27 Aprile 2015 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile





Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato
invia ad un amico visualizza per la stampa


» 15/06/2012
VATICANO
L'uomo deve essere il centro dello sviluppo sostenibile
Una nota dell'osservatore permanente della Santa Sede sulla conferenza Rio+20. L'essere umano, al quale è affidata la buona gestione della natura, non può essere dominato dalla tecnologia, né divenirne un oggetto. L'uomo non può essere visto come un ostacolo allo sviluppo. Grandi potenzialità e qualche rischio nella green economy.

New York (AsiaNews) - Al centro dello sviluppo sostenibile ci deve essere l'uomo, lo sviluppo umano integrale. E a tale scopo occorre ricordare che l'economia non è eticamente "neutra", perché ogni scelta economica ha una conseguenza morale. E' quanto ribadisce il Vaticano in una nota dell'osservatore permanente alle Nazioni Unite, che esprime la posizione della Santa Sede sulla conferenza delle Nazioni Unite sullo sviluppo sostenibile, Rio+20, che si tiene nella città brasiliana dal 13 al 15 giugno.

La conferenza, afferma il documento, "rappresenta un importante passo nel processo che ha significativamente contribuito a una migliore comprensione del concetto di sviluppo sostenibile e dell'interazione tra i tre noti pilastri di tale concetto: crescita economica, protezione dell'ambiente e promozione del benessere sociale".

Ma "la persona umana viene per prima. Dobbiamo ricordarcelo. Al centro di uno sviluppo sostenibile c'è l'uomo. L'essere umano, al quale è affidata la buona gestione della natura, non può essere dominato dalla tecnologia, né divenirne un oggetto. La realizzazione di questo obiettivo deve guidare gli Stati a riflettere insieme sul futuro di breve e medio termine del nostro pianeta, consci della loro responsabilità per la vita di ogni persona e per tecnologie che possono aiutare a migliorarne la qualità. Le priorità politiche ed economiche debbono essere l'adozione e la promozione, in ogni situazione, di modi di vita che rispettino la dignità di ogni essere umano e il sostegno di ricerche e utilizzazioni di fonti di energia e di tecnologie capaci di salvaguardare il patrimonio della creazione, senza provocare danni all'essere umano".

Per questo il Vaticano invita a "porre l'attenzione sul legame esistente tra lo sviluppo sostenibile e il progresso umano integrale. Bisogna tenere in considerazione, insieme al benessere sociale e materiale, ai valori etici e spirituali che guidano e danno un senso alle decisioni economiche e di conseguenza al progresso tecnologico, in quanto ogni decisione economica ha conseguenza morali. La sfera della tecnica economica non è eticamente neutrale, né per sua natura, inumana e antisociale. Essa appartiene all'attività dell'uomo e, proprio in quanto umana, deve essere strutturata e istituzionalizzata.

Serve, insomma, un cambiamento di mentalità per scoprire "l'arte di vivere insieme", uomo e natura, in un rispetto senza il quale "la famiglia umana rischia di scomparire"

Negli ultimi decenni, si legge ancora nella dichiarazione, ci sono stati grandi cambiamenti nella comunità internazionale, dovuti allo straordinario progresso scientifico e tecnologico, che tuttavia coesiste con "deviazioni e drammatici problemi" di numerosi Paesi e con la drammatico crisi economica e finanziaria dei nostri giorni.

Porre la centralità della persona come punto di partenza, inoltre, "aiuta a evitare i rischi connessi con l'adozione di un approccio neo-malthusiano, sterile e riduzionistico, che vede l'essere umano divenire un ostacolo allo sviluppo sostenibile. Non c'è conflitto tra la persona e il suo ambiente, ma piuttosto un patto stabile e indissolubile, nel quale l'ambiente condiziona la vita e lo sviluppo dell'uomo, mentre questi, a sua volta, perfeziona e nobilita l'ambiente con il suo lavoro creativo, produttivo e responsabile. E' questo patto che deve essere rinforzato".

Il Vaticano, infine, sostiene che la green economy ha la potenzialità di "dare un importante contributo alla causa della pace e della solidarietà internazionale". Essa va però applicata in modo da "essere chiaramente indirizzata verso la promozione del bene comune e la eliminazione della povertà a livello locale, elemento essenziale per lo sviluppo sostenibile". Va però posta attenzione a che essa non condizioni il commercio,  sviluppando forme latenti di "protezionismo verde" e che sia anch'essa mirata all'integrale sviluppo umano.


invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
31/12/2009 VATICANO
Papa: la Chiesa promuove lo sviluppo integrale dell’uomo in risposta all’amore di Dio
16/10/2009 VATICANO-INDIA
Il Vaticano propone agli indù un impegno comune per lo sviluppo umano integrale
29/04/2008 VATICANO
Cristiani e buddisti educhino a prendersi cura della Terra
02/05/2007 VATICANO
Papa: ambiente, rispetto umano e riconoscimento dei valori spirituali, le sfide al mondo di oggi
02/10/2009 VATICANO-FILIPPINE
Papa: sostegno ai “coraggiosi passi” di Manila per promuovere pace e sviluppo sostenibile

In evidenza
VATICANO
Papa: Il ricordo e la preghiera per una “nuova tragedia” dei migranti, “fratelli nostri” che “cercavano la felicità”Al Regina Caeli, papa Francesco fa pregare per le centinaia di vittime del barcone affondato al largo della Libia. Un appello alla comunità internazionale perché “agisca con decisione e prontezza”. “Ogni battezzato è chiamato a testimoniare, con le parole e con la vita, che Gesù è risorto, che è vivo e presente in mezzo a noi”. Il messaggio cristiano “non è una teoria, un’ideologia o un complesso sistema di precetti e divieti, oppure un moralismo, ma un messaggio di salvezza, un evento concreto, anzi una Persona: è Cristo risorto, vivente e unico Salvatore di tutti”. Il papa sarà a Torino il 21 giugno per onorare la Sindone, la cui ostensione comincia oggi.
ARABIA SAUDITA - YEMEN
Con la guerra in Yemen, l’Arabia Saudita maschera le tensioni interne
di Afshin ShahiIl conflitto in Yemen serve all’Arabia Saudita per coprire i suoi problemi interni, primo tra tutti la disuguaglianza tra le classi e il settarismo religioso. La famiglia reale ostenta lo sfarzo più assoluto mentre il 20% della popolazione vive in povertà. Molti giovani sauditi scontenti alimentano l’esercito dei “foreign fighters” dello Stato islamico (IS). Il 15% della popolazione è di religione sciita e subisce pesanti restrizioni dallo Stato sunnita. La lucida analisi di Afshin Shahi, Direttore del Centro di studi di politica islamica e Professore di Relazioni Internazionali e di Politica del Medio Oriente all’università di Bradford.
VATICANO
Papa: Sulle persecuzioni dei cristiani, la comunità internazionale “non assista muta e inerte”, non “rivolga il suo sguardo da un’altra parte”Al Regina Caeli (la preghiera mariana nel tempo di Pasqua), per la sesta volta in una settimana, papa Francesco ricorda il martirio dei cristiani e denuncia l’indifferenza della comunità internazionale verso questa “preoccupante deriva dei diritti umani più elementari”. I martiri di oggi “sono tanti e possiamo dire che siano più numerosi che nei primi secoli”. “La fede nella risurrezione di Gesù - ha continuato - e la speranza che Egli ci ha portato è il dono più bello che il cristiano può e deve offrire ai fratelli. A tutti e a ciascuno, dunque, non stanchiamoci di ripetere: Cristo è risorto!”

Dossier


by Giulio Aleni / (a cura di) Gianni Criveller
pp. 176
Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate