla zona. E’ ora molto importante immobilizzare il gruppo”.
 
La zona in cui sarebbe tenuto prigioniero p. Bossi, conclude il generale, è “montuosa e piena di vegetazione: inoltre, le piogge ed il vento di questi giorni rendono difficile ogni contatto con il gruppo. I rapitori sono del posto e sanno come muoversi”.
Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Mindanao, “preghiera continua e speranza” per p. Bossi
28/06/2007
Nessun contatto con i rapitori, le ricerche di p. Bossi ripartono da Payao
25/06/2007
Ripartono le ricerche per p. Bossi
22/06/2007
Interrotte le ricerche di p. Bossi, sciolta la cooperazione fra Milf ed esercito
21/06/2007
Un blog per chiedere la liberazione di p. Giancarlo Bossi
20/06/2007